Il plurale delle parole composte – IV

Quarta (e ultima!) puntata: i composti con verbi

Eccoci alla quarta e ultima puntata dedicata al plurale dei nomi composti: siamo giunti alla fine di questo discorso! Molto probabilmente non ti saresti aspettato un viaggio così lungo e variegato, di solito un solo articolo basta per esaurire un argomento.

 

E invece, finora abbiamo visto:

 

Nella prima puntata (che puoi rileggere CLICCANDO QUI) abbiamo visto come si comportano al plurale le parole composte da nome + nome, e abbiamo scoperto che dipende dal fatto che i due nomi siano di genere (maschile o femminile) uguale oppure diverso.

Nella seconda puntata (che puoi rileggere CLICCANDO QUI) abbiamo invece osservato come si comportano i composti con capo-, per i quali entra in gioco il significato: in linea generale, la formazione del plurale varia a seconda che si tratti di essere a capo di qualcuno o di qualcosa, che si tratti di un femminile oppure se non si sta parlando di una posizione di comando ma di importanza.

Nella terza puntata (che puoi rileggere CLICCANDO QUI) abbiamo scoperto come si comportano i composti con aggettivi, per i quali occorre fare caso all’ordine degli elementi (nome + aggettivo, aggettivo + nome, aggettivo + aggettivo) e talvolta al genere femminile o maschile.

 

Quindi, cosa ci manca?

 

I verbi!

 

Oggi andremo a vedere la differenza che c’è nella formazione del plurale di parole formate da verbo + nome plurale, da verbo + nome singolare maschile, da verbo + nome singolare femminile e da verbo + verbo; stavolta sarà più semplice del previsto, perché molti rimangono invariati.

Infine, per far sì che tu non ti perda in questo labirinto, troverai un pratico schemino riassuntivo.

 

In generale, quanto più partirai con le idee chiare, più riuscirai a scrivere dei testi efficaci: ricordati sempre che, quando si tratta dei testi della comunicazione online della tua azienda, non stai scrivendo per te, ma per i tuoi clienti!

E loro vogliono trovare un buon motivo per comprare da te: se i tuoi testi saranno efficaci e corretti, riuscirai ad accendere il loro interesse e a guadagnarti la loro fiducia. Ecco perché è importante curarli tutti nei dettaglio… e perché questa rubrica analizza il “come scrivere bene”!

CLICCA QUI per iscriverti alla newsletter e non perderti nemmeno un articolo della Penna Rossa!

 

E ora, andiamo al punto di oggi: come si forma il plurale delle parole composte con verbi? 

 

Mael Balland on Unsplash

 

VERBO + NOME PLURALE

Nei composti formati da verbo + nome plurale il plurale rimane invariato, sia che si tratti di una parola al maschile, sia di una al femminile.

 

Questo, se ci pensi, è un fatto semplice da spiegare: l’elemento verbo non ha numero, e il secondo elemento, se considerato singolarmente, è già al plurale.

 

Esempi

  • Il guardasigilli -> I guardasigilli
  • Il portapenne -> I portapenne
  • Il cavatappi -> I cavatappi

 

 

VERBO + NOME SINGOLARE MASCHILE

Nei composti formati da verbo + nome singolare maschile il plurale si forma volgendo al plurale il secondo elemento. La parola viene considerata un blocco unico, poiché, come abbiamo già visto, l’elemento verbo non è singolare né plurale.

 

Esempi

  • Grattacapo -> Grattacapi
  • Passaporto  -> Passaporti
  • Parafango -> Parafanghi

 

In questo gruppo abbiamo una particolarità: vi inseriamo anche i nome composti con verbo + mano, anche se si tratta di un nome singolare femminile (che vedremo dopo).

In questo caso, a causa della desinenza in -o, i nomi verbo + mano si volgono al plurale come faremmo normalmente con la parola mano, quindi mutando la -o in -i (esattamente come avviene per gli esempi appena visti), poiché si tratta di parole maschili:

 

  • Asciugamano -> Asciugamani
  • Corrimano -> Corrimani

 

Natasjia Chen on Unsplash

 

 

VERBO + NOME SINGOLARE FEMMINILE

Nei composti formati da verbo + nome singolare femminile, la forma al plurale rimane invariata, sia che si tratta di una parola maschile che femminile.

 

Esempi

  • Il cavalcavia -> I cavalcavia
  • Il/la portabandiera -> I/Le portabandiera
  • Il posacenere -> I posacenere

 

 

VERBO + VERBO

Anche qui, nei composti formati da verbo + verbo, sbagliarsi è più difficile, perché la forma plurale rimane invariata.

 

Esempi

  • Il dormiveglia -> I dormiveglia
  • Il parapiglia -> I parapiglia

 

Eccoci qui: come ti avevo anticipato, oggi il discorso non è particolarmente complicato. Con i verbi in fin dei conti ce la caviamo con poco!

Ecco perché è il momento giusto per un bellissimo schemino riassuntivo di tutte e quattro le puntate!

 

Beth Macdonald on Unsplash

 

 

 

RICAPITOLANDO: IL PLURALE DELLE PAROLE COMPOSTE

1. NOME + NOME

  • Se i due nomi sono dello stesso genere, cambia il secondo elemento
    Arcobaleno -> Arcobaleni
  • Se i due nomi sono di genere diverso, cambia il primo elemento
    Pescespada -> Pescispada

 

2. Composti di CAPO-

  • Persona a capo di QUALCOSA: cambia il secondo elemento
    Capostazione -> Capistazione
  • Persona a capo di QUALCUNO: cambia il primo elemento
    Caporedattore -> Caporedattori
  • Femminile: rimane invariato o cambia solo il secondo elemento
    Le capostazione -> le caporedattrici
  • Posizione di spicco e non di comando: cambia solo il secondo elemento
    Capolavoro -> Capolavori

 

3. Composti con AGGETTIVI

  • Nome + aggettivo: variano entrambi gli elementi
    Cassaforte -> Casseforti
  • Aggettivo + nome: varia solo il secondo elemento in caso di parola maschile; entrambi in caso di femminile
    Francobollo -> Francobolli
    Mezzatinta -> Mezzetinte
  • Aggettivo + aggettivo: varia solo il secondo elemento
    Es. Bianconero -> Bianconeri

 

4. Composti con VERBI

  • Verbo + nome plurale: rimane invariato
    Il guardasigilli -> I guardasigilli
  • Verbo + nome singolare maschile: varia il secondo elemento
    Grattacapo -> Grattacapi
  • Verbo + nome singolare femminile: rimane invariato
    Il/la portabandiera -> I/Le portabandiera
  • Verbo + verbo: rimane invariato
    Il parapiglia -> I parapiglia

 

Volodymyr Hryshchenko on Unsplash

 

QUINDI…

Ce l’abbiamo fatta! Come ti sei trovato invece con questo argomento a puntate? Te ne piacerebbero altri… magari sul congiuntivo?

Prima o poi parleremo anche di quello, ma, come sempre, un passo alla volta: le cose vanno fatte bene, velocemente ma non di fretta (come dice sempre il Sarto).

 

Ora sta a te!

 

Dopo la teoria, è il momento della pratica: scrivi e riscrivi, sperimenta, correggi, apri un dizionario dei sinonimi e scegli la parola migliore… ne varrà la pena! Più i testi della comunicazione online della tua azienda saranno curati e scrupolosi, scritti bene e senza errori, più i tuoi clienti li leggeranno con piacere… e te ne chiederanno altri!

 

Sei impaziente di metterti alla prova?

 

Allora non aspettare: acquista ora la tua copia del primo libro del Sarto, VESTITI BENE E PRENDI IL WEB A MAZZATE, un manuale pratico per imparare come impostare la tua Comunicazione Online e per trasformare la tua pagina social in un magnete attira clienti!

Non solo, abbiamo una novità: è uscita la SECONDA EDIZIONE rivista, aggiornata e ampliata… non puoi proprio perdertela.

 

Clicca qui per acquistarlo ora a solo 27 euro!

 

E per scoprire altri errori da NON fare…

…ci vediamo lunedì prossimo!

La Penna Rossa

 

BIBLIOGRAFIA

BARATTER P., Il punto e virgola. Storia e usi di un segno, Carocci, Roma 2018.

BECCARIA G.L., Dizionario di linguistica e di filologia, metrica, retorica, Einaudi, Torino 2004.

BERRUTO G., Corso elementare di linguistica generale, UTET, Torino 2012.

CANNAVACCIUOLO A., Manuale di copywriting e scrittura per il web, Hoepli, Milano 2019.

CERRUTI M., CINI M., Introduzione elementare alla scrittura accademica, Laterza, Roma-Bari 2010.

D’ACHILLE P., L’italiano contemporaneo, Il Mulino, Bologna 2006.

DEL BONO G., La bibliografia, Carocci, Roma 2000.

DELLA VALLE V., PATOTA G., Piuttosto che: cose da non dire, cose da non fare, Sperling&Kupfer, Milano 2013.

FANCIULLO F., Introduzione alla linguistica storica, Il Mulino, Bologna 2007.

EDIGEO (a cura di), Manuale di redazione, Editrice Bibliografica, Milano 2013.

GHENO, V., Guida pratica all’italiano scritto (senza diventare grammarnazi), Franco Cesati Editore, Firenze 2016.

GIUNTA, C., Come non scrivere, Utet, Milano 2018.

MARTINUCCI A., Guida alla bibliografia internazionale, Editrice Bibliografica, Milano 1994.

MIDDENDORP J., TWOPOINTS.NET, Type Navigator. The Independent Foundries Handbook, Gestalten, Berlin 2011.

MORTARA GARAVELLI B., Prontuario di punteggiatura, Laterza, Bari-Roma 2020.

PENSATO R., Manuale di bibliografia, Editrice Bibliografica, Milano 2007.

SCALA F., Piccolo manuale del correttore di bozze, Modern Publishing House, Milano 2011.

SCALA F., SCHIANNINI D. (a cura di), Piccolo manuale di editing, Modern Publishing House, Milano 2009.

SERIANNI L., Italiano, Garzanti, Torino 2000.

 

SITOGRAFIA

Accademia della Crusca – accademiadellacrusca.it

Campagna a sostegno dell’uso corretto di Piuttosto che – piuttostoche.com

Treccani online – treccani.it

Zanichelli online – dizionaripiu.zanichelli.it

 

GHENO, V., Tutto il mondo è paese: il bello della contaminazione linguistica, 14 luglio 2020, Zanichelli Online https://dizionaripiu.zanichelli.it/cultura-e-attualita/glossario/tutto-il-mondo-e-paese-il-bello-della-contaminazione-linguistica/

 

Richiedi la consulenza GRATUITA del Sarto

Fai click qui!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *