Trasforma le tue parole in soldi 31 – E ora che scrivo? Guida pratica per chi ha bisogno di idee per scrivere contenuti – Parte 2

Affrontare la “sindrome da foglio bianco” può essere un vero incubo per chi scrive per vendere i propri prodotti o servizi (o per chi lo fa per lavoro, scrivendo per altre aziende)!

Lo sappiamo bene noi, nel Laboratorio dei Sarti del Web, dove la nostra squadra di professionisti della Scrittura Persuasiva, capitanati dall’instancabile Penna Rossa, lotta senza sosta per raggiungere la perfezione dei testi per i nostri clienti.

Qualcuno potrebbe pensare che “il foglio bianco” sia un problema solo per chi scrive moltissimo.

O magari qualcun altro immagina che sia un problema solo per chi è alle prime armi…

Beh: oggi ti svelo un segreto: nessuno è immune da questo annoso problema.

 

E non lo siamo nemmeno noi del Laboratorio! Per questo motivo, nel corso degli anni, abbiamo creato una sorta di “manuale di sopravvivenza” per la nostra squadra di tecnici della Scrittura Persuasiva.

Questo oggi è praticamente un testo sacro (consultabile solo se in possesso di bolla papale del Modellista – ndr) che salva la vita ogni giorno ai Sarti.

E, visto che il Sarto in persona mi ha INTIMATO di istruire te e chiunque altro segua la mia rubrica, ora mi tocca darti tutte le informazioni, in modo preciso e accurato, affinché questo Manuale di sopravvivenza sia reso pubblico, gratuito e alla portata di tutti.

Perché, vedi… il Sarto ha esplicitamente detto che tutti noi DOBBIAMO dare ai nostri lettori, ai nostri fan, TUTTO quello che possiamo dare. Tutte le informazioni utili. Tutti i nostri segreti e le nostre armi nascoste.

Tutto ciò che sappiamo, dobbiamo spiegarlo, insegnarlo, descriverlo in maniera chiara e comprensibile.

Tutto. Punto.

 

Io non lo contraddico, il Sarto.

E, bada bene, non scrivo questa guida controvoglia: tutt’altro.

Sono solo un po’ geloso del nostro lavoro interno. Ma il Sarto ha detto che è un problema mio e devo risolvermelo per conto mio.

Tu, che leggi questa rubrica, meriti tutto il nostro appoggio!

 

Quindi rimboccati le maniche e imbraccia carta e penna: oggi vedremo insieme altri tre modi per prendere i tuoi argomenti di vendita e farne testi scritti da usare in ogni formato e piattaforma possibile!

La settimana scorsa abbiamo visto i primi tre. Se te li sei persi (mannaggiattè!), corri subito a rimediare CLICCANDO QUI!

 

E ora eccoci pronti a continuare con questa (lunga e completa) lista che ti salverà la vita!

 

#4 DATI UFFICIALI

Hai a disposizione una quantità di dati pressoché infinita. Tra quelli che puoi raccogliere direttamente con la tua azienda a quelli che puoi reperire su web, le possibilità si sprecano.

Consideriamo un fatto: negli ultimi 18 mesi il sapere del genere umano è RADDOPPIATO. Ciò vuol dire che in un anno e mezzo l’umanità ha raccolto informazioni pari a quante ne aveva raccolte in millenni di storia.

Agghiacciante, vero? Il sapere umano corre ad una velocità stratosferica e non accenna a rallentare.

Questo, nella pratica, significa che è VERAMENTE DIFFICILE (dire impossibile) non recuperare dati utili a dimostrare che quello che stai affermando nei tuoi testi è vero.

Per un approfondimento su questo argomento (gli Elementi di Prova), ti consiglio di andare a studiare questo mio articolo di qualche settimana fa CLICCANDO QUI!

In questo modo, quando stai per scrivere un testo puoi utilizzare dati ufficiali, che danno forza alle tue parole, per trattare l’argomento che ti serve per spingere il lettore all’acquisto!

Nota bene: non ti servono necessariamente dati strettamente correlati al tuo prodotto o servizio.

Puoi, ad esempio, utilizzare il meccanismo della “falsa deduzione logica” per collegare i dati di una ricerca (o qualcosa di simile) in maniera indiretta al tuo prodotto o servizio.

Per fare un esempio, sceglierò di inventarmi di sana pianta una ricerca. Quindi quanto stai per leggere è frutto della mia fantasia (ho appena scartato diversi kg di uova di pasqua e ingurgitato la mia overdose di cioccolato Kinder, puoi aspettarti di tutto).

“secondo una ricerca del 2019 dell’Università del Massachusetts, ben 8,4 persone su 10 prima di addormentarsi immaginano di avere una vita diversa da quella reale: nel 78% dei casi i soggetti si sono concentrati su beni materiali, come Auto, Casa o Tecnologie all’avanguardia.

E per la maggior parte di loro questi “sogni prima del sonno” rimarranno fantasie, traguardi irraggiungibili!

Vuoi essere un sognatore per tutta la vita o vuoi realizzare i tuoi desideri?

Se fai parte del secondo gruppo, sei nel posto giusto: con PRESTITO FACILE ONLINE puoi ottenere fino a 10.000 € in meno di 12 ore con tassi di interesse mai visti sul mercato!”

 

#5 LA FAQ

No, non è una parolaccia inglese scritta male. FAQ è l’acronimo per Frequently Asked Questions.

Si tratta delle domande più frequenti che ti vengono poste da clienti o potenziali clienti. E tu puoi usarle sua in maniera singola – creando un contenuto o più per ognuna delle domande frequenti – o accorpandole totalmente o in gruppi e costruendo contenuti cha danno tutte le risposte.

Questa modalità presenta numerosi vantaggi:

  • Colpisce facilmente il lettore: dopotutto sono domande che vengono poste dai clienti. La maggior parte dei clienti, tuttavia, non esplicita le proprie domande. Anzi: le tiene per sé e, senza la risposta adeguata, facilmente deciderà di non comprare da te.
  • Risponde alle obiezioni dei clienti PRIMA che ti vengano poste, velocizzando il processo di vendita.
  • Tranquillizza il cliente che, come è abbastanza normale che sia, ha moltissime domande da porti e non ha alcuna intenzione di dedicare il suo tempo a chiederti cose.
  • È FACILE: non devi nemmeno decidere l’argomento, ti viene dato direttamente dai clienti!

La tua lista FAQ può essere davvero corposa. Le domande che possono farti i clienti spesso sono banali (per te) e il più delle volte numerosissime.

Per questo ti sconsiglio pipponi kilometrici di domande e risposte: meglio accorparle a “gruppi tematici” e produrre contenuti in questo modo.

Solo sul tuo Sito aziendale, invece, è bene che tu le metta TUTTE, in una sezione apposita.

E se non ti vengono in mente, queste domande?

Beh… in verità è molto semplice raccoglierle.

Ti basta ripensare ai momenti in cui tu hai gestito una vendita. O chiedere ai tuoi venditori, commessi, camerieri, operatori telefonici o chiunque abbia a che fare con i clienti.

E se questo non basta puoi scandagliare internet: entra in gruppi tematici che parlano dei problemi che risolvi con il tuo prodotto o servizio. Oppure usa gli strumenti che ti mette a disposizione Google per conoscere le ricerche degli utenti.

In altre parole: tieni le antenne dritte e cerca di captare ognuna delle possibili domande che i clienti si fanno (e che magari non ti dicono).

 

#6 IL DEFINITIVO

Le persone usano internet per cercare risposte, soluzioni. Hanno delle domande, spesso complesse, e usano la rete per scoprire tutto quello che c’è da sapere.

Tuttavia, il mondo è SATURO di informazioni. E questo potrebbe farti desistere dal cercare di usare proprio questa naturale curiosità delle persone come chiave fondamentale del tuo processo di vendita.

Nulla di più sbagliato!

Proprio perché le informazioni sono TROPPE e le persone non possono materialmente raccoglierle tutte, le cose vanno proprio nella direzione che vorresti: gli utenti in cerca di risposte scelgono una fonte specifica, spesso unica, che ritengono affidabile, e da quella fonte vogliono raccogliere tutte le risposte possibili.

E se quella fonte sei tu, sceglieranno infine di comprare da te.

Devi pensare agli utenti del web come delle navi che navigano perse in un oceano infinito. Non hanno una direzione, viaggiano spaesate e si vanno ad arenare lì dove trovano ciò che ritengono essere la giusta soluzione.

Non c’è un vero intento, non c’è un programma. Viaggiano, quasi a caso, e si fermano solo dove trovano le condizioni giuste: costanza, competenza e affidabilità, i tre pilastri della Comunicazione Online!

E se non sarai tu a dare loro ciò che gli serve… sarà qualcun altro: la tua concorrenza.

La modalità di creazione di contenuti più utile in questo caso è proprio il “definitivo”.

Sto per lasciarti un elenco casuale di titoli. Leggendolo, scoprirai quante volte lo hai già visto sia in aziende di cui hai pensato di essere cliente (e magari lo sei diventato proprio grazie a questi contenuti) o nelle comunicazioni dei tuoi concorrenti!

  • La Guida definitiva per…
  • I 5 step definitivi per raggiungere…
  • La via definitiva per ottenere…
  • Il post definitivo se vuoi…

E mille altri esempi.

ATTENZIONE: non prendermi alla lettera. Se invece di “definitivo” puoi usare un altro aggettivo, non c’è nessun problema.

L’importante è passare il messaggio al lettore: qui dentro troverai tutto quello che ti serve per risolvere il tuo problema.

 

Ed ecco che oggi abbiamo visto altri tre modi per produrre i tuoi contenuti e non sudare sette (o settecento…) camicie di fronte allo schermo vuoto del tuo PC.

Come già dichiarato, sarò esaustivo e generoso.

Abbiamo ancora molti punti (e spunti!) da visionare assieme. E le prossime settimane saranno vitali per la tua Scrittura Persuasiva!

 

Non vorrai mica perderti questa GUIDA DEFINITIVA per distruggere la sindrome da foglio bianco?

Iscriviti subito alla mia Newsletter e non perderti le prossime puntate!

Ti basta CLICCARE QUI, lasciare il tuo nome e il tuo indirizzo mail (ci vogliono meno di due minuti!) e ti sarai assicurato di avere, ogni giovedì mattina, un articolo bello fresco, direttamente nella tua casella di posta elettronica!

E fammi sapere se stai sperimentando questi miei consigli!

 

Ci vediamo giovedì prossimo su questo Blog (e sulla tua piattaforma Social preferita)

 

Trasforma le tue parole in soldi

Il Modellista

Richiedi la consulenza GRATUITA del Sarto

Fai click qui!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.