Vabbè ma io c’ho i FOLLOWERZ

Ecco perché devi pagare Zuckerberg anche se hai millemila like alla pagina e il tuo prodotto è bellissimo

 

Oggi parliamo di Social Media.

Si, Sarto, parli sempre di Social

 

Lo so, ma anche se ne parlo sempre, gli scogli contro cui vanno a sfasciarsi ed affondare i progetti di business in Italia sono sempre gli stessi.

E siccome ANCHE QUESTA SETTIMANA m’è arrivata la solita richiesta (o quasi)… mi tocca spiegare le basi!

 

Ecco l’antefatto:

i Sarti, vuoi o non vuoi, entrano in un sacco di uffici. Aziende di vario tipo, da quella familiare con qualche dipendente ad aziende ben strutturate, grandi e solide.

Magari ti starai chiedendo come fa il Laboratorio a trattare con tipi diversi di aziende… ma la spiegazione è semplice: la Comunicazione funziona SOLO se è costruita perfettamente Su Misura.

Quindi il compito della mia squadra è di costruire, di volta in volta, il progetto più adatto per chi ci ha chiesto aiuto.

Ma vediamo a cosa è successo.

 

 

In questo caso si parla di una grande azienda, con più di 100 anni di storia, un nome conosciuto e un mercato internazionale florido, con un lancio negli Stati Uniti andato molto bene.

L’azienda è in crescita, il Covid ha dato i suoi problemi ma non ci sono sofferenze.

Un bel progetto per i Sarti!

Allora, come di consueto, mando il Modellista e parte della squadra a presenziare ad un lungo colloquio conoscitivo finalizzato alla costruzione del progetto preliminare.

L’azienda in questione ha scoperto, finalmente, che i Social sono fondamentali per andare a cercare, trovare e fidelizzare i Clienti Su Misura. Il Modellista mi riferisce che l’incontro è andato molto bene, l’azienda ha le idee chiare e ci sono tutti i presupposti per fare un ottimo lavoro.

E fin qui siamo col vento in poppa.

Poi, però, arriva la botta!

Una di quelle cose che mi ha convinto, oramai da tempo, a non andare quasi mai personalmente a conoscere nuovi clienti.

“noi non abbiamo mai fatto sponsorizzate…”

 

Profondo respiro…

Prima di continuare passo un quarto d’ora a giocare coi gatti o mi piglia male.

 

Ok, te la dico tutta: questa volta in realtà non è andata così male. L’azienda in questione conosce abbastanza bene le dinamiche dei Social ed ha già capito che non può più lavorare senza sponsorizzate e PER QUESTO ha chiesto un aiuto a noi.

Stavolta è andata bene, tutto liscio.

 

Ma ho ripensato a tutte quelle volte che è andata ben diversamente. A tutte quelle infinite volte in cui la frase completa che è arrivata alle mie orecchie è stata

 

“non abbiamo mai fatto sponsorizzate e non vogliamo farne, abbiamo tantissimi like alla pagina!”

 

Imprenditore, imprenditrice… ascoltami bene. Che magari hai un’idea simile ed è il caso di scardinarla velocemente!

 

 

Il Social Media è lo strumento più potente in assoluto per raggiungere giornalmente migliaia di potenziali clienti in maniera costante.

Il 79% degli Italiani è sui Social… di cui il 98% si connette almeno una volta al giorno! (dati Hootsuite)

E ci passa dalle 2 alle 6 ore… ogni giorno!

È come avere una vetrina in una piazza infinita.

Tuttavia, pur essendo molto popolata, la piazza è composta in gran parte di “passanti distratti”, che non hanno alcun interesse nel guardare proprio la tua vetrina.

 

Lo so, fa male.

 

Perché ognuno di noi pensa che il proprio prodotto/servizio sia il migliore al mondo, che piacerà ai clienti, che la gente si strapperà i capelli per comprarlo.

Ma la realtà è ben diversa, per due motivi:

 

  1. Al cliente non piace il tuo prodotto/servizio quanto piace a te. Mai! Anzi, è proprio tuo compito fargli capire quanto vale quello che vendi, non solo mostrarglielo. Perché lui è distratto continuamente dai tuoi concorrenti e ti vede come uno dei tanti…
  2. Anche se mostri bene il tuo prodotto/servizio… lo notano pochissimi. Anche quelli interessati. La tua vetrina magari è bellissima, ma nessuno la degna di uno sguardo.

 

E come mai?

Beh… perché Zuckerberg vuole i tuoi soldi.

Semplice.

E ti dirò di più: nemmeno bastano i soldi. Per far funzionare bene la macchina, devi anche gestirli con precisione, quei soldi. Tanti o pochi che siano!

 

Cioè: DEVI FARE LE SPONSORIZZATE!

 

E devi farle BENE

 

 

Qualora non lo sapessi ti chiarisco le idee.

Qualcuno pensa che avere tanti Followers o tanti Like alla pagina significhi automaticamente maggior visibilità verso persone palesemente interessate.

Come dire: faccio un post, ho 1000 Like alla pagina, quindi ho un pubblico automatico di mille persone che vorrebbero proprio comprare.

Ecco, questo non solo è sbagliato, ma è anche un potenziale danno enorme al tuo business.

 

I motivi per cui maggior numero di followers non significa maggior numero di persone interessate che vedono i tuoi post si articola in due parti:

  • Innanzitutto, non credere che chi ti segue sia un potenziale cliente. La gente sui Social cazzeggia, passa il tempo. Ed esattamente come tu guardi quella stessa vetrina dello stesso negozio vicino al tuo ufficio ogni giorno da anni senza comprare mai nulla, lo stesso fa l’utente sui Social. Ti spara un like perché gli è piaciuta una cosa una volta, poi passa il resto del tempo a ignorarti facendo finta di darti attenzioni. In altre parole: solo una parte dei like della tua pagina è frutto di reale interesse.

Il resto, gente a caso che si e no fa numero e non ti serve a niente. Ho fatto anche un video su questo: guardalo se te lo sei perso!

 

  • E poi… Zio Zucky non vuole che la gente veda i tuoi post gratis. E non gli basta nemmeno, perché lui è spietato. Fa proprio la mossa vigliacca: più followers hai, meno visibilità ha la tua pagina. Ora non stare a gridare al complotto o a quanto è cattivo Zucky. Ricorda che è uno strumento… sta a te decidere se usarlo o meno. E se lo usi… non fai tu le regole.

Quindi i Social ti “premiano” con meno visibilità se hai più Like alla pagina. Questo perché Zucky dice: più pubblico? Bene, allora hai i soldi. E i tuoi soldi li voglio io.

 

Ora spero ti sia chiaro come fa Zio Zuchy ad essere uno degli uomini più ricchi del mondo.

E quindi…

Devi fare le sponsorizzate. Non hai scelta.

Quindi, vediamo di farle perfette, no?

Lo vuoi il trucco per non sbagliare mai?

 

 

Sarebbe bello vero?

La risposta è: MAGARI!

La notizia buona è che sui Social puoi trovare tutti, ma proprio tutti, i tuoi clienti. Quella cattiva è che l’algoritmo non ti lascia fare quello che vuoi!

Per un complesso sistema di protezione dell’esperienza dell’utente finale non basta semplicemente impostare un pubblico, ad esempio di un milione di utenti, e spendere soldi.

Anche fossero MOLTISSIMI soldi!

L’algoritmo tenderà a presentare la promozione ESCLUSIVAMENTE ad una piccola frazione del gruppo/bersaglio. Per questo tutte le campagne tendono ad avere un picco positivo ed una inevitabile discesa dei risultati…

Per ottenere risultati bisogna creare, monitorare, modificare, duplicare e monitorare ancora in un ciclo infinito!

 

Guarda, ti faccio vedere un bel “dietro le quinte”

Questo è ciò che trovate aprendo l’account pubblicitario di un nostro cliente nel settore dell’edilizia. All’incirca 12 campagne create al mese, e aprendo la sezione “inserzioni”…

 

 

Trovi ben 42 diverse promozioni. Variazioni grandi o piccole del tema in cerca del Copy, del pubblico e della grafica migliore per attirare il contatto!

 

 

 

 

Questo ciclo infinito di creazione, monitoraggio, modifica e duplicazione è un lavoro artigianale che permette un risultato costante nel tempo contrapposto ad una spesa di budget minima!

Qui sotto i dati del Pixel che traccia le visite al sito tramite le campagne. (i picchi negativi riguardano le ore notturne)

 

 

Un altro esempio da mostrarti è questo cliente, che vende servizi alle aziende, che ci ha commissionato una Strategia di raccolta collaboratori tramite Webinar

 

 

I settori, come vedi, possono essere estremamente diversi, ma il mezzo si presta agli scopi più disparati.

 

Questo è un dettaglio dei tipi di “pubblico” che i Social ci permettono di creare.

 

 

Saperli utilizzare fa una enorme differenza fra lo sprecare soldi in ricerche vaghe e colpire con cura il Cliente Su Misura.

 

Ma tutto questo… a che diavolo serve?

Lo so, ti aspettavi che un bel post fatto bene, che gira sui social a suon di euri… colpisce tutti.

Ma non è così. Nemmeno lontanamente.

Perché tutto questo è un sistema complesso per… raccogliere dati di performance e migliorare la propria Comunicazione continuamente, andando a beccare via via i modi più performanti per colpire direttamente i tuoi clienti su Misura!

E… vedere quando e quanto comprano!

Il controllo delle Conversioni nei punti chiave dei siti associati al Pixel permette di tenere sotto controllo l’efficacia delle campagne: la Campagna converte? Da dove arrivano i nominativi?

Sono domande la cui risposta nasconde la chiave del successo di una campagna!

 

 

ATTENZIONE: non ho detto “una sponsorizzata”, ma una CAMPAGNA e non a caso.

Voglio farti capire che non ha senso pensare in termini di POST.

Ogni tuo post è solo un MINUSCOLO elemento della tua strategia. È una Campagna, fatta di numerosi post, sponsorizzate ben fatte e materiali di comunicazione adeguati a portare i Clienti Su Misura da te. Non un post!

Anche qui, non voglio crearti confusione.

I Post sono elementi cardine delle tue campagne, non puoi farne a meno e non puoi farli male. Devi anche metterli in una strategia completa, ma prima di tutto… devi saperli scrivere!

E se vuoi che siano ben fatti, performanti e meravigliosi per il tuo pubblico…

Eccoti l’arma segreta:

il mio primo libro – VESTITI BENE E PRENDI IL WEB A MAZZATE – 373 pagine in cui ho riversato tutto il mio sapere e ti ho dato, in maniera facile e comprensibile, tutte i miei trucchi per scrivere post e impostare strategie… a prova di Zio Zucky!

Clicca qui e prendine subito una copia!

e finalmente i tuoi post saranno visibili, letti con gusto e… parte di una strategia potente!

E non dimenticare mai:

VESTITI BENE E PRENDI IL WEB A MAZZATE!

Il Sarto

 

Logo Sarti del Web

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *