10 modi di dire “bello”

Usa il potere dei sinonimi

Perché limitarti a dire che il tuo prodotto/servizio è bello…

quando puoi definirlo affascinante, coinvolgente, elegante o addirittura fantastico?

 

I sinonimi hanno un enorme potere: non avere paura di usarlo nei testi della tua comunicazione online!

 

Come abbiamo visto insieme qualche settimana fa (qui puoi rileggere l’ARTICOLO), non esistono sinonimi “puri” al 100%, ovvero parole che abbiano esattamente la stessa identica sfumatura di significato…

e questo in realtà è un enorme vantaggio per te e i testi della tua azienda!

 

Significa, infatti, che se impari a scegliere con cura e a cesellare le parole, potrai raccontare ai tuoi lettori la tua storia, facendo loro provare emozioni, suscitando in loro sensazioni o ricordi particolari, o persino facendo loro percepire con chiarezza i rischi che corrono se decidono di non acquistare da te.

 

Pensa ai tuoi testi come fossero barche, che navigano ogni giorno nell’affollatissimo fiume dei messaggi pubblicitari che ognuno dei tuoi clienti legge ogni giorno: le parole che scegli sono i barcaioli!

Più sono abili e precisi, più eviteranno gli ostacoli… e arriveranno a destinazione rapidi ed efficaci!

 

Oggi ci concentriamo in particolare su un aggettivo molto comune: sicuramente lo hai usato non una, ma moltissime volte:

 

BELLO.

 

Questo aggettivo ha un’infinita gamma di varianti: sta a te scegliere quella più adatta a esprimere con precisione ciò che vuoi trasmettere ai tuoi lettori.

 

Ecco perché oggi vediamo 10 modi per dire “bello”… senza usare la parola “bello”!

 

Ma non finisce qui… perché nelle prossime settimane vedremo insieme molte altre parole e moltissimi sinonimi, per aiutarti a migliorare al massimo i testi della tua comunicazione. 

 

C’è qualche parola che vorresti analizzare insieme?

Scrivimelo nei commenti, e poi… se ancora non l’hai fatto, CLICCA QUI per iscriverti alla newsletter e non perderti la risposta (oltre a tutti gli altri articoli della Penna Rossa, per imparare come scrivere bene e quali sono gli errori da NON fare mai). 

 

Ora…

Sei pronto?

 

Andiamo a scoprire 10 sinonimi di “bello” da sfruttare al meglio nella tua comunicazione!

 

 

 

10 SINONIMI

Prima di iniziare a vedere i sinonimi, è necessaria una premessa: quello che ti sto per dire è pensato in un’ottica molto precisa, ovvero quello della scrittura dei testi per la comunicazione online della tua azienda.

 

Si tratta quindi di testi con un obiettivo molto preciso: vendere.

 

Perciò, se si trattasse invece di un racconto, di un romanzo di narrativa o di altre tipologie di testi, ti consiglierei altri tipi di sinonimi, più adatti ai vari contesti.

Per farti un esempio pratico: in un libro, puoi trovare il protagonista che cena in un ristorante carino, semplice ma non memorabile, oppure che sceglie un oggetto grazioso o trascorre un pomeriggio piacevole.

 

Ma il tuo prodotto/servizio, se vuoi conquistare i tuoi clienti, non può essere carino o piacevole: deve essere meraviglioso e indimenticabile! 

Se non sei tu il primo a dire che il tuo prodotto è il migliore per i tuoi clienti, di certo loro non potranno crederci.

Quindi, i consigli che trovi in questo articolo sono tutti sinonimi che… puntano in alto!

 

Ora, cominciamo!

 

Persone

  • attraente
  • affascinante

Hai una palestra, vendi cosmetici, vestiti d’alta moda o qualcosa che abbia a che fare con l’estetica delle persone?

Non dire loro che usando il tuo prodotto si sentiranno “belle”: punta allo specifico, mostra quanto diventeranno attraenti e affascinanti!

 

Luoghi

  • incantevole
  • accogliente

Hai un ristorante, un hotel o comunque un luogo fisico dove vuoi che i tuoi clienti si rechino? 

Specifica quanto sia incantevole (se punti all’effetto “magia”) oppure accogliente, se il tuo focus si concentra sul creare un ambiente attentissimo a ogni esigenza del cliente.

 

Esperienze

  • coinvolgente
  • indimenticabile

Una bella esperienza sono capaci di proporla tutti, anche il telepass che alza la sbarra facendoti saltare la coda.

Ma un’esperienza coinvolgente o indimenticabile è tutta un’altra cosa… per chi la acquista, e per le persone con cui la condivide!

 

Oggetti

  • raffinato
  • armonico

Per descrivere gli oggetti in modo positivo, ci sono millle possibilità: bello è decisamente troppo vago. 

Qui ti propondo due esempi: vendi pezzi d’arredamento di alta classe? Fai sentire e visualizzare il loro essere raffinati e armonici, fai capire che chiunque li vedrà non si limiterà a pensare “bello”, ma ne rimarrà affascinato.

 

Bonus

  • meraviglioso
  • stupendo

Ti serve un superlativo per far sognare a qualcuno la cena più romantica della sua vita, proprio nel tuo ristorante? Parlagli del meraviglioso tramonto che potrà ammirare e degli stupendi riflessi sul lago che creerà quella luce!

 

Infine, un piccolo appunto da Penna Rossa: a parte gli aggettivi troppo tiepidi come carino, gradevole, piacevole che non creano nessuna emozione, ti sconsiglio di usare l’aggettivo incredibile.

Perché? 

Perché non è mai una buona idea instillare incredulità nel tuo lettore: tu stai cercando di guadagnarti la sua fiducia… e il tuo prodotto è decisamente credibile!

 

 

E SE INVECE NON È BELLO…

Insieme ai sinonimi, possiamo forse non parlare dei contrari?

 

Certo che no, sono la Penna Rossa mica per niente… perciò, eccoti una veloce carrellata di contrari, che puoi sfruttare all’occorrenza, per far capire i rischi che corre il tuo cliente se non acquista da te, preferendo la concorrenza.

 

Persone

  • sgraziato
  • sciatto

Senza i tuoi prodotti di bellezza o i tuoi abiti, sembrerà sgraziato o sciatto.

 

Luoghi

  • dozzinale
  • da dimenticare

Nessuno vorrebbe mai portare il proprio partner in vacanza in un luogo dozzinale, o peggio, da dimenticare.

 

Esperienze

  • terribile
  • da incubo

Se non viene scelta con cura, un’esperienza può rivelarsi terribile, o persino da incubo!

 

Oggetti

  • raffazzonato
  • antiestetico

Chi vorrebbe mai mostrare ai propri ospiti un arredamento raffazzonato o antiestetico?

 

Bonus

  • deprimente
  • orribile

Infine, se vuoi picchiare duro… tutti vogliamo evitare qualsiasi cosa sia deprimente od orribile!

QUINDI…

Non aver paura di osare… ma non farlo mai a caso!

 

Studia bene il messaggio che vuoi trasmettere, la tua Unicità e le emozioni su cui vuoi puntare e scegli le parole con la massima accuratezza!

 

E se ti serve un po’ di ispirazione…

non aver paura di consultare il vocabolario: che sia online o cartaceo, cerca quello dei sinonimi e contrari e scopri qual è l’esatta parola di cui hai bisogno!

 

Ora tocca a te!

 

Vuoi iniziare ad attirare solo i Clienti Su Misura e smettere di perdere tempo e denaro con i Clienti A Caso… per portare la tua azienda a crescere come mai prima d’ora?

 

Allora non aspettare: 

è uscito da pochissimo il SECONDO libro del Sarto: COMUNICAZIONE SU MISURA: la STRATEGIA DIGITALE che porta la tua azienda al SUCCESSO!

Sei pronto a imparare le tecniche del Sarto per impostare la strategia in grado di portare alla tua azienda il fatturato che hai sempre sognato?

 

Clicca qui per acquistare subito la tua copia!

 

E per scoprire altri errori da NON fare…

… ci vediamo lunedì prossimo!

 

La Penna Rossa

 

BIBLIOGRAFIA

BARATTER P., Il punto e virgola. Storia e usi di un segno, Carocci, Roma 2018.

BECCARIA G.L., Dizionario di linguistica e di filologia, metrica, retorica, Einaudi, Torino 2004.

BERRUTO G., Corso elementare di linguistica generale, UTET, Torino 2012.

CARRADA L., Paroline & Paroloni; Zanichelli, Bologna 2018.

CANNAVACCIUOLO A., Manuale di copywriting e scrittura per il web, Hoepli, Milano 2019.

CERRUTI M., CINI M., Introduzione elementare alla scrittura accademica, Laterza, Roma-Bari 2010.

D’ACHILLE P., L’italiano contemporaneo, Il Mulino, Bologna 2006.

DEL BONO G., La bibliografia, Carocci, Roma 2000.

DELLA VALLE V., PATOTA G., Piuttosto che: cose da non dire, cose da non fare, Sperling&Kupfer, Milano 2013.

FANCIULLO F., Introduzione alla linguistica storica, Il Mulino, Bologna 2007.

EDIGEO (a cura di), Manuale di redazione, Editrice Bibliografica, Milano 2013.

GHENO, V., Guida pratica all’italiano scritto (senza diventare grammarnazi), Franco Cesati Editore, Firenze 2016.

GIUNTA, C., Come non scrivere, Utet, Milano 2018.

MARTINUCCI A., Guida alla bibliografia internazionale, Editrice Bibliografica, Milano 1994.

MIDDENDORP J., TWOPOINTS.NET, Type Navigator. The Independent Foundries Handbook, Gestalten, Berlin 2011.

MORTARA GARAVELLI B., Prontuario di punteggiatura, Laterza, Bari-Roma 2020.

PENSATO R., Manuale di bibliografia, Editrice Bibliografica, Milano 2007.

SCALA F., Piccolo manuale del correttore di bozze, Modern Publishing House, Milano 2011.

SCALA F., SCHIANNINI D. (a cura di), Piccolo manuale di editing, Modern Publishing House, Milano 2009.

SERIANNI L., Italiano, Garzanti, Torino 2000.

 

SITOGRAFIA

Accademia della Crusca – accademiadellacrusca.it

Campagna a sostegno dell’uso corretto di Piuttosto che – piuttostoche.com

Treccani online – treccani.it

Zanichelli online – dizionaripiu.zanichelli.it

Richiedi la consulenza GRATUITA del Sarto

Fai click qui!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.