CRM, o Come Relazionarsi Meglio – parte 1

Ciao e bentornata/o sulla rubrica del Fabbro,
Nelle ultime settimane ti ho parlato di automazioni e, se ci hai fatto caso, ho nominato più di una volta il tool Active Campaign.

Devi sapere che si tratta del CRM più apprezzato e, di conseguenza, utilizzato per fare comunicazione online… e non a caso!

Active Campaign ti permette di realizzare newsletter, trovare potenziali clienti in rete, creare automazioni semplici e/o sofisticate e immagazzinare grandi quantità di informazioni sui tuoi clienti.

Se in passato ti è capitato di utilizzare il software della scimmia (Mailchimp) o qualche strumento simile per l’invio delle mail e non ne sei rimasto soddisfatto, don’t panic: è normalissimo! Active Campaign è tutt’altra cosa e lo utilizzano con successo sia i piccoli imprenditori che le grandi aziende.

All’interno della guida di oggi voglio illustrarti nel dettaglio tutti i vantaggi (enormi!) che puoi trarre da questo tool e i benefici che può trarne il tuo business.

Prima di cominciare però raccogli tutta la concentrazione che puoi e afferra una tazza del tuo caffè preferito!

caffè

Che cos’è Active Campaign?

La risposta tecnica è “un CRM cloud-software che ti offre servizi di invio newsletter, generazione lead e automazione delle vendite”.

Logicamente non mi aspetto tu comprenda al 100% ogni parola di questa frase, d’altronde se leggi questa rubrica probabilmente sei un imprenditore e non un ingegnere informatico.

Proprio per questo motivo voglio spiegarti nei minimi dettagli cosa vuol dire questa frase e quali sono tutte le possibilità offerte dal programma.

Voglio partire proprio dalla parola “CRM” e, per farlo, utilizzerò un sillogismo:
tutte le aziende hanno bisogno di un CRM; Active Campaign è un CRM = tutte le aziende hanno bisogno di Active Campaign.

Scherzi a parte, se proprio non vuoi metterti a scrivere newsletter per i tuoi clienti o realizzare delle automazioni (sbagliatissimo, ma possiamo procedere per gradi), sappi che la tua azienda ha bisogno comunque di Active Campaign perché è il CRM più semplice e potente che puoi trovare in rete.

CRM vuol dire “Customer Relationship Management”, però tu dimentica questa definizione brutta e inglese e sostituiscila con “Come Relazionarsi Meglio” (invenzione mia, se dovessi trovarla da qualche altra parte dimmelo che vado a prendere il martello).

Come Relazionarsi Meglio con i tuoi clienti abituali, i tuoi potenziali clienti, i tuoi collaboratori, i tuoi dipendenti, la tua azienda.

Un CRM infatti è uno strumento che ti permette di immagazzinare dati su aziende e persone e che, nello specifico, ti permette di:

  • comunicare con loro via mail;
  • annotare tutte le loro informazioni che reputi utili per il tuo business;
  • inviargli delle comunicazioni in automatico;
  • consultare uno storico delle loro transazioni;
  • consultare uno storico delle loro interazioni con i tuoi contenuti;
  • assegnargli un punteggio per capire fino a che punto sono fedeli alla tua azienda;
  • tenere traccia delle loro opinioni sui tuoi prodotti/servizi;
  • segmentarli e raggrupparli in base a interessi e/o dati demografici.

Non riesco davvero a immaginare una qualsiasi azienda capace di esistere senza utilizzare queste funzioni.

Credimi, non esagero se dico che lavorare senza un CRM vuol dire lavorare male.

logo active campaign

Questo pensiero non vale soltanto per le grandi aziende, ma si estende anche ai piccoli imprenditori e professionisti freelance, anche ai one man band (chi lavora completamente da solo).

Ma il CRM non serve soltanto a questo.

Oltre a permetterti di gestire meglio le relazioni esterne, ti aiuta anche a migliorare i processi interni della tua azienda.

Grazie ad Active Campaign, infatti, puoi gestire i flussi aziendali interni e assegnare dei compiti ai tuoi collaboratori/dipendenti per tenere sotto controllo il loro lavoro.

Può sembrarti una cosa da nulla, ma queste funzioni, ad esempio, possono aiutarti ad individuare dov’è che la tua azienda si inceppa all’interno del suo flusso produttivo.

A proposito di ciò voglio sfatare un falso mito che riguarda le automazioni:

Le automazioni non servono soltanto a inviare mail in automatico ai tuoi clienti, ma anche e soprattutto ai tuoi collaboratori/dipendenti!

Vuoi inviare i dati di un cliente che si registra sul tuo sito ad un tuo collaboratore? Puoi creare un’automazione e farlo fare ad Active Campaign in automatico.

Vuoi che un tuo collaboratore telefoni a una persona che ha appena compilato il form dei contatti del tuo sito? Puoi creare un’automazione e farlo fare ad Active Campaign in automatico.

Vuoi fornire ai tuoi collaboratori uno storico dei clienti che si mettono in contatto col tuo servizio di assistenza, in modo da poterli mettere in condizione di assisterli meglio? Puoi creare un’automazione e farlo fare ad Active Campaign in automatico.

Io ti avverto, provi una volta una di queste automazioni e sei spacciato per l’eternità: non riuscirai a farne a meno mai più!

E stiamo scrollando soltanto la punta dell’iceberg, non ci sono limiti; puoi relazionarti meglio col tuo pubblico e i tuoi collaboratori/dipendenti all’infinito.

schermata active campaign - crm

Noi Sarti del Web raccogliamo dati ogni giorno grazie a questi sistemi e stiamo aumentando a dismisura il nostro pubblico e le nostre vendite ogni giorno che passa. Non te lo nascondo: senza il CRM non saremmo così bravi! Non potremmo buttare fuori contenuti di qualità tutti i giorni perché non saremmo in grado di comprendere quali sono i problemi che affliggono la maggior parte degli imprenditori italiani.

Durante i suoi primi anni di vita, Active Campaign era capace soltanto di immagazzinare informazioni di contatto. Ad oggi le sue funzionalità sono aumentate, così come le sue possibili integrazioni. Al momento Active Campaign può interfacciarsi con oltre 300 strumenti diversi, come WordPress, WooCommerce, PayPal, Stripe, Zapier ecc. Ma di questo parleremo più tardi!

Ora che hai capito (spero!) l’importanza dei CRM per le aziende, passiamo oltre.

Come già detto, Active Campaign è una piattaforma cloud-software.

Questo vuol dire semplicemente che risiede nel cloud, non su un supporto fisico.

Tradotto: non è qualcosa che installi sul tuo computer. Puoi accedere ad Active Campaign da qualsiasi dispositivo che abbia la capacità di connettersi ad internet. Non sei in ufficio ma hai bisogno di reperire delle informazioni su un cliente? Don’t panic: puoi accedere ad Active Campaign direttamente dal tuo smartphone.

Ti va a fuoco l’ufficio? Don’t panic (ok, forse un po’ sì): non hai perso per sempre i dati della tua azienda perché esistono nel cloud grazie ad Active Campaign.

fuoco

Hai presente quando il Sarto dice che devi digitalizzare la tua azienda? Ecco, comincia da Active Campaign.

Abbiamo visto cosa significa cloud-software, adesso è arrivato il momento di argomentare la definizione “ti offre servizi di invio newsletter”.

Ok, qui ci sarebbe bisogno di scrivere un enorme trattato (tranquillo, lo sto già facendo), però cercherò di condensare in poche righe le informazioni più utili.

Ricevi comunicazioni mail da parte dei Sarti ogni giorno? Ecco, quella è una newsletter.

La newsletter, infatti, è un servizio che permette ai tuoi utenti di non perdersi mai un aggiornamento sulla tua azienda o sul settore in cui operi.

Iscrivendosi alla tua newsletter, il tuo pubblico si aspetta che gli invii delle comunicazioni mail.

Come puoi creare delle comunicazioni mail e programmarne l’invio? Naturalmente con Active Campaign.

In questo momento potresti pensare:
“Ok Fabbro, ma esistono tanti altri software per creare comunicazioni mail, perché mi stai suggerendo proprio Active Campaign?”

Ottima domanda.

La risposta è: perché Active Campaign (come abbiamo detto finora) non si ferma soltanto a questo, va ben oltre!

Ma prima di spiegarti come puoi combinare le sue funzionalità avanzate con le comunicazioni email, concentriamoci prima a dovere su quest’ultimo punto.

comunicazione mail

Active Campaign ti permette di inviare comunicazioni mail a tutti i tuoi contatti oppure a piccoli segmenti di contatti (da cui le origini del termine “segmentazione”). Ecco, devi sapere che i processi di creazione, pianificazione e invio di comunicazioni mail su Active Campaign è semplicissimo!

Talmente semplice che anche chi non l’ha mai fatto prima d’ora ci riesce in un batter d’occhio.

Il bello, poi, è che per curare la grafica delle tue email puoi partire da 0 oppure da uno dei layout già pronti e messi a disposizione per te.

Come se ciò non bastasse, puoi creare in due click delle liste e spostarci dentro tutti i contatti che vuoi per separarli e decidere di inviare una determinata comunicazione email soltanto a loro.

Sai che Active Campaign ha inoltre il più alto tasso di consegna? Ciò significa che, rispetto alla sua concorrenza, ha meno probabilità di far finire in spam le tue comunicazioni mail!

Se non sei sicuro di aver capito quello che sto dicendo non preoccuparti, è normalissimo. Lo spam è un argomento un po’ delicato e per questo motivo ti consiglio di recuperare subito questo articolo approfondito che ho scritto un po’ di tempo fa: puoi raggiungerlo facendo click qui.

Quindi ricapitolando:

  • crei le tue liste contatti;
  • crei i layout grafici per le tue comunicazioni mail;
  • scrivi le tue mail;
  • programmi le tue mail e le invii in sicurezza…
  • … e poi?

E poi Active Campaign ti fornisce delle statistiche molto dettagliate su come sono andati l’invio e la ricezione delle tue mail.

statistiche active campaign

Il report delle statistiche di Active Campaign ti mostra:

  • a quante persone la tua mail è stata recapitata correttamente;
  • quante persone hanno aperto la tua email;
  • quante persone hanno fatto click sui bottoni della tua email;
  • quante persone hanno risposto alla tua email;
  • chi sono queste persone.

Naturalmente se combini tutto questo alla capacità di creare le automazioni… le possibilità sono letteralmente infinite e l’unico limite è la tua fantasia.

Vuoi inviare in automatico un codice sconto agli utenti che hanno aperto una tua email specifica?

Puoi farlo.

Vuoi richiedere una recensione a tutti quelli che hanno cliccato un bottone all’interno di una tua mail?

Puoi farlo.

Vuoi ricevere una notifica ogni volta che qualcuno compra un tuo prodotto dopo aver fatto click su un bottone all’interno di una tua mail?

Puoi farlo.

Vuoi inserire dentro un’automazione specifica tutti gli utenti che hanno risposto in un determinato ad una domanda su uno dei tuoi moduli?

Puoi farlo.

E così via! Ma finché non provi questo meccanismo non riuscirai mai a comprendere davvero quanto è indispensabile per aumentare le tue vendite e, contemporaneamente, rendere la tua vita meno stressante.

Conclusioni

Wow, oggi ti ho già scritto tantissimo su questo strumento ma ci sono ancora altre funzionalità che meritano la massima attenzione.

Proprio per questo motivo ho deciso di dividere questo articolo in più parti.

Vuoi essere sicuro di non perdere la seconda parte? Allora iscriviti subito alla rubrica del Fabbro e dormi sogni tranquilli! Fai click qui, compila il modulo e riceverai tutte le mie guide gratuite ogni martedì alle 7 del mattino… direttamente all’interno della tua casella email preferita.

Continua a seguirmi e vedrai che presto per te diventerà facilissimo usare il martello per spaccare il web!

A martedì prossimo,
Il Fabbro

Richiedi la consulenza GRATUITA del Sarto

Fai click qui!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.