Come scegliere il tema WordPress ideale…

immagine vettoriale di un sito web

“…e non trovarsi a dover rifare tutto da zero perché il sito fa schifo.”

Questa settimana torniamo a parlare di siti web e, nello specifico, di WordPress.

Non hai mai sentito parlare di WordPress? È lo strumento migliore per realizzare siti web in autonomia e ne ho parlato ampiamente qui.

Se non l’hai fatto, corri subito a vederlo!

La domanda a cui rispondo oggi mi è stata fatta più volte da quando ho deciso di tenere questa rubrica:

“Fabbro, come posso scegliere il tema WordPress ideale?”

Questa è una delle domande più comuni di chi si interfaccia con WordPress la prima volta e, sono sicuro, te la sarai fatta anche tu.

Innanzitutto mi preme chiarire un concetto.

Non esiste il tema WordPress ideale per tutti, quindi la risposta è sempre “dipende”.

Esiste però un metodo per aiutarti a selezionare quello più utile per te e la tua attività e te lo fornirò oggi stesso!

Quindi armati di un po’ di pazienza e afferra una tazza del tuo caffè preferito.

il fabbro con una tazza di caffè
Il Fabbro non perde mai l’occasione per sorseggiare un buon caffè

Cose da fare prima di scegliere un tema WordPress

Prima di sporcarti le mani su WordPress c’è una cosa molto importante che devi fare.

Si tratta della fase più sottovalutata da chi è alle prime armi e io stesso ho commesso l’errore di tralasciarla durante i miei primi anni di attività.

Per meglio comprendere, ti spiego cosa fanno le persone alle prime armi con la realizzazione dei siti web e i problemi cui vanno incontro.

Gli inesperti scelgono il tema WordPress da utilizzare prima di avere bene in mente l’immagine definita del proprio sito web. O meglio, credono di avere in mente l’immagine definita del proprio sito web, ma in realtà non ce l’hanno.

Capita a tutti, è normale, l’ho fatto anche io.

Quali sono i problemi di questo approccio?

  • Finisci per adattare il tuo sito al tema anziché scegliere il tema adatto. Ti limiti a rimpiazzare i contenuti della demo (l’anteprima del tema) con i tuoi e ne viene fuori una cosa completamente impersonale, senza vita.
  • Ti ritrovi con un tema pesantissimo, ingombro di funzioni inutili per il tuo sito. Questo l’ho visto accadere tantissime volte. Il risultato: siti lentissimi a caricare, soprattutto su cellulare.
  • Il sito semplicemente ti viene brutto o diverso da come l’avevi immaginato. Questo può essere anche fonte di demotivazione. Ho visto tante persone mollare a causa di quest’esperienza e non voglio succeda anche a te perché tivvibì.

“Va bene, Fabbro. Come posso evitarlo?”

Crea un prototipo del tuo sito

Disegna il tuo sito su carta. Anche se non sai tenere in mano una matita!

A noi succede sempre nel Laboratorio dei Sarti del Web.

Il Modellista è veramente negato, ma è lui che stabilisce con la squadra le strategie per i clienti… e deve disegnare. Punto. Ma non è un problema… il risultato non deve finire nelle gallerie d’arte, basta disegnare dei riquadri. Vuoi usare un menù laterale anziché la classica barra in alto? Va bene, disegnala e cerca di capire se ha senso o se inficia la navigazione. Però fallo prima di iniziare a utilizzare un tema WordPress!

Prenditi del tempo, in fondo è una delle parti più divertenti della realizzazione.

Fatti un’idea precisa degli spazi che occuperanno le varie sezioni del sito.

Se sei bravo su Photoshop o Canva (o qualsiasi altro programma grafico) sfrutta pure le tue competenze per realizzare un prototipo. Ma fidati, è sempre meglio se lo disegni prima su carta.

Inizia con un tema gratuito

Questa sezione risponde ad un’altra domanda molto comune: “Fabbro, posso realizzare il mio sito con un tema gratuito?”

Se non hai mai realizzato un sito web in autonomia fino ad ora, dovresti usare assolutamente un tema gratuito.

Però non travisare e ascoltami bene.

I temi a pagamento sono sempre meglio. È vero, oggi esistono tanti temi gratuiti molto validi ma sei limitato a quei due o tre.

I temi a pagamento sono migliori per tanti motivi:

  • sono realizzati e aggiornati da un team pagato per farlo;
  • se hai qualsiasi tipo di problema puoi interfacciarti con un team pagato per fornirti assistenza;
  • vivono sempre più a lungo rispetto ai temi gratuiti, ragion per cui molti hanno una community attiva. All’interno di questa community troverai sempre qualcuno che ha avuto il tuo stesso problema e l’ha risolto in passato.

“Non ho capito, Fabbro. I temi a pagamento sono i migliori e mi stai chiedendo di usarne uno gratuito?”

Sperimenta prima di aprire il portafogli! Installa diversi temi gratuiti e fai tanta pratica. Soltanto quando ti sentirai pronto, cerca il tema a pagamento più simile al prototipo del tuo sito web e acquistalo.

Sperimenta su WordPress.com

Se non te la senti di iniziare a smanettare da subito sui tuoi domini e hosting puoi aprire un account gratuito su WordPress.com.

Usalo per testare tutti i temi che vuoi senza rischiare di fare casini sul tuo dominio principale.

Avvertenze: non pensare di sviluppare il tuo sito definitivo su WordPress.com. L’obiettivo è fare pratica con le varie funzioni del software. Puoi comprare un dominio su WordPress.com e hostare lì il tuo sito, però non te lo consiglio. Non mi dilungherò adesso sui motivi per cui dovresti hostare il tuo primo sito su OVH, ma dai un’occhiata a questo articolo.

Installa plugin, inserisci foto e testi, spacca il sito, ma soprattutto divertiti e scopri tutte le potenzialità di WordPress.

Dove cercare temi WordPress premium

Hai aperto un account su WordPress.com, ti sei divertito ad installare più temi gratuiti e hai sperimentato un bel po’?

Complimenti! Adesso sei pronto a ricercare il tema premium ideale per realizzare il tuo primo sito web.

Nota: ti sei accorto che non tutti i temi WordPress hanno la stessa logica? Molti temi fatti seriamente (anche quelli gratis) hanno una documentazione da leggere sul sito per spiegarti come si installano e si usano. Ogni tema è diverso e richiede del tempo per essere utilizzato con maestria. Dedica qualche minuto alla lettura della documentazione e ti riuscirà tutto più semplice.

Sono convinto che stai per chiedermi: “Ok Fabbro, dove posso trovare i migliori temi WordPress?”

Io personalmente acquisto la maggior parte dei miei temi su Themeforest e dovresti farlo anche tu.

Themeforest è un enorme marketplace di temi WordPress filtrabili per tipologia:

  • Blog/Magazine;
  • per Corporate;
  • Creativa;
  • Ecommerce;
  • Educazione;
  • Intrattenimento;
  • Tecnologia…

… e tantissimi altri ancora.

screen della schermata principale di themeforest
La schermata principale di Themeforest si presenta così

Per acquistare qualsiasi tema devi registrare un account gratuito sul sito.

Una volta acquistato un tema potrai scaricarlo all’interno del tuo pannello utente e installarlo sul tuo sito.

Caratteristiche di un buon tema WordPress

Chiudo in bellezza questo articolo elencandoti una serie di caratteristiche che devi osservare per selezionare il tema WordPress per il tuo sito web:

  • documentazione accurata. La documentazione del tema dev’essere chiara e approfondita.
  • pochi plugin. Più plugin installi su WordPress e più rischi di far esplodere il sito. Guarda sulla documentazione la lista dei plugin inclusi e, se ce ne sono più di 5 da installare obbligatoriamente per far funzionare il tema, passa oltre.
  • supporto clienti rapido ed efficace. Fatti un giro sul forum con le richieste di supporto per verificare se il team di assistenza del tema lavora bene e velocemente.
  • mobile responsive. Osserva attentamente come si presenta la demo del tema sul tuo cellulare. Molti temi sono bellissimi da vedere su Desktop ma lasciano a desiderare su cellulare. Mi raccomando: non trascurare questo dettaglio, è importantissimo. Se il tuo sito non funziona sui cellulari è inutile.
  • less is more. Non scegliere un tema incasinato di elementi grafici e dai colori troppo sgargianti; punta su un design minimal e facilmente navigabile.

Se cerchi bene su Themeforest sono convinto riuscirai a trovare senza troppe difficoltà un tema in grado di soddisfare tutte queste caratteristiche.

“Va bene Fabbro, ma come faccio se non riesco a trovare un tema adatto al mio sito web?”

Se il tuo sito è davvero particolare dovresti porre la tua attenzione sui temi builder.

I temi Builder funzionano con la logica a blocchi di elementi. Pensa a questi blocchi come a dei mattoni da usare per costruire la tua casa online.

Avvertenze: i temi builder non sono semplici da utilizzare e richiedono un bel po’ di esperienza. Se è la prima volta che realizzi un sito web, evitali come la peste!

Conclusioni
Scegliere il tema WordPress ideale per il proprio sito web può essere un’impresa faticosa senza delle linee guida.

Spero di averti fornito anche oggi parecchi spunti di riflessione utili. Se l’articolo ti è stato utile iscriviti alla newsletter del Fabbro perché continuerò a parlare di siti web nelle prossime settimane: clicca subito qui e vedrai che presto per te diventerà facilissimo usare il martello per spaccare il web!

A martedì prossimo,
Il Fabbro

6 pensieri su “Come scegliere il tema WordPress ideale…

  1. Vera Ghirardini dice:

    Caro Manuel,
    più ti leggo più capisco perchè te pagano per fare i siti, sto sclerando con il mio e il problema più immediato era…che cercavo di adattare quel che voglio al tema sbagliato. Adesso vedo di recuperare. ps: lo sai sì ovh ha avuto un incendio ed è andato tutto in down per una settimana, i giorni scorsi? Ho controllato e mi pare che le impostazioni base date nei tuoi primi articoli rimangano settate com’erano dopo le tue modifiche suggerite, o dici che meglio ripartire da zero?

    • Il Fabbro dice:

      Ciao Vera, tutto regolare: è un errore che ho commesso molte volte anche io 🙂
      Se le impostazioni sono le stesse prosegui pure, nel caso tu abbia necessità di tornare indietro valuta di utilizzare “WP Reset” (https://it.wordpress.org/plugins/wp-reset/). Si tratta di un plugin per resettare il sito alle impostazioni iniziali (fai attenzione però perché perdi tutti gli articoli e le pagine).
      PS su incendio OVH: per fortuna nessun danno sui nostri siti 🙂 Hanno risolto in fretta!

      • Vera dice:

        Grazie Manuel per la dritta, sono ancora in fase di preparazione del sito – o anche “a carissimo amico” come si dice a Roma – e non ci sono ancora articoli, dunque un po’ mi salvo.
        Ad ogni passaggio mi salta fuori un piccolo scoglio e apprezzo che tu tenti di spiegare come fare ai super neofiti come me.
        Ora lo scoglio è Il modulo ssl: non è installato automaticamente da ovh – pur essendo incluso nel pacchetto, così mi sono accorta solo dopo aver installato il cms che NON avevo un sito https. Ora ho aggiornato, presa dal panico poichè temevo di aver scelto il pacchetto sbagliato su ovh e che il modulo ssl fosse incluso, ho aggiunto un plug in che si chiama Really simple ssl, anche se in verità non mi è servito per installare l’ssl perchè ho dovuto seguire la procedura di ovh che lo fa installare dalla sezine “multisito” e via dicendo. Ora è già stato effettuato il reindirizzamento 301, qualsiasi cosa implichi, solo che mi mette questa scritta:

        “Il tuo file .htaccess non contiene tutti gli header di sicurezza consigliato.

        HTTP Strict Transport Security
        Content Security Policy: Upgrade Insecure Requests
        X-XSS protection
        X-Content Type Options
        Referrer-Policy
        Expect-CT”

        Ora, con un po’ di ricerca ho trovato un link di wordpress ( https://www.wpsecurity.press/it/a-cosa-servono-gli-http-security-headers/ ) in cui mi spiega cosa sono i security headers, vedo che infatti il mio sito non risultano sicure le immagini che aggiungo per fare delle prove su come modificarlo.
        Nel link mi indica come aggiungere righe di script (non so se è preciso quel che scrivo ma sono sicura che mi segui), ma non ho idea di come si aggiungano righe al mio sito e temo di fare un caos. ci sono alternative per beginners?

        o è più facile di come credo? se io avessi installato subito l’ssl mi sarei risparmiata questo caos o sarebbe comunque stato necessario? me lo voglio segnare per il prossimo sito/landing page!

        • Il Fabbro dice:

          Ciao Vera, in realtà non devi fare nulla di tutto ciò. Se hai attivato “Really Simple SSL” correttamente sei a posto. Ti basta digitare l’indirizzo del tuo sito col protocollo “http://” davanti per capire se viene re-indirizzato in automatico su “https://” oppure no. Lascia perdere le altre cose che tira fuori Really Simple SSL perchè è il loro modo di venderti il plugin Premium, di cui non hai bisogno 🙂 Se le immagini del tuo sito non fossero sicure i browser non re-indirizzerebbero correttamente su “https://” e comparirebbe una notifica di fianco all’icona del lucchetto nella barra degli indirizzi, ma se non succede non hai bisogno di fare nulla.

          • Vera dice:

            Ho fatto il tentativo che mi indichi, ed il sito viene effettivamente convertito ad https:// automaticamente, ma rimangono le segnalazioni di alcuni elementi non sicuri – dice ad esempio immagini.

            Altra domanda dimenticata prima: un elemento di “salute del sito” mi indica come pericoloso non avere un tema predefinito come alternativa a quello scelto nella sezione Aspetto-temi. Mi fa terrorismo dicendo che in caso di problemi lo userebbe per mantenere il sito attivo. Ignoro?

            • Il Fabbro dice:

              Se il sito viene convertito automaticamente non dovresti avere problemi di contenuti misti. Fai click col tasto destro del mouse su una foto del tuo sito e seleziona “Visualizza immagine”; controlla l’url dell’immagine se ha protocollo “http://” o “https://”. Anche in questo caso, tutto regolare se visualizzi il secondo protocollo.
              Seconda domanda: succede perché su mio suggerimento hai eliminato i 3 temi predefiniti. Ti consiglio di installare il plugin “All in one WP migration” (https://it.wordpress.org/plugins/all-in-one-wp-migration/) e di esportare periodicamente un backup del sito (ogni volta che effettui delle modifiche o aggiungi contenuti al sito e prima di effettuare aggiornamenti a plugin, versione WordPress e tema). In questo modo, se ci fossero problemi, potresti importare l’ultimo backup ed essere sempre a posto!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *