Trasforma le tue parole in soldi 32 – E ora che scrivo? Guida pratica per chi ha bisogno di idee per scrivere contenuti – Parte 3

Contenuti!

Contenuti!

CONTENUTI!

Qualunque sia il tuo lavoro, qualunque sia la tua Azienda, devi produrre contenuti con continuità.

Non c’è una fine: fino a che avrai la tua azienda, questa dovrà sfornare contenuti. Punto.

Potrai delegarli a qualcuno. Che sia personale interno o professionisti esterni, il concetto rimane sempre lo stesso: produrre contenuti è VITALE per la tua attività!

Inventare scuse, cercare scorciatoie, convincersi che nel tuo caso specifico non è così, non porterà ad altro che a far arenare la tua azienda lì dove è ora… e non potrai far altro che guardarla mentre affonda. Magari prendendotela proprio con i clienti che, chissà come mai, non comprano!

Proprio per questo scrivo la mia rubrica: moltissimi imprenditori e imprenditrici se ne stanno accorgendo.

Tuttavia, ci sono ancora dei grandi “buchi neri” nella conoscenza e nella cultura nazionale sul fantastico mestiere di “scrivere per trasformare le parole in soldi”.

Molti, infatti, credono ancora alle favole!

  • Pensano che per scrivere basti conoscere bene l’italiano…
  • Ritengono che “un contenuto vale l’altro, basta che ci sia”…
  • Sono convinti che basti aver fatto l’università, magari di lettere, per poter produrre contenuti per vendere…

 

Tutto questo è SBAGLIATO. E chi se ne sta accorgendo per primo sta vedendo le sue casse gonfiarsi, mentre la concorrenza dice che c’è la crisi!

Questo articolo è il terzo di una serie (che non finirà oggi) dedicata a tutti gli imprenditori e le imprenditrici che hanno capito che:

scrivere per vendere è una tecnica e deve essere padroneggiata a dovere

ma anche che…

scrivere è un mestiere difficile. La Scrittura Persuasiva, parimenti ad altre specializzazioni, non è per tutti.

Solo chi dedica tutto sé stesso a questa fantastica abilità può pensare di raggiungere le vette del mercato!

Tuttavia…

Anche chi è al top della conoscenza e conosce a menadito ogni sfaccettatura della tecnica, ha ancora un nemico difficilissimo da battere: il FOGLIO BIANCO.

Questo mostro alieno e tentacolato che può prendere e gettare al vento intere giornate di lavoro, non può essere sottovalutato. Chi pensa che non lo incontrerà mai, sta solo negando la realtà – e quando gli si parerà davanti, non avrà le armi per combatterlo.

Si sentirà solo, sopraffatto, impotente. Ogni sua idea sarà già vista, banale, scontata, inutile.

Scriverà parole a caso, sperando in una “illuminazione dell’ultimo secondo” che non arriverà.

E questo lo so perché… ci sono passato. E ci passano periodicamente tutti i ragazzi del Laboratorio dei Sarti del Web.

È NORMALE.

E se tu pensi che a te non succederà… avrai, prima o poi, una triste sorpresa!

Ora devi scegliere:

  • Aspetti che succeda anche a te, per poi trovarti in un angolo della stanza, disperato, a ricordare i bei vecchi tempi in cui credevi non esistesse;
  • Oppure segui la rubrica del Modellista e prepari in anticipo il tuo arsenale, così da non dover MAI trovarti, disperato, a non sapere minimamente cosa scrivere!

Se fai parte del secondo gruppo… benissimo. Allora imbraccia carta e penna, rimboccati le maniche e preparati e vedere con me altri quattro modi per battere a tavolino la sindrome da foglio bianco!

 

Abbiamo visto i primi sei modi di affrontarla. Li trovi in questi articoli:

 

e ora procediamo!

 

#7 IL RACCONTO A PUNTATE

Non posso certo nasconderti il fatto che questo sia uno dei miei preferiti. Lo sto usando proprio per questi articoli!

Il Racconto a puntate è un ottimo espediente quando hai necessità di trattare argomenti complessi, articolati, che necessitano di molte spiegazioni. Quelle situazioni in cui condensare tutto in un unico scritto porterebbe a farlo esageratamente lungo (a quel punto fai un libro, no?) o a dover banalizzare troppo gli argomenti per farli stare tutti in poche centinaia di parole.

Come ogni modalità, ha vantaggi e svantaggi… e qualche regolina che è meglio seguire!

VANTAGGI: come detto, ti permette di trattare argomenti che altrimenti dovresti condensare in maniera eccessiva. In più, può portare il lettore a leggere più cose tue, magari testi precedenti, o a legarsi a te in attesa del prossimo testo.

SVANTAGGI: così composto, il testo rischia di disperdere l’attenzione del lettore che vuole “tutto e subito”, anche quando questo significa avere informazioni parziali.

TRUCCHETTI DEL MESTIERE: per massimizzare l’effetto, è bene che applichi quattro semplici trucchetti:

  1. Numera gli scritti, in modo che il lettore sappia che si tratta di puntate;
  2. Non dare per scontato che il lettore legga in sequenza, quindi ad ogni scritto aggiungi un’introduzione;
  3. In ogni testo fai riferimento alle parti precedenti, usando dei link;
  4. Al termine di ogni testo, utilizza una parte di testo per stimolare il lettore a rimanere in contatto con te, attendendo la prossima parte.

 

E prima di passare al prossimo punto, un’avvertenza: questa modalità non è un espediente per giustificare pipponi tecnici che capirebbe solo la concorrenza. Ricorda: parla sempre il linguaggio che il tuo Cliente Su Misura può comprendere!

 

#8 LE STORIE

Ho perso il conto di quante volte e in quante occasioni ho nominato le storie come tipologia di contenuto!

Il motivo è presto detto: le storie sono ESTREMAMENTE efficaci in ogni contesto!

Ad esempio, il 21 ottobre 2021 ho pubblicato QUESTO ARTICOLO, decisamente attuale.

Allora, perché le inserisco anche in questo articolo?

Beh… prima di tutto perché le storie non sono mai abbastanza nella tua Comunicazione! Ricorda che puoi dare dati, descrivere caratteristiche importanti, citare mille ricerche, ma NULLA viene ricordato più di una storia!

E poi perché le storie sono un’arma estremamente efficace per combattere il Foglio Bianco!

Questo perché le storie… non finiscono mai!

Ci sono eventi che capitano a te, alla tua azienda, ai tuoi clienti, che meritano di essere raccontati.

E non solo!

La tua memoria, quella dei tuoi collaboratori o dei tuoi clienti, è stracolma di storie!

Non hai che da attingere cosa ESISTE già e metterlo per iscritto con la Scrittura Persuasiva!

Un solo appunto: non è che basti scrivere una storia qualsiasi e in un modo qualsiasi.

La storia, oltre ad attivare l’attenzione del potenziale cliente, ha il compito di farlo EMOZIONARE e di portarlo a DESIDERARE ardentemente di acquistare ciò che vendi!

 

#9 LA SATIRA

Questa è una modalità di creazione di contenuto che presenta un certo livello di difficoltà. E non solo per la capacità di utilizzo delle tecniche di Scrittura Persuasiva, ma anche nella scelta del contenuto stesso.

La Satira ha una storia millenaria. I primi libri di Satira sono stati scritti a Roma nel II° secolo A.C. e, ancora oggi, artisti, comici, letterati, ne fanno un uso molto attento.

Questo perché la satira NON è ironia o comicità: è fatta di toni forti, esagerazioni, immagini che possono risultare shoccanti, e di certo non è adatta a tutti.

Non è utilizzabile da qualunque azienda e non puoi usarla con qualunque tipo di pubblico.

MA…

Se il tuo pubblico gradisce i toni forti, se la tua Comunicazione è abbastanza aggressiva, è un ottimo strumento per DISTRUGGERE la concorrenza.

Tuttavia, devi stare molto attento a non fare come Taffo!

Conosci Taffo, vero? Beh, probabilmente sì. È un’agenzia funebre molto famosa per l’uso della satira come tecnica di ingaggio dell’attenzione.

Solo che… la usa con il pubblico sbagliato!

Fa ridere un sacco, anche io rido ai suoi post. Rido tantissimo.

Ma rido solo perché IO non devo seppellire un morto! Sfido chiunque a pensare proprio ad un’agenzia funebre che fa ridere nel momento in cui deve scegliere a chi affidare il caro parente per il funerale.

Pensaci…

Mi ci vedi al cospetto del corpo freddo di mia nonna, mentre le rubo gli anelli d’oro prima che chiudano la bara e il resto della famiglia litiga per l’eredità, a chiamare proprio quell’agenzia che mi ha fatto sganasciare dalle risate?

No, vero?

(ecco, hai appena letto un esempio spinto. Tengo a precisare che mia nonna non portava anelli d’oro)

 

#10 EFFETTO MEME

Conosci i Meme, vero? Sono immagini divertenti che, spesso, diventano virali sui social. Il motivo per cui diventano virali è che sfruttano qualcosa o qualcuno di conosciuto o riconoscibile dal popolo dei Social e gli abbinano frasi divertenti.

Ma tu hai un’azienda, non sei un ragazzino che sforna meme per passatempo e per contare i like a fine giornata, giusto?

Quindi, cosa te ne fai dell’effetto Meme?

Per utilizzare i Meme per vendere il tuo prodotto o servizio devi:

  • Avere una certa dose di ironia;
  • Aver lavorato già da tempo per creare una community che ti conosca e ti riconosca;
  • Fare ironia sul tuo settore o proprio su di te, sulla tua azienda.

Ma, nello specifico, a cosa servono?

Prima di tutto a INTRATTENERE e tenere alta l’attenzione. Certo, puoi farne quanti ne vuoi, metterli online, e nella tua Community avrai facilmente l’effetto di aver strappato un sorriso al tuo lettore.

È un ottimo modo per creare un contenuto che attiri l’attenzione e stimoli il desiderio di seguire la tua Comunicazione, creare tormentoni, fare in modo che un tuo testo venga condiviso da molti utenti.

Ma puoi fare di più: puoi inserirli DENTRO i tuoi testi, in punti strategici, per spezzare un discorso lungo, far fare una risatina e tenere bello attivo il ritmo di lettura.

Ricorda: il peggior nemico dei tuoi testi è LA NOIA.

E non è facile che l’argomento di cui tratti quando scrivi sia così affascinante o esilarante.

Quando il tuo testo è troppo pesante, o difficile da leggere, il lettore si annoia, stacca e smette di leggere.

E non ti aspettare che riprenda in un secondo momento: se si è annoiato, è molto più facile che non torni mai più, nemmeno per dare una sbirciatina!

L’effetto Meme serve proprio a questo: non fargli staccare gli occhi dalle tue parole.

 

Oggi abbiamo visto altri 4 trucchi. Ma non ti cullare: non ho ancora finito!

Sono solo i primi 10, ne ho ancora molti in riserbo per te!

E se non vuoi perderteli (e vuoi essere sicuro di non dover MAI lottare contro il foglio bianco) allora hai solo una cosa da fare SUBITO:

clicca qui ed iscriviti alla mia Newsletter!

Riceverai ogni settimana consigli e trucchi pratici per diventare un esperto di Scrittura Persuasiva e trasformare ogni tuo testo in un potente strumento di vendita!

Ci vediamo giovedì prossimo su questo Blog (e sulla tua piattaforma Social preferita)

Trasforma le tue parole in soldi

Il Modellista

Richiedi la consulenza GRATUITA del Sarto

Fai click qui!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.