Tutto quello che ti serve per realizzare il tuo sito web – parte 4

Ciao e bentornata/o sulla rubrica del Fabbro!
Questa è la parte 4 di un articolo più ampio. Se devi leggere l’articolo dall’inizio, collegati a questo link. Se invece ti fossi perso la terza parte, la trovi qui.

È importante utilizzare tutto ciò che riporto in questi quattro articoli perché dentro ci trovi veramente TUTTO quello che ti serve per costruire il tuo Sito che vende!

La scorsa settimana ti ho spiegato come generare traffico sul tuo sito, ma non mi aspetto tu abbia già centinaia di visite giornaliere: ci vuole del tempo.
Non esistono trucchetti o scorciatoie, però se continui a seguire le mie direttive con costanza prima o poi il tuo sito esploderà (nel senso buono, don’t panic!).

Trattandosi di un argomento vasto, andremo ad approfondirlo ulteriormente in questa parte dell’articolo.

Sei pronta/o? Allora afferra una tazza del tuo caffè preferito e partiamo!

caffè

Traffico a pagamento

SEO e creazione di contenuti costante è un ottimo modo per aumentare il traffico sul tuo sito, però a volte non basta, soprattutto se vuoi raggiungere dei risultati in fretta.
Per velocizzare un po’ le cose, potresti aver bisogno di generare del traffico a pagamento.

Ma questo esattamente cosa significa?

I due colossi Facebook e Google ti offrono la possibilità di mostrare frequentemente il tuo sito alla loro utenza.
Cioè in pratica tu li paghi e loro mostrano il tuo sito a persone che non lo conoscono, mentre queste effettuano ricerche su Google o scorrono il proprio Feed su Facebook.

annunci google

Se vuoi approfondire questa tematica devi assolutamente correre a leggere gli articoli del blog dell’Arciere, che su queste cose è un mago: fai click qui.
Per ora, ti basti sapere che esiste questa possibilità e che dovresti tenerla in considerazione per aumentare il traffico sul tuo sito.

Ma non è tutto. Vorrei fosse chiaro anche un altro concetto.
Per rendere efficace questo tipo di strategia (ovvero per non bruciare tutti i tuoi soldi) devi PER FORZA avere:

  • un sito fatto bene. Il tuo sito dev’essere perfetto. Cosa intendo per perfetto? L’Homepage dev’essere efficace e contenere al suo interno tutti gli elementi che ti ho consigliato; dev’essere veloce da caricare e avere una struttura di navigazione chiara e intuitiva.
  • Dei contenuti utili. Devi avere un blog ben scritto e dei contenuti che interessino i lettori e gli facciano percepire la tua professionalità e bravura.
  • Una Call to Action ben definita. Cioè devi spiegare esattamente agli utenti cosa devono fare quando atterrano sul tuo sito. Questa cosa è importantissima ma viene trascurata spesso anche da professionisti e web agency. Perché? Perché a loro interessa soltanto portare traffico sul tuo sito e farti vedere i numerini sul reportino: “guarda quante visite abbiamo avuto questo mese!” Sì, figo. Però non abbiamo venduto un ca**o! E perché? Perché l’annuncio incuriosiva, era fatto bene, la gente ci ha cliccato; solo che, una volta sul sito, non ha capito cosa ca**o doveva fare, quindi ha puntato il cursore sulla “X” per uscire e bye bye per sempre! Risultato: soldi bruciati.
    Ok, mi sono un po’ arrabbiato ma ho scritto in questo modo per farti capire la gravità della cosa. Non dovresti mai fidarti di web agency e professionisti che lavorano così. Se il tuo sito non ha una CTA ben definita devono dirtelo e spiegarti che non possono partire con gli annunci Google e Facebook.
  • Una landing page. Se non sai ancora cos’è tranquilla/o, te lo spiego a breve.
  • Un CRM. Un software per immagazzinare dati. Al momento non c’è bisogno che tu sappia altro a riguardo, lo vedremo poi. Nota: non è come Google Analytics, raccoglie altri tipi di dati.
  • Un’automazione. Tratterò questo argomento in modo approfondito la prossima settimana. In breve, si tratta di un sistema che invia in automatico sequenze mail agli utenti dopo che hanno compiuto un’azione specifica sul tuo sito. Per creare delle automazioni hai bisogno di un CRM.
  • Dei dati. Anche questa parte merita un discorso a sè, la vediamo nel dettaglio tra poco.

Ok, per concludere: se non hai tutte queste cose è ancora presto per pensare al traffico a pagamento, per ora concentrati su quello gratuito.
Odio essere ridondante ma devo accertarmi tu non faccia boiate: non bruciare i tuoi soldi in annunci Google e Facebook se prima non hai tutto quest’occorrente.

Perché devi realizzare una Landing Page…

cellulare e laptop con schermata sito

…e innanzitutto che cos’è!

La landing page (in italiano “pagina d’atterraggio”) è una pagina studiata apposta per far compiere una sola azione all’utente; ad es. compilare un modulo per lasciarti i suoi dati.

Significa che all’interno di questa pagina non dev’esserci un menù di navigazione nè alcun rimando al tuo sito o al tuo blog.

“Non ho capito Fabbro, come mai devo creare questa pagina e perché ne ho bisogno per fare gli annunci su Facebook e Google se ho già un sito?”

Don’t panic, ora ti spiego tutto in modo chiaro.

Landing page e sito sono simili, ma il loro scopo è diverso.

Il sito web e il blog ti servono per farti una buona reputazione online e per educare i tuoi clienti.

Attraverso questo strumento, i tuoi lettori impareranno a conoscerti e instaurerai con loro un rapporto di fiducia. Inoltre, ti serve per vendere!

La landing page, invece, ti serve per generare traffico e dirottarlo sul tuo sito, dove effettui le vendite.

Se ad es. hai un e-commerce e vuoi che gli utenti effettuino degli acquisti, paradossalmente non devi farli atterrare lì subito, ma prima sulla landing page!

È vero, è contro-intuitivo, me ne rendo conto, però è proprio questo il modo migliore per realizzare un sito che vende:

  • creare una landing page con un testo strategico e monotematico per intercettare un determinato pubblico con un determinato bisogno;
  • creare degli annunci su Google e Facebook per attirare questo pubblico sulla tua landing page;
  • convincerli a scrivere il loro indirizzo email all’interno di un modulo di contatto in cambio di un contenuto di valore, che risponda ai loro bisogni;
  • immagazzinare il loro indirizzo email nel tuo CRM e inviargli con un’automazione una sequenza di email con bottoni che re-indirizzano sul tuo sito, dove effettuerai la vendita. In pratica, dopo tutto ‘sto giro, l’utente è pronto ad acquistare perché ormai ti conosce e sa che sei esperto ed affidabile (e sarà disposto anche a spendere di più per mettere le mani su un tuo prodotto/servizio!).

Se sei più confuso di prima è normalissimo, proprio per questo ho scritto una guida a questa strategia all’interno di questo articolo.

Leggilo tutto e capirai due cose importantissime:

  1. come acquisire tantissimi clienti su misura grazie ad una landing page;
  2. perché non sei ancora pronta/o per generare traffico a pagamento con gli annunci Facebook e Google.

Cosa devi fare con i dati del tuo sito

cervello umano connesso ai dati

Nel tempo, grazie al traffico gratuito e a pagamento, i dati del tuo sito su Google Analytics saranno più rilevanti perché attrarrai inevitabilmente più visitatori.

A quel punto potrai analizzarli e sfruttarli a tuo vantaggio per:

  • elaborare degli annunci Facebook e Google più mirati e in linea col tuo pubblico;
  • misurare l’andamento degli annunci Facebook e Google per capire quali campagne stanno funzionando e quali ti stanno bruciando i soldi;
  • scrivere un piano editoriale per il tuo blog in base agli articoli più letti e commentati dal tuo pubblico;
  • capire quali sono i contenuti (pagine e articoli del sito) che non funzionano al loro stato attuale e che necessitano di essere rivisiti.

Invece grazie a Google Search Console sarai in grado di:

  • individuare le pagine sul tuo sito che non funzionano bene e che penalizzano il tuo sito sulla pagina dei risultati di ricerca Google;
  • individuare tutti i link rotti sul tuo sito, ovvero quei link che non re-indirizzano a nulla e generano pagine di errore;
  • capire quali sono le parole chiave attraverso cui le persone raggiungono il tuo sito su Google;
  • individuare i problemi di visualizzazione sui dispositivi mobili (sugli smartphone e i tablet).

Tutte cose fighissime e fondamentali, però ti svelo un segreto: da soli questi due strumenti non bastano.

Sta per arrivare il momento di inserire all’interno del tuo arsenale uno strumento potentissimo: il CRM, ma ne parliamo la prossima settimana.

Nel frattempo, per farti salire un po’ l’hype, ti linko questo articolo dove puoi trovare 4 storie di aziende che hanno raggiunto risultati incredibili grazie alla raccolta e all’analisi dei dati: clicca qui.

Conclusioni
Generare traffico sul tuo sito è importante, ma lo è ancor di più generare traffico di qualità e avere in mente una strategia di comunicazione efficace.

Nell’articolo di oggi siamo andati un po’ oltre il realizzare e gestire un sito web nel tempo e l’ho fatto per un motivo preciso.

In quasi 10 anni di attività in questo settore ho visto tantissimi siti web nascere e morire da un giorno all’altro. Un’ecatombe.

Poi però ho scoperto come mai succede e adesso voglio metterti in guardia: la maggior parte delle persone che realizzano un sito web lo fa senza collocarlo all’interno di una strategia di comunicazione online più ampia.

gatto che gioca a scacchi

Se è vero che non puoi vendere online senza un sito fatto per il verso, d’altra parte è vero anche che un sito web da solo non basta per vendere online.

Tutto quello che ti sto dicendo non lo troverai in nessun altro blog per 2 motivi:

  1. la maggior parte delle web agency e dei professionisti è rimasta indietro a 15 anni fa e ti propone sempre la solita roba che (spoiler) non funziona perché non ha le competenze adatte nè la voglia di acquisirle.
  2. La maggior parte delle web agency fa fatica a gestire un sito web con landing page, CRM, automazioni e sopratutto una strategia di comunicazione efficace, ci vogliono gli attributi! Quello che fanno, invece, è darti un sito, fare 2 o 3 annunci al mese su Facebook e Google e dare la colpa a te se le cose non funzionano. Per questo motivo, anche se sanno come dovresti fare le cose, non te le propongono perché gli conviene di più fregarti.

Se vuoi essere sempre aggiornato su quali sono le strategie migliori per vendere con il tuo sito web iscriviti alla mia newsletter e mi impegnerò a fornirti ogni settimana consigli e guide gratuite. Fai click qui e presto per te sarà facilissimo usare il martello per spaccare il web!

A martedì prossimo,
Il Fabbro

Richiedi la consulenza GRATUITA del Sarto

Fai click qui!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *