Io lo so: niente accento!

Accenti e monosillabi

Oggi torniamo a parlare di quei piccoli segnetti, apparentemente insignificanti, che si trovano sull’ultima lettera di alcune parole: gli accenti!

 

Per molti monosillabi omografi servono da segno distintivo, ma alcune volte la loro presenza è un brutto erroraccio da non commettere mai!

 

E quale monosillabo prendiamo in esame oggi?

Vediamo se lo indovini… ti do un suggerimento con una citazione!

 

“So chi sei / Vicino al mio cuor ognor sei tu / So chi sei / Di tutti i miei sogni / Il dolce oggetto sei tu.”

 

Io non so se conosci anche tu questa canzone… ma so che se la conosci hai letto questo parole canticchiando tra te e te il motivetto che le accompagna, proprio come ho fatto io mentre le scrivevo!

Si tratta di una delle canzoni della colonna sonora della Bella Addormentata, il lungometraggio Disney del 1959, e oggi la dedico a uno dei miei grandi amori: l’ortografia.

 

Immagina la bellezza di un testo ben scritto: fluido, scorrevole, interessante…

e senza nemmeno un refuso!

 

Una vera bellezza, tanto che non ti stancheresti mai di leggerlo, e non vedi l’ora che esca il seguito…

 

Non ti piacerebbe che i tuoi clienti pensassero questo dei testi della comunicazione online della tua azienda?

 

Scommetto di sì!

 

Ecco perché ci ritroviamo qui ogni lunedì: per imparare come scrivere bene i testi per la comunicazione online della tua azienda… e quali sono gli errori da non fare mai!
Quindi, se non l’hai ancora fatto, CLICCA QUI per iscriverti alla newsletter e non perderti neanche un articolo della Penna Rossa! 

 

Oggi, come forse avrai intuito, osserviamo so: si scrive sempre senza niente? Di sicuro senza accento… ma c’è un caso che potrebbe stupirti.

 

Pronto?

Iniziamo!

La Bella Addormentata nel Bosco, lungometraggio animato Disney, 1959

 

COME SI SCRIVE

Di cosa stiamo parlando esattamente?

 

So è un grazioso monosillabo, e ha un unico significato: è un verbo, ovvero la prima persona singolare presente indicativo del verbo sapere.

 

sapére (ant. o dial. savére) v. tr. [lat. volg. *sapēre, per il lat. class. sapĕre «aver sapore; esser saggio, capire», che in epoca tarda ha sostituito nel sign. il lat. class. e letter. scire] (pres. indic. so ‹sò› […] 1. In genere, conoscere, avere cognizione di qualche cosa.

 

Esempi

  • Io so chi sei davvero.
  • Non so, forse preferirei andare in montagna.
  • So parlare inglese e francese.
  • Che ne so, io, di cosa tu possa pensare.

 

A parte la curiosità sull’etimologia di questo verbo, la voce della Treccani ci mostra qual è la corretta grafia di questa parola.

 

Io te l’ho già anticipato con il titolo, e poi nel primo paragrafo: senza alcun dubbio, c’è un unico modo di scrivere so, ovvero

 

SENZA ACCENTO GRAFICO:

io so.

 

Chiaro, semplice, cristallino.

 

E allora…

perché mai, tante, decisamente troppe volte in giro lo si vede scritto , cosa che può provocare nei lettori sensibili un copioso sanguinamento oculare?

(Senza contare le BACCHETTATE.)

 

Perché, come la Treccani ci dice, l’accento tonico della parola cade effettivamente sulla o (e non potrebbe essere altrimenti, è un monosillabo).

Ma solo nella pronuncia!

 

E allora perché non va scritto, questo benedetto accento?

 

È presto detto: perché non esiste alcun monosillabo omografo, nessun’altra parola formata da s+o che abbia un significato diverso dalla voce del verbo sapere.

 

Quindi, l’accento su so non si deve MAI mettere: non scrivere mai e poi mai!

 

Tuttavia…

esiste uno e un solo caso, in cui so vuole non l’accento, bensì l’apostrofo.

 

UN’UNICA ECCEZIONE

Esiste una sola e unica eccezione alla regola che so non voglia nessuno segnetto sopra la o e comunque non parliamo di un accento, ma di un apostrofo.

Si tratta per di più di caso regionale, quindi molto circoscritto e riservato a contesti informali.

 

Se sei di Roma, a questo punto lo avrai capito: stiamo parlando del

 

SO’.

 

Come sappiamo, l’apostrofo si usa per segnalare la caduta di qualcosa; qui è caduta la sillaba -no.

Stiamo parlando di un verbo anche in questo caso, ma stavolta si tratta della prima persona singolare indicativo presente del verbo essere: io sono.

 

Nella parlata romana, (parlata, appunto, quindi di solito di riserva a un uso orale e non alla lingua scritta), il troncamento delle parole è più diffuso rispetto all’italiano standard, e questo è uno di quei casi.

 

Perciò, per farla breve

 

io sono -> io so’

 

Ed ecco spiegato perché in questo caso, ma solo in questo caso, ovvero se dovessi avere bisogno di imitare per iscritto la parlata romana, l’apostrofo non solo va bene ma è obbligatorio; addirittura, sarebbe un errore non metterlo!

 

Esempi

  • “Ma pure da emigrato / Mica so cambiato / Io so’ Romeo / Er mejo der colosseo.” cit.
  • “Mi dispiace, ma io so’ io …e voi non siete un c….” cit.

 

Gli Aristogatti, lungometraggio animato Disney, 1970

 

QUINDI…

Oggi abbiamo imparato perché:

 

SO si scrive sempre senza accento

Es. Io so chi sei

IO SO’ (= io sono in parlata romana)

si scrive con l’apostrofo

 

Mi raccomando, l’accento è sempre sbagliato!

 

Ora tocca a te!

 

Questo è il momento di mettersi al lavoro sui testi della comunicazione online della tua azienda: dizionario alla mano, non temere di scrivere, riscrivere e correggere, in modo da rendere i tuoi testi il miglior biglietto da visita per la tua azienda, per tenerti stretti i clienti… e trovarne di nuovi e sempre più affezionati!

 

Sei impaziente di metterti alla prova?

 

Allora non aspettare: 

è uscito da pochissimo il SECONDO libro del Sarto: COMUNICAZIONE SU MISURA: la STRATEGIA DIGITALE che porta la tua azienda al SUCCESSO!

Sei pronto a imparare le tecniche del Sarto per impostare la strategia in grado di portare alla tua azienda il fatturato che hai sempre sognato?

 

Clicca qui per acquistare subito la tua copia!

 

E per scoprire altri errori da NON fare…

… ci vediamo lunedì prossimo!

La Penna Rossa

 

BIBLIOGRAFIA

BARATTER P., Il punto e virgola. Storia e usi di un segno, Carocci, Roma 2018.

BECCARIA G.L., Dizionario di linguistica e di filologia, metrica, retorica, Einaudi, Torino 2004.

BERRUTO G., Corso elementare di linguistica generale, UTET, Torino 2012.

CANNAVACCIUOLO A., Manuale di copywriting e scrittura per il web, Hoepli, Milano 2019.

CERRUTI M., CINI M., Introduzione elementare alla scrittura accademica, Laterza, Roma-Bari 2010.

D’ACHILLE P., L’italiano contemporaneo, Il Mulino, Bologna 2006.

DEL BONO G., La bibliografia, Carocci, Roma 2000.

DELLA VALLE V., PATOTA G., Piuttosto che: cose da non dire, cose da non fare, Sperling&Kupfer, Milano 2013.

FANCIULLO F., Introduzione alla linguistica storica, Il Mulino, Bologna 2007.

EDIGEO (a cura di), Manuale di redazione, Editrice Bibliografica, Milano 2013.

GHENO, V., Guida pratica all’italiano scritto (senza diventare grammarnazi), Franco Cesati Editore, Firenze 2016.

GIUNTA, C., Come non scrivere, Utet, Milano 2018.

MARTINUCCI A., Guida alla bibliografia internazionale, Editrice Bibliografica, Milano 1994.

MIDDENDORP J., TWOPOINTS.NET, Type Navigator. The Independent Foundries Handbook, Gestalten, Berlin 2011.

MORTARA GARAVELLI B., Prontuario di punteggiatura, Laterza, Bari-Roma 2020.

PENSATO R., Manuale di bibliografia, Editrice Bibliografica, Milano 2007.

SCALA F., Piccolo manuale del correttore di bozze, Modern Publishing House, Milano 2011.

SCALA F., SCHIANNINI D. (a cura di), Piccolo manuale di editing, Modern Publishing House, Milano 2009.

SERIANNI L., Italiano, Garzanti, Torino 2000.

 

SITOGRAFIA

Accademia della Crusca – accademiadellacrusca.it

Campagna a sostegno dell’uso corretto di Piuttosto che – piuttostoche.com

Treccani online – treccani.it

Zanichelli online – dizionaripiu.zanichelli.it

Richiedi la consulenza GRATUITA del Sarto

Fai click qui!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.