Chiudi

i Contenuti che ti fanno Vendere – Educare

Cosa devi pubblicare sui social per attirare clienti? Quali sono i contenuti che funzionano meglio online per la tua azienda?

Parliamone assieme…

 

Ciao imprenditore! Ciao Imprenditrice… io sono Enrico Cecchini, responsabile dei Sarti del Web. Il mio lavoro è portare clienti alle attività tramite la gestione delle loro pagine social aziendali grazie al Metodo Comunicazione su Misura!

 

Se non sei sui Social, se la tua Azienda non ha una forte presenza online… i clienti non ti notano neppure e vanno dalla concorrenza!

 

La soluzione a questo disastro è una e una soltanto: “CONTENUTI”! Devi produrre del materiale da pubblicare in grado di attirare le persone

 

Tutte le aziende di successo, dalle più grandi alle più piccole, usano questo sistema e fidelizzano nuovi clienti ogni dannatissimo giorno!

 

Ma cosa vuol dire esattamente “contenuti”, qual è la logica dietro questo strumento, perché funziona e come puoi usarlo per aumentare il tuo fatturato?

 

Nella puntata di oggi rispondo a tutte le domande in merito alla strategia più potente che ci sia nella Comunicazione Online

 

Vedremo una tabella molto semplice dentro cui puoi inserire tutto quello che fai col tuo lavoro e che ti mostrerà uno schema…

 

Vedremo su quali concetti devi puntare e come li puoi trasformare in calamite in grado di attirare davvero le persone per poi trasformarle in clienti paganti

 

Ti darò tre consigli estremamente importanti per lavorare verso un miglioramento e distinguerti invece di confonderti nella massa

 

Ma soprattutto vedremo l’errore più grande che fanno la maggior parte degli imprenditori e delle imprenditrici là fuori!

 

Uno sbaglio fatale che tramuta tutto questo lavoro in una perdita di tempo, energia e soldi e nel peggiore dei casi regala clienti alla concorrenza

 

Perché come diceva Mark Victor Hansen, e aveva dannatamente ragione, “il novanta per cento del successo di qualsiasi prodotto o servizio sta nel modo in cui ne parli e lo promuovi”

 

Ne ho parlato anche in questo video

 

 

I Social sono l’enorme opportunità per tutte le piccole e medie imprese che vogliono lasciare il segno e raggiungere i propri obiettivi

 

Con la Comunicazione Online anche un’azienda che non dispone di enormi capitali può crearsi un canale per attirare clienti ed aumentare costantemente il proprio fatturato!

 

Vai su www.isartidelweb.it/newsletter e iscriviti! Ti invieremo ogni settimana i consigli più utili su come puoi usare il digitale per arrivare là dove hai sempre desiderato essere

 

Detto questo, procediamo con la puntata di oggi che come spesso succede nasce dalle domande che mi fate ogni giorno

 

“Sarto, che contenuti devo pubblicare per attirare più clienti e di qualità migliore?

Che pagano subito e volentieri?

Che tornano spesso?

Che non fanno storie sul prezzo…”

 

E così via! Gira e rigira il senso della maggior parte delle domande che arrivano al Laboratorio dei Sarti del Web è sempre questo!

 

Adesso prendiamo questo concetto: il “contenuto” o meglio “la strategia dei contenuti”, e lo svisceriamo per bene perché c’è tantissima confusione in merito

 

Questa è il primo di quattro articoli in cui vedremo molto da vicino e in maniera approfondita gli aspetti più importanti ed efficaci di questo strumento fantastico

 

Cominciamo quindi con una verità assodata: tra due aziende che offrono lo stesso Prodotto o Servizio, vince quella che fa più contenuti!

 

Immagina di avere un problema qualsiasi: hai mal di schiena, vuoi mangiare fuori, ti si buca una gomma, devi comprare casa, ti serve un vestito nuovo… quando dico un problema qualsiasi intendo davvero “QUALSIASI”!

 

Ecco, molto probabilmente accenderai il cellulare o il computer e cercherai qualcosa su internet! Le statistiche parlano chiaro, questa è la scelta più frequente per 8 italiani su 10… pensa! Quando ho fondato i Sarti del Web questa statistica era più bassa, al tempo all’incirca 6 italiani su 10 si informavano su internet prima di spendere i loro soldi e in pochi anni siamo già cresciuti così tanto!

 

 

Dicevo: ho un problema, cerco una soluzione online, mi si propongono alcune aziende che offrono un Prodotto o Servizio. Ecco, se ad esempio la tua impresa non si trova in questo processo, sei automaticamente fuori! Capisci?

La presenza online è qualcosa da costruire il prima possibile e spero che su questo non ci sia da discutere! Chiarito questo principio, vediamo cosa succede quando un potenziale Cliente esamina online due imprese diverse: a occhio e croce sia l’azienda A che l’azienda B sono entrambe sconosciute per la persona che cerca di farsi un’idea navigando online… ecco!

 

 

È qui che si inserisce l’argomento di oggi perché devi immaginare tutto il processo dal punto di vista del Potenziale Cliente.

 

Se ha di fronte due scelte cercherà dei punti di riferimento per costruire un giudizio, detta in parole povere ha bisogno di elementi utili per farsi un’idea! È per questo che una regola sempre valida che puoi tranquillamente scrivere sulla roccia recita: “fra due o più aziende che competono per acquisire un Cliente, vince quella con più contenuti!”

 

 

È per questo che le grandi aziende ti spezzano il fatturato a metà, è per questo che in tutto il mondo alcune imprese sfidano la crisi aumentando i loro guadagni

 

Esistere non basta più! Offrire un ottimo prodotto o servizio non basta più! Perché le aziende con un’offerta più scarsa della tua ti superano producendo più contenuti!

 

Occhio! Facciamo un distinguo importante… siamo nel 2022, le regole sono diverse rispetto a, che so, il 2005 o il 2010!

 

Al tempo non c’era nulla, letteralmente! Le prime imprese e i primi professionisti che hanno colonizzato il web si sono garantiti una posizione di dominio

 

Potevi prendere il cellulare e riempire internet di puttanate e la cosa ti avrebbe portato un risultato positivo! Ma oggi l’ambiente si è fatto affollato

 

Un pericolo reale è quello di sprecare tempo, energie, soldi… e non meno pericoloso è il terrificante effetto fuffa!

 

Giusto per farti un esempio riporto il commento di Isabella in cui parla delle mai che le arrivano:

“Detesto quelle che hanno un buon soggetto, ma alla fine non ti dicono nulla, sono solo una serie di parole che non portano da nessuna parte. e mi chiedo: “che me l’hanno mandata a fare?” e mi sento un po’ presa in giro”

 

 

Ha perfettamente ragione Isabella! L’attenzione ed il tempo dei tuoi potenziali clienti non sono gratis! Se lo pensi sei totalmente fuori strada

 

I contenuti devono essere efficaci, vanno prodotti con una logica ben precisa ed è proprio di questo che ti voglio parlare oggi!

 

Ora vediamo assieme la griglia degli argomenti dove potrai inserire la tua azienda e ottenere indietro i contenuti da posizionare online

 

Se quello che stai per fare è un video o un post o qualcos’altro ma comunque è al di fuori di questa griglia, evita!

 

Molto probabilmente è solo una perdita di tempo, se non peggio… può rivelarsi un danno all’immagine e all’idea che le persone hanno della tua impresa

 

Prendi un bel foglio bianco e traccia una riga orizzontale dividendolo a metà.

A sinistra di questa riga abbiamo l’Attenzione, a destra abbiamo l’Azione!

Ora traccia una nuova riga, questa volta verticale, dividendo sempre il foglio a metà, in alto abbiamo l’Emozione, l’irrazionalità, in basso abbiamo la Logica, il pensiero critico, la razionalità… molto bene, abbiamo suddiviso la nostra tabella degli Argomenti in quattro quadranti… a sinistra avremo i contenuti che attirano l’attenzione del pubblico, che provocano in lui un coinvolgimento, a destra avremo i contenuti che lo spingono al movimento, a compiere l’azione che ci interessa.

 

 

In alto avremo contenuti che fanno leva sui sentimenti, sulla parte irrazionale delle persone e in basso quelli che fanno leva sul loro ragionamento tramite dati, fatti e argomenti concreti! Posso già anticiparti che queste 4 sezioni rispondono a problemi innati di tutte le persone presenti sul pianeta terra, è per questo che la griglia degli argomenti ti garantisce una grande efficacia a prescindere da quale sia il tuo settore, a prescindere da quale sia il prodotto o servizio che offri!

 

Nella puntata di oggi ci concentriamo sul quadrante in basso a sinistra, quello che provoca attenzione e fa leva sulla razionalità. Il ruolo di questo settore è Educare… proprio così! Ed ora vediamo assieme come funziona e perché ti conviene assolutamente farlo!

 

 

Per comprendere al meglio l’argomento di oggi devi fare molta attenzione ad un pensiero scomodo che probabilmente ti sta ostacolando…

 

L’obiezione più comune che mi fanno tutti arrivati a questo punto è: Chi sono io per insegnare? Con quale autorità posso dire agli altri cosa fare?”

 

Non mi metto a risponderti in questa puntata altrimenti non finiamo più! Fai un favore a me ma soprattutto fallo a te! Spegni quella vocina

 

Metti da parte le obiezioni e i dubbi! Appoggiali sul comodino nell’altra stanza, tanto non succede niente… a fine puntata ti alzi e vai a riprenderli

 

Ora concentriamoci sul potentissimo motore che rende questo quadrante così efficace!

 

Devi sapere che la parola più cercata in assoluto su internet è “How”! Una parola in inglese che possiamo tradurre più o meno con “come…”  e che sta alla base delle domande più ricercate su tutto il globo! “Come si fa questo…”, “come si fa quello…”, “in che modo si può fare questa cosa…”

 

E qui veniamo al problema che questo quadrante risolve, niente popò di meno che l’ignoranza!

 

Il mondo è ignorante, le persone sono tecnicamente incompetenti nel 99,99% dei campi e in tutta sincerità dobbiamo dirlo… è normale!

 

 

In parte la scuola è un vero disastro, un fallimento dietro l’altro che sta rovinando intere generazioni, in parte le informazioni sono tantissime, troppe perché una sola mente le possa contenere tutte. E non parliamo di conoscenze oscure, tipo la ricetta della nutella che è il segreto più segreto dell’universo, mi riferisco a prodotti e servizi che tutti noi utilizziamo ogni santissimo giorno e diamo per scontati!

 

Ti faccio un esempio semplicissimo: sono sicuro che almeno una volta nella vita avrai utilizzato il tuo cellulare per arrivare da un posto A ad un posto B, giusto? Ecco, quella tecnologia si chiama GPS… ed ora ti faccio un paio di domande:

  • Lo sapevi che il GPS utilizza decine di satelliti sparsi attorno a tutto il pianeta?
  • Sapevi che questo sistema è di esclusiva proprietà degli Stati Uniti d’America?
  • Lo sapevi che in caso di crisi o conflitto il servizio verrebbe sospeso?
  • Lo sapevi che servono almeno 4 satelliti per individuare la nostra posizione esatta?
  • Sapevi che ogni satellite possiede un orologio atomico che viene continuamente aggiornato perché il tempo nello spazio scorre più lento che sulla Terra?

 

Sono sicuro che una o più di una fra queste informazioni non la sapevi, eppure questo non ti ha impedito di usare Google Maps più e più volte.

 

Ecco, questa è la situazione più comune in tutti i settori del mercato, milioni di acquirenti che usufruiscono di cose e situazioni anche se non hanno la minima idea di come funzionano!

 

Come già detto, l’ignoranza è un problema! Lo è per me e lo è per te perché danneggia direttamente il tuo fatturato

 

Un cliente inconsapevole, povero di informazioni, non sa che il tuo prodotto o servizio vale molto e quindi vuol pagarlo di meno

 

Ma là dove c’è ignoranza, c’è spesso un vuoto! E questo vuoto causa un comportamento molto diffuso, un istinto che condividiamo con altre creature sulla terra: la curiosità!

 

La curiosità è un atteggiamento di natura abituale o episodica, caratteristico dell’uomo ma diffuso anche in alcune specie animali, volto a soddisfare il desiderio di scoprire la natura di un oggetto o di un fenomeno di qualsiasi genere esso appartenga. È un aspetto emozionale che, riguardando l’esplorazione, l’investigazione e l’apprendimento, in pratica tutti gli esseri viventi hanno la tendenza a trarre informazioni ed interagire con l’ambiente

 

Quindi il discorso che devi fare è: “Potenziale Cliente, lo vedi questo oggetto? Questo Prodotto o Servizio? La vedi questa cosa che fa parte della tua quotidianità ed ormai dai per scontata? Ecco! Ha una storia, ha delle particolarità… ha dei segreti!” ed è così che accendi la curiosità delle persone, con i dati in tuo possesso! Ed il risultato è attirare la loro attenzione…

 

 

Ma occhio, non ti devi limitare a dare informazioni, così son bravi tutti… ed è esattamente quello che fanno tutti! È questa la natura della confusione che c’è là fuori

 

Per creare un contenuto davvero efficace, alla base devi metterci una strategia, un obiettivo… quello di educare!

 

La Definizione di Educare è:

/e·du·cà·re/

Guidare, condurre a un conveniente livello di maturità sul piano intellettuale e morale in merito ad un argomento

 

Quello che la definizione non dice, la parte più importante per te e per la tua azienda, la aggiungo io: “l’Educazione avvicina il cliente e lo prepara a godere di più di quello che compra, e quindi a spendere di più, più frequentemente e con più gioia!”

 

 

Ti faccio un esempio proprio palese: immagina di essere un assicuratore, devi vendere una polizza e vai dal cliente ma dopo i primi 5 minuti capisci che vuole pagare il meno possibile, ti propone addirittura di tagliare alcune coperture per abbassare i costi.

 

A quel punto capisci che il cliente non conosce il pericolo a cui va in contro! Non sa che alcune cose sono obbligatorie mentre altre sono per il suo bene, che magari rientra in una categoria a rischio e sta correndo il pericolo di lasciare la sua famiglia senza un supporto economico… per dargli tutte quelle informazioni ci vorrebbe tempo e di sicuro non puoi farcela lì!

 

Mentre il potenziale cliente ha gli scudi alzati e farebbe rimbalzare via tutte le tue parole

 

Magari l’esempio dell’assicuratore può sembrare antipatico, vediamone un altro! Magari parliamo di cibo

 

Qualche settimana fa ero su zoom, parlavo con un mio collega che vive a Dubai e mi fa vedere un video di un ristorante sotto casa sua

 

Il titolo era “come si fa il piatto…” e poi in tutta sincerità il nome non me lo ricordo ma non è importante, quello su cui dobbiamo concentrarci è l’effetto

 

Si perché, con la scusa di far vedere come si fa il piatto, quel ristorante ha descritto la preziosità degli ingredienti, ha mostrato la bravura dei suoi cuochi

 

Ha presentato tutti i passaggi del cibo dalla padella al piatto e poi ai box con cui i fattorini li portano con la consegna a domicilio

 

Il mio amico sapeva perfettamente che era una pubblicità ma non c’è stato verso, alla fine del video ha chiamato ed ha ordinato in quel ristorante

 

Ma perché è successo, bada bene, devo ricordarti che non è semplicemente dando l’informazione che attiri il potenziale cliente

 

Ci arriviamo dopo, segui la puntata sino in fondo perché ogni tassello che affrontiamo oggi è importantissimo

 

Andando con ordine, abbiamo detto che l’ignoranza è ovunque, sono sicuro che nel tuo settore i tuoi clienti non sanno fare quello che sai tu!

 

E allora comincia a raccontare quello che fai e tutto quello che ci gira intorno, riceverai un immediato effetto positivo…

 

Emettere sui tuoi canali di comunicazione dei contenuti educativi gratuitamente ti posiziona come esperto o come esperta del tuo settore, e quando hai problema a chi ti rivolgi?

All’esperto, specialista del tuo caso specifico o ad una persona che sembra scappata di casa o magari non sicura di quello che dice?

Ho accennato a questo effetto nella puntata “il Magnete per attirare i Clienti” dove tra l’altro ti parlo di ben 18 modelli di contenuto che puoi utilizzare in qualsiasi tipo di lavoro tu sia e si rivelano quasi tutti sempre molto efficaci.

Se te la sei persa recuperala perché ha veramente tantissimi spunti utili.

 

Tornando a noi, affrontiamo una domanda che arrivati a questo punto mi fanno quasi tutti:

“Ma Sarto, se racconto in giro i miei segreti, poi i clienti si fanno le cose da soli!”

ecco, cerca di difenderti in tutti i modi possibili immaginabili da questo pensiero perché te lo hanno messo in testa delle persone dalla mentalità provinciale, con la visione minuscola di chi non sa uscire dal proprio orticello!

 

Sai chi usava questa strategia? La Mulino Bianco! Te le ricordi le ricette sulle scatole delle pastine? Io me le ricordo molto bene… se compravi i biscotti o le brioche, sull’involucro interno di cartone trovavi la ricetta per fartele da solo! Ti rendi conto?

Una persona normale seguendo il ragionamento di prima penserà “ma come! Così nessuno compra più i suoi prodotti perché se li fanno a casa e quell’azienda fallisce!” e invece guarda un po’, la Mulino Bianco sta benissimo ed è più florida che mai, ben salda nella mente e nel portafoglio di milioni di clienti in tutto il mondo!

 

Questo perché chi si occupa della Comunicazione all’interno della Mulino Bianco sa perfettamente quello che ti sto dicendo anche io: dare informazioni eleva l’immagine dell’Azienda nella testa delle persone, pubblicando la ricetta la Mulino Bianco ha detto “Mamma, guarda quanto sono utile, guarda quanto sono sincera! Mi rivelo a te senza alcun filtro, non ti nascondo nulla…”

 

 

Sarò sincero, ci sarà stato qualcuno che ha preso quelle informazioni, quelle ricette ed ha smesso di comprare il prodotto ma va benissimo così perché la Mulino Bianco sa che quelli non sono suoi Clienti su Misura, meglio perderli che trovarli!

 

I Clienti su Misura di questa azienda sono le persone che non hanno tempo da perdere nel farsi i biscotti ma allo stesso tempo vogliono la sensazione di mangiare qualcosa di buono e genuino, vogliono una garanzia sulla bontà degli ingredienti, vogliono la sensazione di casa e famiglia che la Mulino Bianco ha saputo costruire nel tempo e mantenere ben salda! Altro che il semplice Prodotto… qua c’è un bel po’ da imparare

 

Giusto per fare un altro esempio, poi passiamo ai tre consigli della puntata di oggi, voglio parlare di birra! Ci sono due marchi famosi che usano la stessa strategia: aprono l’azienda ai curiosi per dargli informazioni…

 

Ho un amico che è stato alla Guinness di Dublino e devo dire che ha molto apprezzato il tour all’interno della fabbrica.

Stessa cosa per la Heineken ad Amsterdam dove è stato un altro mio amico che mi ha confessato di aver trovato molto piccolo l’ambiente, se lo aspettava più grande, ma questo non gli ha impedito di godere tantissimo dell’esperienza e di portarsi a casa un bel ricordo! Come vedi sono due aziende che soddisfano la medesima curiosità, la domanda “come fa la birra quel marchio famoso?”, e dimenticavo di dirti che queste persone hanno pagato per il tour! Non l’hanno fatto mica gratis!

 

 

Ora veniamo ai tre consigli importantissimi che dovrai tenere sempre e ripeto SEMPRE davanti agli occhi non solo per questo quadrante… per tutti e quattro!

 

Consiglio numero 1 – senza unicità, il tuo Contenuto è spazzatura

 

L’errore più comune è limitarsi a dare informazioni e basta e questo una volta funzionava… oggi non solo non è efficace, è diventato dannoso!

 

Non è efficace perché lo stanno già facendo tantissime persone quindi la tua iniziativa, il tuo contenuto, va ad aggiungersi al mucchio

 

Questo non significa distinguersi, elevarsi sulla concorrenza… significa aggiungersi al brusio, diventare una zanzara fra milioni di zanzare

 

E perché devo pagare una zanzara?

 

È dannoso perché sai cosa succede? Il Potenziale Cliente legge o visiona il tuo contenuto, pensa “ha ragione! Ho bisogno di questa cosa!” e poi la va a comprare da qualcun altro

 

Questo perché nella sua mente c’è qualcuno che occupa una posizione di privilegio rispetto a te, quindi intercetta i soldi del cliente!

 

L’unica arma a tua disposizione per evitare questo disastro è riempire i tuoi contenuti con riferimenti alla tua Unicità

 

Devi elevare la tua posizione nella mente delle persone e allo stesso tempo devi squalificare, devi scalzare tutte le soluzioni già presenti

 

Ti ho parlato di come trovare questo ingrediente segreto e potentissimo nelle tre puntate “L’Azienda Unica vende di più!”, le trovi su questo canale e ti assicuro che senza averle viste ed applicate farai veramente poca strada là fuori…

 

Sia chiaro, sono perfettamente consapevole che non sto parlando di cose semplici da elaborare e se vuoi un consiglio più approfondito su come utilizzare la Comunicazione Online per aumentare il fatturato della tua Azienda, ti basta andare su www.isartidelweb.it/tutor e richiedere una consulenza! È gratuita e soprattutto ritagliata su misura per la tua situazione attuale

 

Quindi, ricapitolando, senza l’Unicità non sei nessuno e fai il lavoro per la concorrenza! Lavori, fai fatica e butti via i tuoi soldi…

 

Consiglio numero 2 – pensa attentamente a chi ti stai rivolgendo

 

A chi si rivolge il tuo post? Da chi verrà letto il tuo articolo? Chi guarderà il tuo video? O meglio… chi vuoi che lo guardi?

 

Il tono di voce, i termini, gli argomenti trattati devono assolutamente cambiare a seconda della persona che ti trovi di fronte.

Come ti ho già detto, là fuori troviamo tantissima confusione quindi una comunicazione generica si infrange malamente sul muro dell’indifferenza delle persone! La tua roba viene ignorata o magari letta e poi dimenticata… ma se invece riprendi il discorso mentale che il potenziale Cliente ha già nel cervello, se lo accompagni per mano a muoversi dal punto in cui è ora a quello in cui vuole arrivare, ecco che scatta la magia!

Quella persona sentirà che il contenuto è stato fatto proprio per lei, che hai pensato esattamente alla sua situazione, e quindi non può che avvicinarsi a te…

 

Come si fa a raggiungere questo meraviglioso risultato?

Parla con i tuoi clienti, scava a fondo nelle motivazioni che li hanno portati a comprare, non fermarti al singolo evento, devi determinare il percorso, la strada, per poi percorrerla all’indietro e trovare tutti i nodi importanti, quei momenti di decisione cruciali in cui un tuo intervento può fare la differenza.

In che modo? Rendendoti utile e allo stesso tempo vendendo il tuo Prodotto o Servizio! Un esempio molto efficace per, che ne so, le scuole di lingua, è creare un contenuto che dice: “Vuoi andare a lavorare all’estero? Magari a San Francisco?” e nello svolgimento dell’articolo o del video suddividi il discorso in tre punti.

  • Ti serve un volo, ecco le linee aeree più efficienti ed ecco quanto costano i voli
  • Ti serve un posto in cui stare, ecco il modo per trovare un appartamento in affitto senza farti fregare!
  • Ti serve parlare la lingua… almeno un livello B1 di inglese per sopravvivere, il B2 per vivere dignitosamente. Molto bene, questo posso insegnartelo io. Contattami!

 

Vedi? Non ho spiegato la questione dal mio punto di vista, e non ho neanche detto “vuoi imparare l’inglese? Io sono il migliore per insegnartelo!”… ho cercato l’esigenza del potenziale cliente e gli ho dato gli elementi per risolvere il suo problema includendo il mio Servizio come soluzione.

 

Comunque, fatti una lista dei dubbi più frequenti, dei problemi dei Clienti e delle situazioni che li creano, e magari cerca su questo canale la puntata “Le parole migliori per vendere online!”.

È tutta incentrata sui livelli di consapevolezza delle persone e su quali sono le strategie migliori per portarli avanti verso l’acquisto del tuo prodotto o servizio.

 

Arrivati a questo punto abbiamo capito che il primo quadrante riguarda l’Educare il Cliente, i problemi che risolve sono l’ignoranza e la curiosità, e i contenuti più utili che troviamo qui sono gli e-book, i tutorial, i dietro le quinte che spiegano come viene creato un qualcosa prima che venga esposto al pubblico, in alcuni casi anche il condividere le conoscenze industriali.

Ti metto questa cosa qui per amor di completezza ma è da valutare a seconda dei casi.

 

Le tattiche più utili sono due: o dici alle persone

“Come si fa questa cosa? Ecco qui!”

oppure usi la formula

“Tutti pensano/tutti ti dicono che questa cosa si fa così, ma in realtà”

e butti all’aria il tavolo mandando a farsi benedire ogni canone socialmente riconosciuto.

Tolti tutti i fronzoli e le belle parole, ridotta all’osso, la questione è sempre questa qui e non cambia molto

 

Siamo arrivati all’ultimo punto di oggi a cui tengo particolarmente

 

Consiglio numero 3 – accendi l’Empatia

 

Un dilemma diffusissimo anche a scuola, nell’insegnamento, è il non sapersi mettere nei panni degli altri

 

Conoscevo questa donna, era una commerciale molto brava ma per quanto ci provasse non riusciva mai a crearsi una squadra

 

Questo mi creava dei problemi a livello di fatturato, quindi sono andato da lei per capire e in meno di una giornata mi è stato tutto molto chiaro

 

Quando una persona usciva con lei per imparare a vendere, il suo vocabolario ed il suo atteggiamento era tutto un “Vedi? È facilissimo! Guarda

Che ci vuole?”

 

Il problema è che tutto è facile da fare quando sai come farlo.

Questo è il dilemma che ogni persona deve affrontare quando vuole insegnare in maniera efficace qualcosa. Scrivere un manuale di istruzioni, fare un rilievo, creare una mappa, scrivere un articolo sono tutti compiti difficili a causa della traduzione richiesta: la persona che fa il lavoro sa già cosa sta cercando di insegnare. Ma la persona che interagisce con il tuo contenuto no.

 

Questo è il punto in cui molte persone sbagliano, indipendentemente da quanto possano essere ben intenzionate. La persona che stai cercando di raggiungere non sa quello che sai, per ora. Potrebbe non imparare nel modo in cui impari tu, e mille altri ostacoli inimmaginabili.

 

Comunicare ciò che sai è difficile e per superare i tuoi ostacoli ti servirà la consapevolezza, il desiderio di aiutare gli altri!

 

Ma stiamo anticipando il discorso dei prossimi quadranti, quindi torniamo sull’Educare

 

Alle persone non interessa quello che dici o quello che fai con la tua Azienda sin quando non capiscono quanto potrebbe essergli utile

 

 

Il che il più delle volte crea un cortocircuito in cui tutti perdono! Tu che non ottieni il cliente e il potenziale cliente che non ottiene la tua soluzione

 

Fare contenuti testuali costa fatica, farne di visuali come i miei video richiede uno sforzo immane! E in più va direzionato correttamente

 

Devi metterti sullo stesso piano delle persone che vuoi aiutare, fianco a fianco con loro

 

Una cosa che dico spesso ai Sarti del Web è: “Per Comunicare correttamente devi farti carico dei problemi di chi ti legge, di chi ti ascolta, di tutti coloro che ti offrono la loro attenzione! Solo così potrai raggiungerli in maniera efficace”

 

 

Molto bene! Abbiamo terminato l’analisi di questo primo quadrante e se hai la sensazione che manchi qualcosa… hai ragione!

 

Per poter utilizzare al massimo la magia dei Contenuti ti servono le indicazioni di cui parlerò nei prossimi quadranti, quindi ti aspetto nel prossimo Articolo!

 

Detto questo, detto tutto per oggi! Io sono Enrico Cecchini ed ho fondato i Sarti del Web! Un’azienda che si occupa di portare clienti alle attività tramite la comunicazione su misura online.

 

Pubblicherò un contenuto ogni settimana, ogni domenica, su come il digitale fa prosperare le aziende in tutto il mondo!

 

Se vuoi saperne di più o hai bisogno del nostro aiuto ci trovi su www.isartidelweb.it ma anche sulla piattaforma Social che usi più spesso e sui principali canali di podcast…

 

A presto! E non dimenticare mai… VESTITI BENE E PRENDI IL WEB A MAZZATE!

Il Sarto

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.I campi richiesti sono marcati *

© 2022 I Sarti del Web | Tema WordPress: Annina Free di CrestaProject.