Chiudi

I nomi stranieri vanno italianizzati?

Un lungo fenomeno linguistico

Perché chiamiamo la regina Elisabetta con il suo nome italianizzato…
ma per suo figlio il principe William manteniamo il nome inglese?

 

E non solo.

 

Questo fenomeno si osserva anche per i toponimi: abbiamo Parigi e Londra, ma anche New York e Aberdeen; e ancora Città del Messico e Montréal.

 

Per non parlare poi dei libri di scuola che ci hanno parlato per anni di Cartesio, Francesco Bacone e Anna Bolena, e di Friedrich Nietzsche, William Shakespeare e Gustave Flaubert.

 

Come vedi, che si tratti di nomi propri o toponimi, ci sono due opzioni per scriverli (e pronunciarli):

 

  • forma originale
  • italianizzazione

 

E qual è la regola per capire cosa tradurre e come tradurlo, o se limitarsi ad adattarlo graficamente e come?

Ho una brutta notizia per te.

 

Non c’è una regola codificata.

 

Ma aspetta ad esultare: il fatto che non ci sia una regola precisa, non vuol dire che tu sia al riparo dagli errori.

 

Perché ci sono delle consuetudini molto radicate, e non seguirle sarebbe un errore!

 

Scriveresti forse “Quest’estate sono andato a London e ho visto il Ponte della Torre?”

Spero di no, o vengo a cercarti a casa con le bacchettate.

 

Quindi, non puoi permetterti di essere superficiale su questo argomento quando scrivi i testi per la comunicazione della tua azienda: le persone sono molto più sensibili alle consuetudini d’uso che alle regole, perciò non riusciresti mai a vendere a un italiano una tazza con l’effigie del principe Guglielmo o di re Charles.

Non capirebbe a chi ti riferisci. E passerebbe oltre!

 

Perciò, se ancora non l’hai fatto, CLICCA QUI per iscriverti alla newsletter e non perderti neanche un articolo della Penna Rossa, per scoprire tutti gli errori da non fare quando scrivi.

 

E ora…

andiamo a scoprire quando e come italianizzare nomi propri e toponimi stranieri!

 

 

 

NOMI DI LUOGHI

Che si tratti di nomi di persone o di luoghi, l’integrazione di nomi stranieri nella propria lingua è un fenomeno che si verifica in tutte le lingue e che si verifica ogni volta in cui popoli diversi vengono a contatto.

Le modalità in cui questo fenomeno avviene possono però essere molto diverse.

 

Partiamo con i nomi dei luoghi!

 

In generale, in passato, la tendenza più naturale è sempre stata quella di adattare il più possibile i nomi stranieri all’italiano, sia per grafia che per pronuncia, per farli rientrare nel nostro sistema fonetico e ortografico.

 

Tuttavia, le vie per farlo sono più d’una: ci possono essere sviluppi italiani da forme latine (come Acquisgrana, da Aquae Grani); altri che mantengono la loro forma originale (come New York), altri che sono stati adattati alla morfologia dell’italiano (come San Pietroburgo) oppure altri che non sono forme pienamente italianizzate ma nemmeno originali (come Copenhagen).

 

La regola principale è quella della consuetudine d’uso.

In sostanza, se un toponimo straniero è familiare da lungo tempo nella storia ai parlanti italiani, la forma sarà sicuramente italianizzata; la tendenza a mantenere la forma originale è molto recente.

 

Andiamo a vedere nello specifico i vari casi.

 

  • Nomi di paesi e regioni


  • Mediati dal francese o dall’inglese

Francia e Inghilterra, in quanto potenze coloniali, hanno avuto relazioni prima dell’Italia anche con paesi più lontani: per questo, molti toponimi sono entrati in italiano attraverso queste due lingue e non dall’originale.

Esempi: Afghanistan (fr. Afghânistân, ingl. Afghanistan)
Botswana (fr./ingl. Botswana)
Ciad (fr. Tchad, ingl. Chad)
Cambogia (fr. Cambodge, ingl. Cambodia)

 

  • Tradotti

A volte, abbiamo una vera e propria traduzione, specialmente quando si tratta di appellativi composti da più parole.

Esempi: Stati Uniti d’America
Regno Unito
Nuova Zelanda

 

  • Dal latino

Se invece si tratta di paesi facenti parte della cultura europea già dalle origini, lo sviluppo delle parole parte dalla denominazione latina e si evolve direttamente in italiano.

Esempi: Egitto da Aegyptus
Scozia da Scotia
Spagna da Hispania

 

  • Forma originale

Il terzo caso racchiude i nomi di paesi più recenti, per i quali si tende a mantenere la forma originale (oppure a creare minimi adattamenti quando le forme originali presentano grafemi o fonemi estranei all’italiano)

Esempi: Argentina, Bolivia, Uruguay, Cile (anziché Chile), Messico (anziché México)

 

 

  • Nomi di città

Il discorso in generale è abbastanza analogo ai nomi di paesi e regioni.

 

  • Integrati in italiano dal nome originale

Quando si tratta di nomi di città conosciuti da lungo tempo.

Esempi: Avignone (Avignon); Parigi (Paris); Barcellona (Barcelona); Leida (Leiden); Francoforte (Frankfurt); Vienna (Wien)

 

  • Mediati da una terza lingua

Esempi: Bucarest dal fr. Bucarest (in rom. Bucuresti), Cracovia dal fr. Cracovie (in polacco Krakow)

 

  • Dalla forma latina

Esempi: Aquisgrana (lat. Aquae Grani) per Aachen, Augusta (lat. Augusta [Vindelicorum]) per Augsburg, Colonia (lat. Colonia [Agrippina]) per Köln

 

  • Forma originale (con frequenti adattamenti della pronuncia)

Esempi: Bonn, Dortmund, Essen, Chicago, Washington

 

 

NOMI PROPRI DI PERSONA

Per quanto riguarda i nomi di persona, il criterio principale rimane sempre lo stesso: da quanto tempo un dato nome è entrato nella lingua italiana.

Più questo tempo è lungo, più è probabile che il nome sia stato italianizzato.

 

  • Nomi di origine antica e biblica

Entrati in italiano attraverso il latino, hanno tutti la loro forma italianizzata.

Esempi: Adriano (Hadrianus), Socrate (Socrates), Cesare (Kaesar), Cartesio (Cartesius), Erasmo (Erasmus)

 

  • Nomi più moderni

In origine, anche questi venivano italianizzati: pensa a Francesco Bacone (Francis Bacon), Giovanna d’Arco (Jeanne d’Arc), Abramo Lincoln (Abraham Lincoln), Leone Tolstoj (Lev Tolstoj) e via dicendo.

 

Tuttavia, oggi si tende a mantenere le forme originali: ecco perché chiamiamo re Carlo in questo modo (siamo abituati a chiamarlo così ormai da 70 anni), ma suo figlio principe William e non Guglielmo.

 

L’unico adattamento che continua a essere fatto è quello grafico, quando siamo in presenza di grafemi non contemplati nel nostro sistema linguistico (come ad esempio i nomi russi o orientali in generale).

 

Un ultimo appunto interessante a riguardo dei nomi italianizzati riguarda il ventennio fascista: in quegli anni furono emanate leggi che spingevano all’italianizzazione forzata di toponimi, cognomi, nomi e in generale qualsiasi forestierismo in uso.

 

Naturalmente, finito il Fascismo, quelle leggi persero valore e la lingua riprese il suo corso naturale.

Ciononostante, ne sentiamo ancora le conseguenze in territori di confine (e quindi mistilingui), come ad esempio l’Alto Adige, la Valle d’Aosta, il Friuli Venezia-Giulia, dove ancora oggi resiste la doppia denominazione.

QUINDI…

Abbiamo visto che non esiste una regola codificata; come dobbiamo regolarci allora?

Teniamo bene a mente che:

 

  • Il criterio principale da seguire è la consuetudine d’uso 
  • Oggi si tende a mantenere il più possibile le forme originali (a meno che, appunto, non si tratti di nomi ormai entrati da lungo tempo in italiano con una forma italianizzata ormai codificata)

 

Se sei in dubbio, non esitare e consulta un’enciclopedia online!

 

Ora tocca a te!

 

Oltre a imparare a scrivere i tuoi testi correttamente, vuoi renderli delle vere macchine sforna-soldi?

Ti serve la tecnica della Scrittura Persuasiva!

Il Modellista Umberto Masiello ha appena pubblicato il suo primo libro (questa settimana in offerta lancio!):

 

TRASFORMA LE TUE PAROLE IN SOLDI

La Scrittura Persuasiva che alza il tuo fatturato

 

Sei pronto a imparare le tecniche per scrivere dei testi che entrino nella mente dei tuoi Clienti Su Misura… portando alla tua azienda il fatturato che hai sempre sognato?

 

Clicca qui per acquistare subito la tua copia!

 

E per scoprire altri errori da NON fare…

… ci vediamo lunedì prossimo!

 

La Penna Rossa

 

BIBLIOGRAFIA

BARATTER P., Il punto e virgola. Storia e usi di un segno, Carocci, Roma 2018.

BECCARIA G.L., Dizionario di linguistica e di filologia, metrica, retorica, Einaudi, Torino 2004.

BERRUTO G., Corso elementare di linguistica generale, UTET, Torino 2012.

CARRADA L., Paroline & Paroloni; Zanichelli, Bologna 2018.

CANNAVACCIUOLO A., Manuale di copywriting e scrittura per il web, Hoepli, Milano 2019.

CERRUTI M., CINI M., Introduzione elementare alla scrittura accademica, Laterza, Roma-Bari 2010.

D’ACHILLE P., L’italiano contemporaneo, Il Mulino, Bologna 2006.

DEL BONO G., La bibliografia, Carocci, Roma 2000.

DELLA VALLE V., PATOTA G., Piuttosto che: cose da non dire, cose da non fare, Sperling&Kupfer, Milano 2013.

FANCIULLO F., Introduzione alla linguistica storica, Il Mulino, Bologna 2007.

EDIGEO (a cura di), Manuale di redazione, Editrice Bibliografica, Milano 2013.

GHENO, V., Guida pratica all’italiano scritto (senza diventare grammarnazi), Franco Cesati Editore, Firenze 2016.

GIUNTA, C., Come non scrivere, Utet, Milano 2018.

MARTINUCCI A., Guida alla bibliografia internazionale, Editrice Bibliografica, Milano 1994.

MIDDENDORP J., TWOPOINTS.NET, Type Navigator. The Independent Foundries Handbook, Gestalten, Berlin 2011.

MORTARA GARAVELLI B., Prontuario di punteggiatura, Laterza, Bari-Roma 2020.

PENSATO R., Manuale di bibliografia, Editrice Bibliografica, Milano 2007.

SCALA F., Piccolo manuale del correttore di bozze, Modern Publishing House, Milano 2011.

SCALA F., SCHIANNINI D. (a cura di), Piccolo manuale di editing, Modern Publishing House, Milano 2009.

SCHWEICKARD W., Le modalità di integrazione dei nomi propri stranieri in italiano, in: Nouvelle revue d’onomastique, n°19-20, 1992. pp. 127-134.

SERIANNI L., Italiano, Garzanti, Torino 2000.

 

SITOGRAFIA

Accademia della Crusca – accademiadellacrusca.it

Campagna a sostegno dell’uso corretto di Piuttosto che – piuttostoche.com

Treccani online – treccani.it

Zanichelli online – dizionaripiu.zanichelli.it

Manenti A., Toponimi stranieri in italiano, redazione Consulenze Linguistiche Accademia della Crusca, 13 dicembre 2016 (https://accademiadellacrusca.it/it/consulenza/toponimi-stranieri-in-italiano/1201)

 

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.I campi richiesti sono marcati *

© 2022 I Sarti del Web | Tema WordPress: Annina Free di CrestaProject.