Il genere grammaticale di zucchine

Le varianti nei nomi di frutti

Tu dici zucchine o zucchini?

 

Chi non conosce le zucchine? Al forno, grigliate, ripiene, nel risotto con i gamberi… e non dimentichiamo i miei preferiti: i fiori di zucchina pastellati e fritti.

Ma per quanto mi piaccia cucinare… non siamo qui a disquisire di cibo, ma di ortografia!

 

Quello che ci interessa capire oggi è:

 

La forma corretta da usare è zucchina, zucchino…

o entrambi?

 

E come?

 

Innanzitutto, dobbiamo notare una cosa: in italiano non esiste il genere neutro

Ogni sostantivo, aggettivo o pronome (in pratica, ogni parola declinabile) rientra per forza in uno dei due generi grammaticali: maschile o femminile.

 

Ma attenzione: il genere grammaticale a volte è slegato dal genere “reale” della cosa a cui si riferisce la parola.

 

Il discorso è lungo e complicato, ma per sintetizzare vediamo un esempio: sedia è femminile e tavolo è maschile, ma ciò non significa che la sedia sia una femmina e il tavolo un maschio.

 

In italiano, l’alternanza di genere grammaticale è molto frequente, e a volte ha valore distintivo, come vedremo tra poco… perché non si tratta solo di zucchine e zucchini: capita con molti nomi di frutta!

 

Ora magari potresti chiederti:

Perché mai dovrebbe interessarmi?

 

La risposta è una sola: per scoprire tutte le sottigliezze dell’ortografia e far sì che i testi per la comunicazione online della tua azienda siano sempre il più corretti ed efficaci possibile!

Quindi, se non l’hai ancora fatto, CLICCA QUI per iscriverti alla newsletter e non perderti neanche un articolo della Penna Rossa! 

 

E ora… sei pronto per un viaggio alla scoperta del genere grammaticale di alberi e frutti…

ma soprattutto per capire se è più corretto zucchina o zucchino?

 

Andiamo a scoprirlo!

 

 

ALBERI E FRUTTI

Se guardiamo un po’ di storia, scopriamo che in latino i nomi di tutti i frutti erano di genere neutro (che in italiano non esiste), mentre quelli degli alberi erano perlopiù femminili, con poche eccezioni (ce lo dice Isidoro di Siviglia nel suo Etymologiarum vel originum libri X).

 

Probabilmente, ciò accadeva perché i Latini ponevano l’accento sul generare frutti degli alberi, quasi fossero madri.

 

Tuttavia…

nel passaggio all’italiano questa connotazione si è persa.

 

Nella nostra lingua, infatti, tutti i nomi degli alberi sono al maschile.

Esempi: melo, pero, arancio, ciliegio, albicocco

 

Le poche eccezioni, come palma o quercia, si spiegano perché derivano da aggettivi più tardi.

 

E per quanto riguarda i frutti?

 

Non potendo mantenere il genere neutro latino, la maggior parte ha preso il genere femminile.

Esempi: mela, arancia, pera, albicocca, ciliegia

 

Qui troviamo però più eccezioni: ad esempio, la maggior parte degli agrumi ha preso il genere maschile.

Esempi: limone, cedro, bergamotto, mandarino

 

Arancio/arancia invece hanno una storia diversa: per indicare il frutto, sono accettate entrambe le forme… ma solo perché la sua etimologia non è latina.
(Ne abbiamo parlato in QUESTO ARTICOLO.)

 

E quindi…

come si arriva alle zucchine?

 

ZUCCHINI O ZUCCHINE?

Anche se siamo portati a considerarla una verdura, tecnicamente la zucchina è un frutto.

 

Secondo la botanica, infatti, sono considerati frutti tutti i prodotti che una pianta sviluppa per proteggere oppure agevolare la diffusione dei semi. 

Per quanto riguarda la verdura, invece, si è soliti indicare tutte le parti verdi di un esemplare commestibile.

 

Però, per tradizione popolare, siamo soliti pensare alla frutta come a qualcosa di dolce, e alla verdura come ai vegetali che mangiamo come contorni salati.

 

Le nostre zucchine rientrano senza dubbio in questa seconda categoria.

 

Ma qual è il genere giusto?

 

Consultiamo la Treccani:

 

zucchina s. f. (tosc. zucchino m.) [dim. di zucca]. – Nome con cui sono indicati (localmente anche zucchetta) i frutti immaturi, verdi e commestibili, delle varie specie di zucca, uno degli ortaggi più comuni: zucchine lesse, fritte, trifolate; zucchine ripiene; zucchine alla parmigiana.

 

Zucchina/zucchino sono due diminutivi della parola zucca.

 

Il primo termine attestato è zucchino (1875), ma zucchina lo seguì a breve (1879): tuttavia, qui non compare la distinzione netta tra pianta e frutto come abbiamo visto accadere per gli altri frutti.

 

Non c’è un motivo preciso, ma di fatto, i due termini sono sostanzialmente intercambiabili: se consultiamo i dizionari, entrambe le alternative vengono date per corrette.

 

Di preferenza, si usa sempre zucchina/zucchine al femminile per indicare la pianta, ma per quanto riguarda i frutti…

 

dipende dalla regione del parlante!

 

Zucchino/zucchini al maschile viene preferito perlopiù in Piemonte, Toscana e Sardegna, mentre la versione femminile viene usata più frequentemente nelle altre regioni.

 

 

QUINDI…

ZUCCHINO/ZUCCHINI

oppure

ZUCCHINA/ZUCCHINE

 

sono entrambe corrette!

 

Ora tocca a te!

 

Sei impaziente di metterti alla prova per rendere i testi per la comunicazione online della tua azienda scritti bene come mai prima d’ora, per far sì che i tuoi clienti non solo li leggano tutti, ma te ne chiedano altri?

 

Allora non aspettare: 

è uscito da pochissimo il SECONDO libro del Sarto: COMUNICAZIONE SU MISURA: la STRATEGIA DIGITALE che porta la tua azienda al SUCCESSO!

Sei pronto a imparare le tecniche del Sarto per impostare la strategia in grado di portare alla tua azienda il fatturato che hai sempre sognato?

 

Clicca qui per acquistare subito la tua copia!

 

E per scoprire altri errori da NON fare…

… ci vediamo lunedì prossimo!

 

La Penna Rossa

 

BIBLIOGRAFIA

BARATTER P., Il punto e virgola. Storia e usi di un segno, Carocci, Roma 2018.

BECCARIA G.L., Dizionario di linguistica e di filologia, metrica, retorica, Einaudi, Torino 2004.

BERRUTO G., Corso elementare di linguistica generale, UTET, Torino 2012.

CANNAVACCIUOLO A., Manuale di copywriting e scrittura per il web, Hoepli, Milano 2019.

CERRUTI M., CINI M., Introduzione elementare alla scrittura accademica, Laterza, Roma-Bari 2010.

D’ACHILLE P., L’italiano contemporaneo, Il Mulino, Bologna 2006.

DEL BONO G., La bibliografia, Carocci, Roma 2000.

DELLA VALLE V., PATOTA G., Piuttosto che: cose da non dire, cose da non fare, Sperling&Kupfer, Milano 2013.

FANCIULLO F., Introduzione alla linguistica storica, Il Mulino, Bologna 2007.

EDIGEO (a cura di), Manuale di redazione, Editrice Bibliografica, Milano 2013.

GHENO, V., Guida pratica all’italiano scritto (senza diventare grammarnazi), Franco Cesati Editore, Firenze 2016.

GIUNTA, C., Come non scrivere, Utet, Milano 2018.

MARTINUCCI A., Guida alla bibliografia internazionale, Editrice Bibliografica, Milano 1994.

MIDDENDORP J., TWOPOINTS.NET, Type Navigator. The Independent Foundries Handbook, Gestalten, Berlin 2011.

MORTARA GARAVELLI B., Prontuario di punteggiatura, Laterza, Bari-Roma 2020.

PENSATO R., Manuale di bibliografia, Editrice Bibliografica, Milano 2007.

SCALA F., Piccolo manuale del correttore di bozze, Modern Publishing House, Milano 2011.

SCALA F., SCHIANNINI D. (a cura di), Piccolo manuale di editing, Modern Publishing House, Milano 2009.

SERIANNI L., Italiano, Garzanti, Torino 2000.

 

SITOGRAFIA

Accademia della Crusca – accademiadellacrusca.it

Campagna a sostegno dell’uso corretto di Piuttosto che – piuttostoche.com

Treccani online – treccani.it

Zanichelli online – dizionaripiu.zanichelli.it

 

Richiedi la consulenza GRATUITA del Sarto

Fai click qui!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.