Centrare o entrare?

Robin Hood può centrare un bersaglio… ma non *c’entrare in una disputa!

Primissima cosa: vedi quell’asterisco prima di *c’entrare? Significa che *c’entrare è una forma scorretta, che non va mai scritta; siccome nell’articolo di oggi parleremo di molte forme scorrette, te le segnalerò tutte in questo modo.

 

Oggi parleremo infatti di un errore molto diffuso, e che purtroppo sta prendendo sempre più piede.

 

A tal proposito… ti devo svelare una cosa. Questo argomento mi sta molto a cuore, e non lo scorderò mai più, perché una volta mi è capitato di commettere questo errore in un testo. Ho scritto, con leggerezza, “Non vedo cosa possa c’entrare”.

Tremendo. Dramma e tragedia.

Quando mi è stato fatto notare è stato terribile… ma da allora non l’ho più dimenticato né sbagliato!

 

Purtroppo, ogni tanto capita di sbagliare: l’importante è imparare ad accorgersene subito, correggere, e non commettere più lo stesso errore.
Oggi quindi impareremo da un mio errore e andremo a scoprire come usare i verbi entrare e centrare in maniera corretta… e ci scolpiremo nella mente che il verbo *c’entrare non esiste!

 


Gli errori più comuni li incontriamo quando vengono scambiate tra di loro le forme centra e c’entra, che ovviamente sono diverse e significano cose diverse, ma anche quando decliniamo all’infinito: centrarci potrebbe andare bene, in determinati contesti, ma sicuramente *c’entrarci è SEMPRE un errore!

 

Come imparare a distinguerli? Andando ad analizzare il loro significato e il modo in cui vanno usati… così poi non avrai più scuse!

 

L’italiano è una lingua affascinante… e la lingua è il mezzo più potente che hai per far crescere la tua attività, perché è la base di tutta la tua Comunicazione online! Certo, le immagini sono importanti e attirano l’occhio, ma alla fine sono sempre i testi a fare la differenza.

 

Ecco perché ogni lunedì, un argomento alla volta, insieme scopriamo “come scrivere bene”. Solo conoscendo bene questo strumento, e usandolo al meglio, potrai far sì che i tuoi testi siano capaci di conquistare il cuore di tutti i tuoi clienti: più saranno corretti e interessanti, più i clienti penseranno a te come esperto e competente

CLICCA QUI per iscriverti alla newsletter e non perderti nemmeno un articolo della Penna Rossa!

 

E ora, andiamo a scoprire le differenze tra entrare e centrare!

 

CENTRARE

Partiamo dalla base: il verbo centrare.

Scopriamo cosa ci dice il GRADIT (Grande Dizionario Italiano dell’Uso):

 

  1. colpire nel centro: centrare un bersaglio, centrare il boccino
  2. fig., cogliere, individuare con acutezza e precisione: centrare un problema, centrare l’argomento; centrare un personaggio, di attore o regista, interpretarlo o rappresentarlo correttamente evidenziandone le caratteristiche fondamentali | conseguire in pieno: centrare l’obiettivo
  3. fissare nel centro: centrare il compasso; in fotografia e sim., inquadrare nel centro dell’obiettivo, del fotogramma o dello schermo: centrare un soggetto, un’immagine sullo schermo

 

Deriva dal sostantivo centro, al quale è stata aggiunta la desinenza -are: il suo significato, come vedi, è sempre strettamente connesso con il significato appunto di “centro”. Che si tratti di un bersaglio, un obiettivo, un argomento, sempre al suo centro finiamo.

 

Esempi

  • Robin Hood ha vinto la gara centrando perfettamente il bersaglio.
  • Sul manifesto, il logo deve essere centrato.
  • Nell’immagine di copertina siamo di lato, il grafico dovrebbe centrarci.
  • Centra la buca al primo colpo e ti offro la cena!
  • Giacomo è riuscito a centrare perfettamente il problema.

 

Silvan Arnet on Unsplash

 

ENTRARE O ENTRARCI

Sicuramente sai riconoscere benissimo da solo la differenza tra centrare, che abbiamo appena visto, ed entrare: ma per amor di precisione consultiamo il dizionario.

Per entrare, il GRADIT riporta più di dieci significati, ma tutti riconducono al primo, il principale:

 

  1. v.intr. (essere) passare dall’esterno all’interno; andare dentro: entriamo in casa, una gran folla stava entrando allo stadio, mi è entrato un sassolino nella scarpa; venire all’interno: entra pure!, entrate!; immettersi: entrare in autostrada; immergersi: entrare in acqua | infilarsi: questa chiave non entra nella toppa, il chiodo entra nel muro

 

Il concetto è quindi quello di entrare dentro qualcosa, che sia un luogo fisico, un gruppo, un vestito, una condizione, una faccenda in cui immischiarsi.
Fin qui, tutto chiaro.

 

I problemi sorgono quando abbiamo a che fare con il derivato entrarci, ovvero entrare + la particella enclitica ci, che indica “dentro cosa”.
In questo caso, la prima persona singolare è io ci entro, e non solo io entro come invece avviene per il verbo entrare nella sua forma “pura”. Da io ci entro, passiamo naturalmente a io c’entro, ovvero all’elisione dovuta all’incontro tra due vocali.

Mi segui?
Io c’entro = io ci entro

 

Il GDLI (Grande Dizionario della Lingua Italiana) puntualizza riguardo a entrarci:

 

1)    con valore intensivo, ‘trovare posto, avere spazio sufficiente per stare in qualcosa’: in questa macchina c’entrano quattro persone; ‘essere contenuto’: il due nel quattro c’entra due volte;

2)    per il caso che qui ci interessa maggiormente, in senso figurato con il significato di ‘avere parte, attinenza, relazione con qualcosa’: che c’entra questo con quanto è accaduto?, non c’entra niente, io non c’entro!, come nella nota locuzione entrarci come i cavoli a merenda -tra l’altro, usata quasi sempre nella forma c’entra come i cavoli a merenda e molto più raramente all’infinito.

 

Vediamo qualche esempio:

  • Io non c’entro niente con questa faccenda.
  • Quello che stai dicendo non c’entra niente. 
  • Quei vestiti non c’entrano niente con il tuo stile. 
  • Quella scultura nella rotonda sembra non entrarci niente con la città.

 

In questi casi troviamo la prima tipologia d’errore: l’omissione dell’apostrofo e l’uso di io centro quando invece si deve scrivere io c’entro.

 

NON farlo mai! Per distinguerli, pensa sempre al significato: è coinvolto in qualche modo il centro effettivo di qualcosa? Stai puntando un bersaglio? Allora l’apostrofo non ci va.

 

Ma se invece stai parlando di entrare in qualcosa, o essere inerente a qualcosa, metti sempre l’apostrofo. Puoi anche fare la prova del nove: se usando la forma non elisa, ovvero io ci entro/egli ci entra ecc. tutto torna, allora sicuramente è il caso di usare l’apostrofo e di non scrivere tutto attaccato.

 

Nick Fewings on Unsplash

 

CENTRARE VA BENE… *C’ENTRARE NO!

Ecco svelato perché *c’entrare è sempre sbagliato, senza se e senza ma: perché NON esiste (e se lo scrivi… BACCHETTATE!). 

 

La forma corretta di questo infinito è entrarci.

Punto.

 

In realtà, questa norma così netta è un aiuto: se te la ricordi, ogni volta che sei in dubbio se mettere o meno l’apostrofo, ti basta pensare al significato e confrontare i due infiniti, centrare ed entrarci.

 

Esempio
Non capisco cosa dovrebbe centrare il grafico. -> questa frase vuole inequivocabilmente dire che non capisci quale elemento il grafico dovrebbe allineare al centro; NON che non capisci in che modo il grafico sia implicato nella faccenda.

In questo secondo caso, dovresti dire:

Non capisco perché il grafico dovrebbe entrarci.

 

Tutto chiaro? Ricorda: se sei in dubbio, pensa sempre al significato che vuoi esprimere… e se in qualche modo è coinvolto il centro di qualcosa oppure no.

 

Jeshoots on Unsplash

 

QUINDI…

Centra l’obiettivo, ma non usare argomentazioni che non c’entrano! E se proprio devono entrarci, pensa bene a quello che stai cercando di dire!
(Quanto mi diverto a fare esempi inserendo nel discorso gli argomenti di cui abbiamo parlato – la Penna Rossa si diletta così.)

 

Il significato che stai cercando di esprimere è alla base di tutto: una volta che ricordi che la forma corretta è entrarci e non *c’entrare, sei a cavallo!

 

Ora sta a te!

 

I tuoi testi ti aspettano, pronti per scendere in campo per far crescere la tua azienda grazie a una Comunicazione online efficace e basata sullo scrivere bene. So che è impegnativo, ma i risultati ti ripagheranno: più i tuoi testi saranno curati, più la stima e la fiducia dei tuoi clienti aumenteranno… insieme alla voglia di comprare da te e non dai tuoi concorrenti.

 

Sei impaziente di metterti alla prova?

 

Allora non aspettare: acquista ora la tua copia del primo libro del Sarto, VESTITI BENE E PRENDI IL WEB A MAZZATE, un manuale pratico per imparare come impostare la tua Comunicazione Online e per trasformare la tua pagina social in un magnete attira clienti!

 

Clicca qui per acquistarlo ora a solo 27 euro!

 

E per scoprire altri errori da NON fare…

…ci vediamo lunedì prossimo!

 

La Penna Rossa

 

BIBLIOGRAFIA

BARATTER P., Il punto e virgola. Storia e usi di un segno, Carocci, Roma 2018.

BECCARIA G.L., Dizionario di linguistica e di filologia, metrica, retorica, Einaudi, Torino 2004.

BERRUTO G., Corso elementare di linguistica generale, UTET, Torino 2012.

CANNAVACCIUOLO A., Manuale di copywriting e scrittura per il web, Hoepli, Milano 2019.

CERRUTI M., CINI M., Introduzione elementare alla scrittura accademica, Laterza, Roma-Bari 2010.

D’ACHILLE P., L’italiano contemporaneo, Il Mulino, Bologna 2006.

DEL BONO G., La bibliografia, Carocci, Roma 2000.

DELLA VALLE V., PATOTA G., Piuttosto che: cose da non dire, cose da non fare, Sperling&Kupfer, Milano 2013.

FANCIULLO F., Introduzione alla linguistica storica, Il Mulino, Bologna 2007.

EDIGEO (a cura di), Manuale di redazione, Editrice Bibliografica, Milano 2013.

GHENO, V., Guida pratica all’italiano scritto (senza diventare grammarnazi), Franco Cesati Editore, Firenze 2016.

GIUNTA, C., Come non scrivere, Utet, Milano 2018.

MARTINUCCI A., Guida alla bibliografia internazionale, Editrice Bibliografica, Milano 1994.

MIDDENDORP J., TWOPOINTS.NET, Type Navigator. The Independent Foundries Handbook, Gestalten, Berlin 2011.

MORTARA GARAVELLI B., Prontuario di punteggiatura, Laterza, Bari-Roma 2020.

PENSATO R., Manuale di bibliografia, Editrice Bibliografica, Milano 2007.

SCALA F., Piccolo manuale del correttore di bozze, Modern Publishing House, Milano 2011.

SCALA F., SCHIANNINI D. (a cura di), Piccolo manuale di editing, Modern Publishing House, Milano 2009.

SERIANNI L., Italiano, Garzanti, Torino 2000.

 

SITOGRAFIA

Accademia della Crusca – accademiadellacrusca.it

Campagna a sostegno dell’uso corretto di Piuttosto che – piuttostoche.com

Treccani online – treccani.it

Zanichelli online – dizionaripiu.zanichelli.it

 

GHENO, V., Tutto il mondo è paese: il bello della contaminazione linguistica, 14 luglio 2020, Zanichelli Online https://dizionaripiu.zanichelli.it/cultura-e-attualita/glossario/tutto-il-mondo-e-paese-il-bello-della-contaminazione-linguistica/

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *