Chiudi

Questo, codesto e quello

Sai scegliere bene?

“Voglio questo libro, quel giornale e codesta penna!”

Sai spiegare le differenze tra questi tre aggettivi (che possono essere anche pronomi)…
ma soprattutto, sei sicuro di saperli usare nel modo corretto?

 

La settimana scorsa sono stata a Lucca Comics&Games, in Toscana: oltre a dei meravigliosi crostini ai fegatini, ho fatto la scorta di “codesto”.

 

Per me, che sono originaria del Piemonte e vivo in Emilia-Romagna, codesto quasi non esiste: non lo uso e non lo sento/vedo usare praticamente mai.

 

Eppure…

in questi giorni ho sentito codesti” spuntare come funghi!

 

Significa che i toscani sbagliano?

 

Tecnicamente, no…

ma non sbagliamo nemmeno noi che non lo usiamo.

 

E ti dirò di più: esiste un contesto particolare, sovraregionale, dove codesto si incontra spessissimo!

 

Ma prima di arrivare qui, dobbiamo partire dall’inizio: cosa rappresenta il trittico questo-codesto-quello?

 

E come si usa correttamente?

 

Perché, non dimentichiamolo: il nostro obiettivo è quello di rendere i testi della comunicazione online della tua azienda privi di errori e ben scritti, in modo che possano essere il più efficaci possibile nel raggiungere e conquistare i tuoi clienti!

(Per non perderti neanche un articolo, CLICCA QUI e iscriviti alla newsletter!)

 

Perciò… andiamo a scoprire a cosa servono e come si usano questo, codesto e quello!

 

 

QUESTO E QUELLO

Partiamo dalla parte più semplice, o meglio, da quella più conosciuta… almeno in teoria.

 

Si tratta, come abbiamo già accennato, di aggettivi e pronomi dimostrativi, a seconda di come vengono usati; il loro significato però rimane costante e non cambia.

 

La Treccani li descrive così:

 

quésto agg. e pron. dimostr. [lat. eccu(m) ĭste, accus. eccu(m) ĭstum]. – Indica cosa o persona vicina nello spazio o nel tempo a chi parla, o considerata comunque come tale nel discorso (contrapp. a quello); più generalmente allude a cosa o persona presente, attuale nel momento in cui si fa o avviene ciò di cui si parla nella proposizione. Come agg., precede sempre il nome e ha flessione regolare; come pron., al masch. sing. possiede, oltre la forma regolare questo, anche la forma, propria dell’uso letter. e di uno stile controllato, questi (v.). […]

 

quéllo agg. e pron. dimostr. [lat. eccu(m) ĭlle, accus. eccu(m) ĭllum]. – Indica in genere cosa o persona lontana nello spazio o nel tempo da chi parla e da chi ascolta, o che nel discorso è considerata come tale; si contrappone a questo […]. Come agg. precede sempre il nome e possiede al masch. due forme per il sing., quello e quel, e due per il plur., quegli (ant. quelli) e quei, per l’uso delle quali valgono le stesse norme che regolano l’uso delle forme maschili dell’art. determinato, adoperandosi quel come il, quello come lo, quei come i, quegli come gli: quel treno, quello spaccone e quello zingaro (ma quell’uomo), quei bicchieri, quegli uscieri; […]. È regolare l’uso del femm. quella, plur. quelle (quella famiglia, quell’opera, quelle strade, quelle entrate, preferito, oggi, a quell’entrate). Come pron. conserva quasi sempre la flessione regolare; solo al masch. sing. possono trovarsi, accanto alla forma d’uso com. quello, le forme letter. quegli e quei (per le quali v. le voci), e quello può inoltre subire troncamento quando è seguito dal pron. relativo che, spec. se ha valore neutro (per es.: faccio quel che mi pare).

 

In pratica, la grande differenza di uso è:

 

  • Questo: indica qualcosa vicino a chi parla nel momento in cui parla

 

  • Quello: indica qualcosa lontano da chi parla (e spesso, anche da chi ascolta)

 

Esempi: Questo tavolo è troppo basso, quello là troppo grande.
Guarda quella ragazza laggiù: è mia cugina.
Vuoi questo giornale? Finisco di leggere e te lo passo.

 

Un altro aspetto interessante da notare è la flessione di questi due aggettivi.

 

Questo è regolare, e presenta in aggiunta la forma questi, che si usa in contesti particolarmente formali ed elevati.

 

Quello, invece, può mutare forma a seconda della parola che segue, esattamente come succede per l’articolo determinativo maschile il/lo, i/gli.

Quel segue le regole di il, quello di lo, quei di i e quegli di gli.

(Se vuoi approfondire l’uso degli articoli determinativi, ti consiglio di rileggere QUESTO ARTICOLO.)

 

Infine, sappiamo che questo sistema bipartito questo/quello si replica allo stesso modo in altre lingue, come in inglese, francese e tedesco.

 

Ma da dove arriva e come si inserisce codesto?

 

 

CODESTO

Eccoci giunti al famigerato codesto: vediamo di fare un po’ di chiarezza a riguardo.

La Treccani lo presenta così:

 

codésto (o cotésto) agg. e pron. dimostr. [lat. eccu(m) tibi iste]. – Indica persona o cosa vicina a chi ascolta, o a lui relativa, o nominata subito prima. Come agg.: mi fai vedere c. foglio?; ti pentirai di c. parole; in lettere di carattere ufficiale, può indicare l’ufficio stesso, l’ente, la società a cui si rivolge il discorso: il sottoscritto fa domanda a c. Ministero; la fattura da noi rimessa a c. spett. Ditta. Come pron., solo con valore neutro: c. che tu dici non è vero; o sottintendendo un sost.: bella codesta! ◆ Fuori di Toscana è di uso raro o letter. (tranne che nella corrispondenza ufficiale e nell’uso burocr.), ed è per lo più sostituito da questo o da quello anche nell’uso scritto.

 

In sostanza, serve per indicare qualcosa di lontano da chi parla ma vicino a chi ascolta; ma al di fuori della Toscana, questo significato viene assunto da quello.

 

Se andiamo a risalire alle origini di questa parola, la troviamo saldamente affermata nel fiorentino, insieme alla variante cotesto.

Manzoni stesso ne fece largo uso, e nei programmi scolastici volti a insegnare un italiano nazionale al posto dei vari dialetti codesto era presente, in quanto mutuato direttamente dal fiorentino, sul quale la nostra lingua venne modellata.

 

Ciò significa che codesto persistette a lungo nelle grammatiche, per poi andare via via perdendosi dal Novecento in poi.

 

Oggi, per la maggior parte dei parlanti italiani il suo significato non è ben definito, il che significa che viene usato sempre meno. 

Sopravvive tuttavia in alcuni contesti particolari:

 

  • quello burocratico
  • quello letterario e formale
  • nell’uso comune in Toscana

 

È da notare che i toscani non lo percepiscono come arcaico o letterario, bensì come comune e colloquiale, tendendo a usarlo in maniera disgiunta dal suo significato originale di lontano da chi parla, vicino a chi ascolta.

In sostanza, viene usato più come forma rafforzativa (sia di questo che di quello) che non come aggettivo/pronome a sé stante.

 

Quindi, se sei toscano fa parte del tuo lessico quotidiano, altrimenti ti sembrerà una parola desueta e inutilmente vaga. 

 

 

QUINDI…

Possiamo dire che in italiano standard si è affermato un sistema bipartito:

 

  • Questo: per indicare qualcosa di vicino a chi parla
  • Quello: per indicare qualcosa di lontano da chi parla

 

Al quale si aggiunge, ma soltanto in ambito burocratico o letterario

  • Codesto: per indicare qualcosa di lontano da chi parla ma vicino a chi ascolta

 

Infine, compare nel lessico colloquiale e quotidiano dei parlanti toscani.

 

Perciò, ora ti chiederai: tu devi usarlo nella tua comunicazione online?

 

Ovviamente…

dipende.

 

Se i tuoi clienti lo usano, magari perché sono toscani e vuoi veicolare un messaggio colloquiale, allora sì.

Ma se per i tuoi clienti è una parola astrusa… evitalo!

 

Vuoi potenziare ancora di più i testi della tua comunicazione, entrando a fondo e scavando nel dialogo mentale del tuo Cliente Su Misura, l’unico che non vede l’ora di comprare da te e riconosce il valore del tuo lavoro?

Ti serve la tecnica della Scrittura Persuasiva!

Il Modellista Umberto Masiello ha appena il suo primo libro:

 

TRASFORMA LE TUE PAROLE IN SOLDI

La Scrittura Persuasiva che alza il tuo fatturato

 

Sei pronto a imparare le tecniche per scrivere dei testi che si infilino nella mente dei tuoi Clienti Su Misura… portando alla tua azienda il fatturato che hai sempre sognato?

 

Clicca qui per acquistare subito la tua copia!

 

E per scoprire altri errori da NON fare…

… ci vediamo lunedì prossimo!

La Penna Rossa

 

BIBLIOGRAFIA

BARATTER P., Il punto e virgola. Storia e usi di un segno, Carocci, Roma 2018.

BECCARIA G.L., Dizionario di linguistica e di filologia, metrica, retorica, Einaudi, Torino 2004.

BERRUTO G., Corso elementare di linguistica generale, UTET, Torino 2012.

CARRADA L., Paroline & Paroloni; Zanichelli, Bologna 2018.

CANNAVACCIUOLO A., Manuale di copywriting e scrittura per il web, Hoepli, Milano 2019.

CERRUTI M., CINI M., Introduzione elementare alla scrittura accademica, Laterza, Roma-Bari 2010.

D’ACHILLE P., L’italiano contemporaneo, Il Mulino, Bologna 2006.

DEL BONO G., La bibliografia, Carocci, Roma 2000.

DELLA VALLE V., PATOTA G., Piuttosto che: cose da non dire, cose da non fare, Sperling&Kupfer, Milano 2013.

FANCIULLO F., Introduzione alla linguistica storica, Il Mulino, Bologna 2007.

EDIGEO (a cura di), Manuale di redazione, Editrice Bibliografica, Milano 2013.

GHENO, V., Guida pratica all’italiano scritto (senza diventare grammarnazi), Franco Cesati Editore, Firenze 2016.

GIUNTA, C., Come non scrivere, Utet, Milano 2018.

MARTINUCCI A., Guida alla bibliografia internazionale, Editrice Bibliografica, Milano 1994.

MIDDENDORP J., TWOPOINTS.NET, Type Navigator. The Independent Foundries Handbook, Gestalten, Berlin 2011.

MORTARA GARAVELLI B., Prontuario di punteggiatura, Laterza, Bari-Roma 2020.

PENSATO R., Manuale di bibliografia, Editrice Bibliografica, Milano 2007.

SCALA F., Piccolo manuale del correttore di bozze, Modern Publishing House, Milano 2011.

SCALA F., SCHIANNINI D. (a cura di), Piccolo manuale di editing, Modern Publishing House, Milano 2009.

SCHWEICKARD W., Le modalità di integrazione dei nomi propri stranieri in italiano, in: Nouvelle revue d’onomastique, n°19-20, 1992. pp. 127-134.

SERIANNI L., Italiano, Garzanti, Torino 2000.

 

SITOGRAFIA

Accademia della Crusca – accademiadellacrusca.it

Campagna a sostegno dell’uso corretto di Piuttosto che – piuttostoche.com

Treccani online – treccani.it

Zanichelli online – dizionaripiu.zanichelli.it

Setti R., Codesto (cotesto) nel sistema degli aggettivi e pronomi dimostrativi, Redazione Consulenza Linguistica Accademia della Crusca, 20 ottobre 2009

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.I campi richiesti sono marcati *

© 2022 I Sarti del Web | Tema WordPress: Annina Free di CrestaProject.