Chiudi

Tavolo o tavola?

Cambi di genere

Si dice tavolo o tavola?

Entrambi, e fin qui siamo tutti d’accordo.

 

Ma quando va usata la forma maschile e quando quella femminile?

 

Scommetto che non te lo sei mai chiesto con particolare attenzione, eppure, se ora ti fermi a pensarci un attimo… scopri che queste due forme si alternano di continuo.

 

  • Tavolo da gioco
  • Tavola da surf
  • Tavola di legno
  • Tavolo di marmo
  • Pronto in tavola!
  • Il tavolo della cucina

 

E via dicendo.

 

Ovviamente, scambiare le due forme sarebbe un errore: guai a te se provi a scrivere tavolo da surf o pronto in tavolo!

 

Senti come suona ridicolo?

 

E se si tratta di un testo per la comunicazione online della tua azienda è ancora peggio: scommetto che non vuoi sembrare ridicolo agli occhi dei tuoi clienti… perciò, non perderti mai un articolo della Penna Rossa, se vuoi scoprire gli errori da evitare: CLICCA QUI e iscriviti subito alla newsletter, se ancora non l’hai fatto!

 

Il fenomeno che analizziamo oggi è un’alternanza di genere, e si verifica per parole che indicano cose inanimate (quindi, non dotate di genere proprio) e nella nostra lingua è abbastanza frequente. 

 

Ci sono delle regole? Sì, ma non proprio sempre.

Sono opzionali? Certo che no.

 

Ecco perché oggi ci concentriamo in particolare a capire come funziona l’alternanza tra tavolo e tavola: sei pronto?

 

 

 

TAVOLA

Credo che tutti i parlanti italiani, leggendo la parola tavola, sappiano esattamente di cosa si tratta.

 

Tuttavia… partiamo lo stesso con il consultare la Treccani: è un’ottima abitudine da avere quando si scrive, perché può sempre insegnare qualcosa di utile.

 

tàvola s. f. [lat. tabŭla]. – 1. Asse di legno di spessore sensibilmente minore della lunghezza e della larghezza: segare, piallare una t.[…] 2. a. Mobile costituito da un piano orizzontale di forma e materiali varî […], sorretto, all’altezza di circa 70-80 cm, da uno o più elementi verticali (piedi o gambe) o con altri mezzi di sostegno (t. fissa da parete, t. estraibile), usato per mangiare, per eseguire determinati lavori e svolgere determinate attività, standovi seduti ai lati e tenendovi sopra quanto occorre per i varî usi: t. da pranzo o per mangiare; […] b. Con uso assol., senz’altra determinazione, indica la tavola attorno alla quale ci si siede per consumare i pasti (in questo sign. e negli usi qui di seguito riportati, non si userebbe tavolo): apparecchiare, sparecchiare la t.; portare, servire (le vivande e le bevande) in t., e il pranzo è in t., […] T. calda e t. fredda, assortimento di cibi e piatti caldi o freddi che si consumano, quando si vuole pranzare rapidamente e in forma semplice, in locali pubblici (rosticcerie, bar e ristoranti, spec. di stazioni, aeroporti, impianti varî), in piedi o al banco seduti su alti sgabelli o anche a un tavolo: […] T. rotonda (dal fr. ant. roonde table), espressione che appare per la prima volta nel poema fr. Brut o Geste des Bretons (1155 circa), e che nel mondo fantastico della poesia cavalleresca medievale, spec. francese, indica il complesso dei cavalieri che circondavano il re Artù, leggendario sovrano dei Bretoni: attorno a una tavola rotonda si disponevano tali cavalieri quando il re li adunava a corte, e la forma circolare simboleggiava la loro perfetta uguaglianza nell’ideale cavalleresco […] 3. Oggetto, arnese o attrezzo, elemento di macchine e strutture varie, costituito essenzialmente da un piano, per lo più rettangolare e di limitato spessore, di legno o di altro materiale: t. da lavare o da bucato, t. da stiro, [… ]4. fig. a. Illustrazione, cartina o grafico, o altra riproduzione a stampa, che occupa un’intera pagina di un volume […]

 

Ti sembra un lemma lungo e corposo? Sappi che l’ho tagliato moltissimo: se vai a vedere l’originale è tre volte più lungo.

 

Ma siccome ora non ci serve saperlo, ti risparmio tutti i dettagli su tavola e i suoi usi più particolari, come in geografia, trigonometria, chimica e storia.

 

 

Perché tutti questi usi?

 

Perché si tratta di una parola molto antica e versatile: deriva direttamente dal latino tabula (riconducibile alla radice ta che significa “sostegno, cosa stabile”).

In origine, però, significava principalmente soltanto asse, dipinto su legno o tavoletta votiva o tavoletta per scrivere.

 

Per indicare il tavolo su cui si mangia, in latino si usava infatti il termine mensa.

 

 

Cosa è successo?

 

Nei secoli, i due termini si sono in qualche modo avvicinati e sovrapposti, e già nell’italiano delle origini nel XII secolo tavola aveva preso entrambi i significati.

 

In pratica, in latino tabula significava asse, e mensa aveva i significati che noi oggi diamo a tavola; ma in italiano, la parola tavola ha preso entrambi i significati.

 

 

Perciò…

oggi usiamo tavola nella sua forma femminile per indicare:

 

  • asse di legno
  • la tavola intorno alla quale ci si siede per consumare i pasti
  • grafici o illustrazioni
  • attrezzi o strumenti particolari (come tavola da surf)

 

E per quanto riguarda il tavolo?

 

 

 

 

TAVOLO

Anche qui, vediamo cosa ha da dire la Treccani:

 

tàvolo s. m. [der. di tavola]. – 1. Forma ormai più com. e spesso esclusiva, soprattutto fuori di Toscana, per tavola nel sign. di «mobile» (ma tavola è esclusivo per la tavola da pranzo, fuorché in usi generici come un prezioso t. del Cinquecento, comprare un t. nuovo per il tinello, e in relazione a ristoranti e trattorie in frasi come prenotare un t. per otto al ristorante, e sim.): t. di o da cucina; t. da lavoro, da stiro; t. operatorio; […]  t. da gioco o anche t. verde, per giochi di carte e altri giochi d’azzardo ([…] ma soltanto tavola nelle espressioni mettere le carte in tavola e tavola reale) […]. 2. Sign. e usi tecn. particolari: a. T. da disegno, […]. b. Tavolo di comando, o di manovra […] 3. Con uso fig., nel linguaggio politico e giornalistico, il termine, per lo più seguito da un complemento di specificazione, indica il luogo (ideale), l’occasione d’incontro tra gruppi politici, parti sociali, rappresentanti di organismi istituzionali, e sim., per trattare, per cercare un accordo su questioni di urgente risoluzione: t. di mediazione; t. della giustizia [..]

 

Come vedi, anche tavolo è una parola dai molteplici usi, anche figurativi… ma la sua voce è comunque ben più corta di quella di tavola.

 

Capire l’origine di questa parola è più difficile: abbiamo un tabulinum da cui deriva tavolino, che in latino però significava “terrazza o archivio”, mentre in italiano già dal Cinquecento era presente con il significato odierno.

 

In breve, tavolo compare pochissimo in origine, e quando lo fa si tratta di testi di area settentrionale, forse influenzati dal milanese tavol o dal veneziano tavolo, oltre che da tavolino.

 

E quindi…

oggi come si usa?

 

  • quando si tratta dell’oggetto tavolo, del mobile, e non del desco apparecchiato (o comunque di significati connessi al pasteggiare)

Ma attenzione: parliamo comunque di “un tavolo per otto persone” quando vogliamo prenotare, e di “servizio al tavolo” riferendoci ai camerieri.

Nota bene: sono compresi tavoli con usi particolari, come tavolo da disegno o tavolo operatorio.

 

  • quando lo usiamo con il significato di confronto , come ad esempio quando parliamo del tavolo delle trattative.

 

Però, stai sempre attento alle forme proverbiali e cristallizzate in un certo modo, che magari non sempre seguono questa regola, come ad esempio cambiare le carte in tavola.

 

E a proposito di carte:

è più corretto gioco da tavola o gioco da tavolo?

 

Cercando su Google, troviamo entrambe le occorrenze, ma quella che oggi va per la maggiore, e che io ti consiglio senza dubbio, è gioco da tavolo, perché segue il concetto che abbiamo appena visto, per il quale tavola è legato al desco e al cibo.

 

 

QUINDI…

Come si risolve il dilemma tavolo/tavola?

Ecco la regola principale da usare:

 

TAVOLA

  • desco, contesti legati al cibo e al mangiare
  • asse di legno
  • grafici o illustrazioni
  • strumenti particolari

TAVOLO

  • mobile
  • tavoli con usi specifici
  • occasione di confronto

 

Ma mi raccomando: stai attento alle eccezioni e ai modi di dire e non aver paura di consultare il vocabolario!

 

Ora tocca a te!

 

Vuoi potenziare la comunicazione online come mai prima d’ora?

Il Sarto ha appena lanciato qualcosa di davvero speciale.

 

Un VIDEOCORSO GRATUITO

con le 6 strategie per alzare il tuo fatturato come mai prima d’ora

ALZANDO I PREZZI e senza PERDERE CLIENTI!

 

So che a moltissimi imprenditori alzare i prezzi può fare paura, perché la concorrenza gioca la guerra al ribasso.

Si tratta di una strada che conduce in un burrone: ci sarà sempre qualcuno con i prezzi più bassi dei tuoi.

 

Ma tu puoi distinguerti dalla massa e svettare… alzando i prezzi e facendo sì che siano i clienti a implorarti di vendere a loro il tuo prodotto/servizio.

 

Ecco perché ti servono le 6 strategie del Sarto: e puoi accedere gratuitamente all’intero videocorso.

 

Clicca qui per guardarlo subito!

 

E per scoprire altri errori da NON fare…

… ci vediamo lunedì prossimo!

 

La Penna Rossa

 

BIBLIOGRAFIA

BARATTER P., Il punto e virgola. Storia e usi di un segno, Carocci, Roma 2018.

BECCARIA G.L., Dizionario di linguistica e di filologia, metrica, retorica, Einaudi, Torino 2004.

BERRUTO G., Corso elementare di linguistica generale, UTET, Torino 2012.

CARRADA L., Paroline & Paroloni; Zanichelli, Bologna 2018.

CANNAVACCIUOLO A., Manuale di copywriting e scrittura per il web, Hoepli, Milano 2019.

CERRUTI M., CINI M., Introduzione elementare alla scrittura accademica, Laterza, Roma-Bari 2010.

D’ACHILLE P., L’italiano contemporaneo, Il Mulino, Bologna 2006.

DEL BONO G., La bibliografia, Carocci, Roma 2000.

DELLA VALLE V., PATOTA G., Piuttosto che: cose da non dire, cose da non fare, Sperling&Kupfer, Milano 2013.

FANCIULLO F., Introduzione alla linguistica storica, Il Mulino, Bologna 2007.

EDIGEO (a cura di), Manuale di redazione, Editrice Bibliografica, Milano 2013.

GHENO, V., Guida pratica all’italiano scritto (senza diventare grammarnazi), Franco Cesati Editore, Firenze 2016.

GIUNTA, C., Come non scrivere, Utet, Milano 2018.

MARTINUCCI A., Guida alla bibliografia internazionale, Editrice Bibliografica, Milano 1994.

MIDDENDORP J., TWOPOINTS.NET, Type Navigator. The Independent Foundries Handbook, Gestalten, Berlin 2011.

MORTARA GARAVELLI B., Prontuario di punteggiatura, Laterza, Bari-Roma 2020.

PENSATO R., Manuale di bibliografia, Editrice Bibliografica, Milano 2007.

SCALA F., Piccolo manuale del correttore di bozze, Modern Publishing House, Milano 2011.

SCALA F., SCHIANNINI D. (a cura di), Piccolo manuale di editing, Modern Publishing House, Milano 2009.

SCHWEICKARD W., Le modalità di integrazione dei nomi propri stranieri in italiano, in: Nouvelle revue d’onomastique, n°19-20, 1992. pp. 127-134.

SERIANNI L., Italiano, Garzanti, Torino 2000.

 

SITOGRAFIA

Accademia della Crusca – accademiadellacrusca.it

Campagna a sostegno dell’uso corretto di Piuttosto che – piuttostoche.com

Treccani online – treccani.it

Zanichelli online – dizionaripiu.zanichelli.it

Di Carlo M., Mettiamo le carte in tavola! O sul tavolo?, redazione Consulenze Linguistiche Accademia della Crusca, 22 luglio 2022 (https://accademiadellacrusca.it/it/consulenza/mettiamo-le-carte-in-tavola-o-sul-tavolo/18168)

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.I campi richiesti sono marcati *

© 2022 I Sarti del Web | Tema WordPress: Annina Free di CrestaProject.