Come dopare il tuo e-commerce – parte 3

Ciao e bentornata/o sulla rubrica del Fabbro,
L’articolo di oggi è la terza parte di una guida più ampia, per leggerlo dall’inizio fai click qui.

Come avrai capito, i plugin che reputo essenziali per gestire un e-commerce di successo sono tanti.
Anche oggi, infatti, ti parlerò di uno strumento indispensabile, su cui devi mettere le mani al più presto, ma tipo oggi stesso!

Questo strumento si chiama Zapier.

Prima di buttarci sul tecnico, però, voglio fare una piccola premessa.

Gli e-commerce funzionano davvero bene solo quando sono collegati a dei programmi chiamati CRM.

I CRM, per farla breve, sono strumenti in grado di immagazzinare i dati di tutti i tuoi clienti e ti permettono di inviargli delle campagne email.

Quelli più potenti riescono addirittura ad automatizzare l’invio di email e, se sfruttati al meglio, a mettere il tuo sito in condizioni di vendere tantissimo… senza che tu debba muovere un dito!

Tutto quanto meraviglioso, però c’è una cosa che devi sapere:
in questo preciso istante il tuo sito non è in grado di comunicare con un CRM.

scimmia muta

Mi spiego meglio: anche se tu acquistassi un CRM, il massimo che potresti fare allo stato attuale delle cose è inviare delle mail ai tuoi clienti per spingere le vendite sul tuo e-commerce.

Chiariamoci, è sempre meglio di niente! Se però è il tuo caso sappi che stai rinunciando a:

  • poter sincronizzare in automatico i dati dei tuoi clienti sul CRM. Cioè praticamente ogni volta che qualcuno si registra sul tuo sito devi registrarlo manualmente sul CRM;
  • inserire automaticamente in liste separate i clienti che hanno acquistato determinati prodotti/servizi sul tuo sito;
  • separare automaticamente i tuoi clienti migliori da quelli di cui dovresti sbarazzarti;
  • inviare delle mail di ringraziamento personalizzate per chi effettua degli acquisti sul tuo e-commerce;
  • alla possibilità di richiedere in automatico una recensione dei tuoi prodotti/servizi a chi li ha acquistati;
  • tempo e soldi. Credimi, non è un’esagerazione! Quanto tempo impieghi ogni volta per inserire manualmente i dati dei tuoi clienti sul CRM e come fai anche solo a capire quali sono i prodotti più acquistati che ti conviene spingere di più? Tiri giù degli excel ed effettui conteggi quando potresti delegare tutto ad una macchina che è pure più veloce e precisa di te (e anche di me, di qualsiasi essere umano)?

Ora magari tu non possiedi ancora un e-commerce o sei solo agli inizi, perciò potresti non percepire come un problema parte delle cose che ti sto dicendo. Va benissimo, ma ricordati questo: prima o poi accadrà.

Prima o poi ti lamenterai del fatto che gestire un e-commerce è faticoso e inoltre non ti dà i risultati che immaginavi.

Lo so perché ci sono passato anche io.

In pochi anni la tecnologia ha compiuto dei passi enormi e adesso ci permette di fare cose che fatichiamo ad immaginare. Quando ho iniziato a muovere i primi passi in questo settore si poteva lavorare solo con gli excel e gestire un e-commerce era un incubo.

Perlopiù potevi muovere passi incerti, come con gli occhi bendati, e gestire più di un e-commerce alla volta non era una possibilità.

Ma perché ti sto dicendo tutto questo?

Perché il plugin di cui ti parlo oggi risolverà tutti questi problemi e metterà il tuo e-commerce in condizioni di dialogare in autonomia con il tuo CRM.

È arrivato il momento di raccogliere tutta la tua concentrazione e afferrare una tazza del tuo caffè preferito: iniziamo!

caffè

Che diavolo è Zapier e perché il tuo e-commerce ne ha un disperato bisogno?

Per farti capire cos’è Zapier in pochi minuti ti faccio un esempio veramente scemo.

Qualsiasi cosa io faccia, quando possibile ascolto sempre della musica e mi piace creare delle playlist e adattarle a compiti diversi. Se te lo stai chiedendo, sì: ho una playlist pure per quando sono al bagno, sono una di quelle persone lì.

Per questo motivo adoro Spotify (anche per la qualità dell’audio, sono un po’ fissato).

Un altro motivo per cui adoro Spotify è che posso trasmettere lo streaming della musica dal cellulare alle cuffie o a delle casse o ad Alexa, il tutto senza fili e nel giro di pochi istanti.

Esiste persino un pulsante per collegare Spotify ad Alexa senza dover collegare quest’ultima al pc o al cellulare.

Ma come fa?

In realtà la tecnologia di Spotify non c’entra nulla, avviene tutto grazie al bluetooth.

Perché diamine ti sto dicendo tutto questo?

Immagina che Spotify sia il tuo e-commerce, Alexa (o qualsiasi altra cassa) il CRM e… sì: Zapier è il Bluetooth.

logo zapier

Zapier è il ponte che collega il tuo sito al CRM, permettendogli di gestire in modo automatico gran parte del lavoro che altrimenti dovresti affidare ad un reparto intero di persone malate di mente che si suicideranno inevitabilmente da lì a pochi mesi. Sì, perché è un lavoro schifoso che non dovrebbe mai gestire nessun essere umano, perciò fallo fare a Zapier!

Anche perché non si stanca mai e, generalmente, non fa ca**ate (la perfezione non esiste, ma ci si avvicina parecchio).

Per poter usare Zapier ti basta installare sul tuo sito il plugin WooCommerce Zapier, disponibile a pagamento su questo link.

Sì, lo so, che p*lle, un’altra roba da pagare, il Fabbro mi sta dissanguando ecc., ma si tratta di un prezzo accessibile a tutti e non è un abbonamento ma un pagamento una tantum.

Giuro che questo è uno di quegli acquisti e che si ripaga infinite volte tanto, però se hai dubbi continua a leggere l’articolo.

Se ti stai chiedendo quale CRM attaccare al tuo sito grazie a Zapier, la risposta è una: Active Campaign.

schermata active campaign - crm

Piano scalabile, semplicità di utilizzo, invio di email affidabile (non finirai in spam, a meno che non farai ca***te), automazioni potentissime.

Se hai già un CRM che non è Active Campaign shame on you ma probabilmente puoi collegarlo lo stesso al tuo sito. Per averne la certezza, collegati a questa pagina e guarda se nell’elenco figura il logo del tuo CRM.

Una volta installato il plugin non ti resta che attivarlo e prepararti a configurarlo, che è un’impresa impossibile! No, scherzo, in realtà è uno di quei plugin che basta attivarlo per farlo funzionare.

Yeee!

Ma allora come si usa?

Devi registrare un account gratuito sul sito di Zapier.

Fatto? Molto bene, adesso ti spiego come funziona.

Facciamo finta che per il momento tu voglia soltanto registrare sul CRM in automatico i dati dei clienti che acquistano sul tuo e-commerce (una cosa alla volta, altrimenti ti passa la voglia e prendi il pc a martellate).

Collegati alla dashboard di Zapier è fai click su “Nuovo Zap” per creare, appunto, uno zap.

“Fabbro io ti meno, che cacchio è uno zap?”

È praticamente una mini-automazione.

Ogni volta che vuoi far parlare il tuo sito col CRM devi creare uno zap.

Adesso scrivi dentro la barra di ricerca che vedi qui sotto “WooCommerce” e fai click sulla relativa icona.

woocommerce zapier

Ti verranno fuori diverse opzioni, per ora scegli “Order”.

Questo significa che lo zap si attiverà ogni qualvolta che qualcuno effettuerà un acquisto sul tuo e-commerce.

Visto che è la prima volta che usi Zapier, dovrai fare click su “connect a new account”, cioè connetti un nuovo account per registrare il tuo sito WooCommerce sul sistema.

Si tratta di un procedimento che dovrai fare una volta sola, quando creerai un altro zap potrai selezionare il tuo e-commerce da un elenco perché l’hai già registrato.

Inserisci le credenziali sul tuo sito e, se hai attivato il plugin WooCommerce Zapier, tutto filerà liscio. In caso contrario, installa e attiva il plugin, poi ripeti tutto da capo.

Il prossimo campo da compilare è “trigger rule”, cioè una regola da impostare per far capire a Zapier quando agire.

Nel nostro caso vogliamo che lo zap si attivi quando qualcuno effettua un acquisto, perciò scegli “order paid”, poi fai click su “continua”.

Fatto? Ottimo, adesso Zapier ti chiederà di effettuare un test del trigger, cioè in breve cercherà sul tuo e-commerce l’ultimo ordine effettuato.

“Ok Fabbro, ma se il mio e-commerce è nuovo di pacca e non ha mai visto ancora un ordine come faccio?”

In quel caso don’t panic: Zapier inserirà dentro dei dati a caso e potrai andare avanti. Lo so che non è chiarissimo ma lo sarà tutto più tardi, per ora non farti troppe domane e procedi.

bottone don't panic

Vedrai ora apparire una finestra con dentro degli strani dati, che sono esattamente i dati della persona che ha effettuato l’ultimo acquisto sul tuo e-commerce.

Nel caso in cui tu non abbia mai venduto ancora nulla, i dati saranno inventati di sana pianta.

Ora fai click sul bottone per continuare.

Vedrai apparire una seconda schermata con su scritto “action”, ciò vuol dire che ora dovrai impostare l’azione da eseguire ad ogni ordine effettuato sul sito.

Scrivi nella barra di ricerca il nome del tuo CRM, per l’esempio personalmente userò Active Campaign (ma la procedura è simile per tutti gli altri CRM).

Nel campo “action event” scegli “Create or update contact”, che è una cosa meravigliosa.

Praticamente stiamo dicendo a Zapier che se l’utente che ha acquistato non è registrato su Active, deve registrarlo, in caso contrario (cioè se è già presente il nominativo di questa persona sul CRM) si limiterà ad aggiornare i suoi dati.

Ora devi fare per il CRM la stessa cosa che hai fatto con WooCommerce: registrare l’account.

Anche questa procedura dovrai effettuarla soltanto la prima volta e poi non ti verrà più richiesta, perciò afferra una tazza del tuo caffè preferito e collega il tuo account Active (o quello che è) inserendo le credenziali.

Nel caso specifico di Active Campaign, per collegarlo ti verranno richiesti due codici che troverai all’interno del CRM stesso alla voce sul menù “Impostazioni” -> “Sviluppatore”.

Se riscontri difficoltà a collegare il tuo CRM a Zapier fammelo sapere nei commenti e ti darò una mano.

Fatto? Molto bene, ci siamo quasi.

Adesso compariranno vari campi, tipo:

  • nome della lista su cui aggiungere il contatto;
  • indirizzo email;
  • nome;
  • cognome;
  • numero di telefono;
  • indirizzo fisico della persona;
  • e tantissimi altri dati che il tuo sito raccoglie quando qualcuno effettua un acquisto.

Quello che devi fare è cliccare su ogni campo che ti interessa (alcuni, tipo l’indirizzo email, sono obbligatori) e selezionare la relativa voce da WooCommerce.

Ad es. quando fai click sul campo “indirizzo email” devi selezionare “billing email”, che noterai a colpo d’occhio perché di fianco leggerai l’indirizzo email dell’ultima persona che ha effettuato un acquisto sul tuo sito.

Ecco spiegato perché Zapier ha cercato l’ultimo acquisto sul tuo sito: per creare un sample di dati per semplificarti la compilazione dei campi.

Quando hai finito fai click sul bottone per continuare e Zapier ti chiederà di effettuare un test.

Nonostante si tratti di un test, Zapier inserirà davvero i dati dell’ultima persona che ha comprato sul tuo sito sul CRM: in questo modo potrai collegarti a quest’ultimo e verificare se è filato tutto liscio.

Se qualcosa è andato storto fammelo sapere nei commenti, ma se hai seguito tutto alla lettera sono fiducioso che vedrai comparire i dati del contatto come per magia.

Infine, fai click sul bottone per continuare e Zapier ti dirà che lo zap è pronto e puoi attivarlo.

Fai click per attivare e… missione compiuta!

schermata metal slug mission complete

Da questo momento in poi il tuo e-commerce trasmetterà in automatico i dati di tutte le persone che acquistano sul CRM!

Lo so, è una cosa fighissima ed è la più stupida che puoi fare con Zapier.

Se vuoi approfondire come funziona questo software potentissimo fammelo sapere nei commenti e nelle prossime settimane potrei decidere di scrivere una guida più approfondita.

Conclusioni
Oggi ti ho mostrato un altro plugin essenziale da installare sul tuo e-commerce e continuerò a farlo nelle prossime settimane, perciò iscriviti subito alla rubrica del Fabbro per non perderti neanche un articolo! Fai click qui, compila il form e preparati a ricevere in anteprima ogni mia guida direttamente all’interno del tuo indirizzo email preferito!

Vuoi scoprire altri metodi infallibili per gestire il tuo sito web al meglio senza dover prendere a martellate il tuo computer? Allora ho una buona notizia per te: è uscito da poco il mio primo libro: “Forgia il tuo sito web”!

Al suo interno ti svelerò tutti i trucchi più rapidi e le soluzioni migliori per realizzare e gestire in autonomia il sito web della tua azienda.

Per farti capire quanto è utile ti dico una cosa: puoi fare click qui e acquistarlo senza neanche dover prima afferrare una tazza del tuo caffè preferito!

Continua a seguirmi e vedrai che presto per te sarà facilissimo usare il martello per spaccare il web!

A martedì prossimo,
Il Fabbro

Richiedi la consulenza GRATUITA del Sarto

Fai click qui!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.