Ogni lasciata è persa!

copertina ogni cliente lasciato è perso

Quando un vecchio modo di dire spiega perfettamente come mai i tuoi clienti non tornano.

Quanti clienti ti perdi per strada senza nemmeno accorgertene?

Quanti sarebbero diventati tuoi clienti abituali se solo tu ti fossi dedicato a loro?

Ogni cliente lasciato è perso!

bimbo con cuore bansky
Ciao ciao cliente del mio cuor…a mai più rivederci!

Ieri il Sarto ha lavorato da casa perché aspettava una visita. Il tecnico della Caldaia.

Una di quelle cose che proprio non ci pensi, ma la caldaia va pulita, guarda un po’.

Entra il tecnico, mi fa battute, è simpatico, mi racconta di come 20 anni prima si è trasferito da Napoli a Bologna per motivi familiari. Finiamo a parlare di come si è fatto male alla partita di calcetto di una settimana prima perché aveva scommesso una pizza ma davvero non ha più l’età…

fantastico

È più il tempo che parliamo di quello che ci mette a finire il lavoro. Segna i dati, lascia un foglietto, la ricevuta, prende i soldi.

Ci salutiamo ed è già per strada che corre all’appuntamento seguente.

lavoratore
Addio, amico sconosciuto!

Ed io mi ritrovo spaesato.

Qualcosa non va…

Mi sembra che ci sia stato qualcosa che non ha funzionato…

…anzi, NON HA FUNZIONATO NULLA!

NULLA!

Chi è? Come si chiama? Dove lavora? E se ho ancora bisogno di lui?

Tanto anche la prossima volta sarà urgente, mi sarò scordato della pulizia della caldaia, mi servirà il suo aiuto!

È stato pure simpatico!

Guardo sul foglietto, sono tutti dati catastali e della caldaia…nulla di utile, tipo un cellulare, orari, una mail…

Perché non mi ha lasciato nulla? E quando avrò di nuovo bisogno di lui?

Che ne so…già ho saltato un anno di pulizia della caldaia perché mi sono scordato, che a gestire tutti i Sarti avrò ben altri pensieri per la testa, no? Di sicuro mi ricapiterà!

Perché non mi ha chiesto come mi chiamo, se sono sposato, quanto uso la caldaia, che esigenze ho, SE MI SERVE CHE MI SIA RICORDATO DI PULIRLA TRA UN ANNO, PER ESEMPIO?

PERCHÉ?!?

cimitero
Mi sento desolato, abbandonato…

Imprenditore, parlo direttamente a te.

Se scopro che ti comporti così, giuro che ti vengo a prendere e ti faccio passare un brutto quarto d’ora!

Tu sei uno che legge la roba del Sarto, non puoi permetterti scivoloni pietosi come questi.

Ho una reputazione io!

Ogni cliente, OGNI FOTTUTO CLIENTE, quindi te non sarai l’eccezione, mi dice delle puttanate galattiche tipo “ma il mio cliente non ci vuole che lo disturbo, poverettinoh!”

Ma cosa hai nel cervello?

Ok, calma. Respira Sarto, calmati e ricomincia.

Caro Imprenditore, cara Imprenditrice,

io ti voglio bene, ma se non ci pensi tu ai tuoi clienti, lo sai chi ci pensa?

La concorrenza! Ti prende il cliente, se lo coccola abbastanza, lo corteggia, lo aiuta, fa cose utili e tu scompari.

E se stai leggendo le mie parole TU NON VUOI SCOMPARIRE.

Vero?

Tu devi INTERESSARTI al tuo cliente in maniera sincera e genuina.

Davvero. Non devi fingere, non funziona.

Devi interessarti a lui, capire cosa gli serve, cosa gli migliora la vita…e poi fare in modo di essere la sua salvezza.

manichino
Fallo o finisci male!

Per esempio, se il Tecnico della Caldaia fosse stato preparato, si sarebbe segnato di chiamarmi a gennaio 2021 facendomi un grandissimo favore.

E non solo: mi avrebbe potuto chiedere anche un prezzo più alto, perché un tale favore lo pago volentieri…

…e tu devi fare lo stesso! Prendi i dati del tuo Cliente, poi mandagli a casa il materiale gusto per permettergli di ricomprare da te!

Mica gli devi dire cosa hai mangiato a colazione….devi mandargli cose interessanti ed utili!

Hai saputo che gli piacciono i peperoni? Allora contattalo per dirgli che hai inventato una nuova pizza ai peperoni!

Sai che i figli devono passare dalle elementari alle medie? Allora contattalo per dirgli che hai il set bimbo pronto!

Hai sentito che ha un’esigenza che puoi risolvere? Allora contattalo per dirgli che vantaggi e benefici trarrebbe dal fare una certa cosa (cioè darti i soldi)!

“e vabbé Sarto, bella sta cosa eh, ma come faccio?”

parlare forte

Tutto questo puoi farlo con estrema facilità, basta:

  • Fare domande al tuo Cliente (pare assurdo, ma devi parlarci!)
  • Prendere i suoi dati (che se hai fatto un buon lavoro lui ti da molto volentieri)

Mi torna in mente un negozio di roba per la casa, anni fa. Entra una dolce vecchina e fa “ce l’avete sta cosa?” e il titolare “Eh no, l’ho finita proprio ieri…mi sa che torna martedì”

Va bene, magari ripasso”

“Arrivederci”

AAAAAAAAAHHHHHHH!

MI SALTANO I NERVI!

La simpatica vecchina meritava una risposta diversa!

importante

Voglio dire: si è vestita. È uscita di casa. Ha camminato, magari facendo pure fatica, solo per venire da te. Aveva un bisogno ed ha scelto TE per colmarlo.

Praticamente l’unica cosa che devi fare è vendere qualcosa ad una persona che sta facendo di tutto per comprare. Non ci vuole una scuola no?

Io non capisco dove sia la difficoltà, te lo giuro.

Basta rispondere: “ah si? Le serve questo materiale? Quanto? Che ci fa? Allora mi dia il numero che appena arriva lo metto da parte per lei, magari prima che finisca di nuovo.

Ma le serve spesso? Le tolgo io il problema di pensarci, la contatto personalmente prima che lo finisca, così può prenderlo e non rimanere mai senza!

E, dolce signora, c’è intanto quest’altra cosa che, nel frattempo, anche se non è quello che cercava, può darle una mano!”

E TAAAAC

Cliente preso per sempre.

ruggito
YEAH

Ti svelo un segreto: un cliente che entra nel tuo negozio senza che sia stato tu a convincerlo è una MINIERA D’ORO.

È un’anomalia. Una cosa strana. Una tipologia di cliente in via di estinzione.

Sei talmente convinto che i clienti ti trovino da soli che non fai caso alle gigantesche opportunità che ti capitano in continuazione.

Ricorda: la normalità NON sono i clienti che arrivano da soli. Quello è lusso.

La normalità è che te li devi CERCARE, devi inseguirli, devi investire e magari può essere che vengano in negozio!

Se arrivano DA SOLI tu devi fare la tua parte!

Se non lo ricontatti, il cliente, se lo prende la concorrenza che lo ascolta, lo vizia e non smette mai di COMUNICARE con lui!

Se fino ad ora ti è andata bene così è solo FORTUNA.

bimbo su strada
No piccolo cliente…non te ne andare!

Ma ciò che ti distruggerà il Business è ad un passo da te. Dietro l’angolo. Sta per arrivare e ti spazzerà via come un’onda anomala: il Concorrente che Comunica con i suoi Clienti.

Se non lo fai tu, ricordati che c’è chi lo fa. Ed è il responsabile delle tue difficoltà a far crescere il numero dei tuoi clienti affezionati.

Segnati questa: la COMUNICAZIONE non è solo on-line.

Non è nemmeno solo cartacea, per posta o a mano.

La COMUNICAZIONE ha a che fare con quelle cose che tu dici al Cliente da quando si interessa a te a quando compra da te e anche dopo, PER SEMPRE.

Meno comunichi col tuo Cliente Su Misura, più lui sarà COSTRETTO ad andare dalla concorrenza perché tu non gli dai un bel niente e non gli rimane che guardare al prezzo.

Ora magari ti starai chiedendo: Sarto, che c’entra sta roba con i Social?

Primo: se non sai comunicare con i Clienti dal vivo, considerando che farlo sui Social è più difficile, mi sembra giusto partire da lì.

Secondo: se ti prendi i dati del tuo cliente, poi puoi seguirlo con i Social…e moltiplicarlo come abbiamo fatto con Gino in questo articolo!

Vedi che alla fine, anche se mi arrabbio, ti porto sempre buone notizie? E allora vale la pena che clicchi qui e ti iscrivi alla mia Newsletter, così di buone notizie e consigli ne puoi avere tutte le settimane.

E se hai finalmente capito che se non comunichi con i tuoi clienti SEMPRE, non solo quando gli vai a sistemare la Caldaia e gli racconti del calcetto, fatti un bel regalo: clicca qui, prenota la tua Consulenza Strategica Gratuita con il tuo Tutor dedicato e inizia a coccolare i tuoi clienti ANCORA PRIMA che tu li veda nella tua attività.

E non dimenticare mai:

VESTITI BENE E PRENDI IL WEB A MAZZATE

Il Sarto

logo i sarti del web

Richiedi la consulenza GRATUITA del Sarto

Fai click qui!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *