Utili accorgimenti SEO parte 2

laptop con schermata google aperta

Durante la parte 1 di questo articolo ti ho spiegato come riuscire a identificare molto rapidamente le keyword più adatte a tutte le pagine e gli articoli del tuo sito web. Se te lo sei perso, vallo a recuperare subito perché altrimenti non riuscirai a capire di cosa parliamo oggi.

Perché quello di oggi è un articolo che non puoi guardare con leggerezza. Leggilo e studialo con attenzione e il tuo Sito web farà impallidire la concorrenza!

In questo articolo ti svelerò altri utilissimi accorgimenti SEO che puoi mettere in pratica da subito per migliorare il posizionamento del tuo sito sui motori di ricerca.

Inserisci le keyword sul tuo sito

Una cosa che non ti ho detto la settimana scorsa è come inserire le keyword all’interno delle tue pagine nella pratica. Non l’ho fatto di proposito perché ti saresti fiondato immediatamente sul tuo sito e l’avresti fatto senza leggere il resto dell’articolo e senza prenderti il giusto tempo per metabolizzare tutte le informazioni utili che ti ho fornito.

Non dire che non l’avresti fatto perché non ti credo!

So che non vedi l’ora di mettere tutto in pratica, ma assicurati di assimilare prima bene le nozioni che ti sto dando per metterle insieme nella tua testa e ottenere una visione olistica di ciò che piace ai motori di ricerca e cosa no.

Sembra facile, ma il tuo sito prima devi PENSARLO, poi costruirlo!

Ready? Go!

Hai due modi per inserire le keyword sul tuo sito WordPress:

    1. Modifichi il codice sorgente del tuo sito. È una cosa piuttosto avanzata e per questo non te la mostrerò in questo articolo. Non è necessario che impari a farlo oggi, ma è giusto che tu sappia che esiste questa possibilità. Se hai una risorsa interna con competenze informatiche scegli tu le keyword e chiedigli di inserirle sul sito per te, altrimenti usa il secondo metodo. Ti sconsiglio assolutamente di rivolgerti a uno specialista SEO soltanto per l’inserimento delle keywords, piuttosto (se proprio vuoi affidarti a un professionista) elabora insieme a loro una strategia SEO completa per il raggiungimento di obiettivi su medio e lungo termine e stai attento ai truffatori. Per tua fortuna, puoi leggere questo articolo in cui ti insegno come riconoscere i truffatori che operano in questo settore.
    2. Inserisci le keyword con il plugin Yoast SEO. Yoast SEO è ad oggi il miglior plugin per gestire le impostazioni SEO del tuo sito web. Viene aggiornato di continuo e non è una cosa da poco, visto che Google cambia spesso le carte in tavola e aggiorna di frequente l’algoritmo del motore di ricerca. Puoi scaricarlo gratuitamente e seguire passo passo la configurazione guidata, ti assicuro che è semplicissimo. La versione gratuita ha alcune limitazioni, come ad esempio la possibilità di scegliere una sola keyword o una sola frase keyword per pagina/articolo, ma per iniziare è perfetto, credimi! Il motivo è molto semplice: ti costringe a identificare la miglior parola chiave o frase chiave per il tuo contenuto.
      Molto spesso, infatti, i principianti tendono ad abusare della possibilità di utilizzare più parole chiave e ne inseriscono addirittura 7 o 8 per singola pagina. Questa è una pratica dannosissima e controproducente. I motori di ricerca penalizzano in tutti i modi possibili questo utilizzo sfrenato di keyword. Commetti questo errore e ti assicuro che il tuo sito scomparirà per sempre da tutte le pagine dei principali motori di ricerca.
      Ti stai chiedendo il perché? Perché Google vuole che ogni pagina web tratti un solo argomento alla volta e che lo faccia in modo approfondito. Se scrivo un articolo che parla di SEO non posso buttarci dentro robe di calcio o di politica, perché in questo modo non risponderei a una domanda specifica. Quindi inizia a usare la versione gratuita del plugin, spremila fino all’ultima goccia e, soltanto dopo che l’avrai fatto, prendi la versione a pagamento.

Con Yoast SEO puoi fare molto di più che aggiungere keyword alle tue pagine, come vedremo nel resto dell’articolo.

Passiamo al prossimo accorgimento utile!

Collega i canali social al tuo sito

Hai realizzato un bel sito web ma la tua attività non è sui social? Andiamo male male. Hai aperto sui social il profilo della tua attività ma non pubblichi contenuti spesso? Andiamo male comunque.

Essere presenti sui canali social ma non pubblicare contenuti o comunicare nel modo sbagliato con il tuo pubblico può essere dannosissimo, sia per l’immagine digitale della tua attività che per il posizionamento sui motori di ricerca. Se hai un blog a pubblicazione mensile o settimanale puoi condividere gli articoli sui canali social e ampliare la dimensione del tuo pubblico. Inoltre, se produci contenuti interessanti e riesci a tenere costantemente incollati i tuoi lettori allo schermo, il posizionamento del tuo sito sui motori di ricerca ne trarrà enorme beneficio.

A proposito, se vuoi comunicare in modo efficace con i tuoi clienti sui principali social network ma non sai da dove iniziare ti consiglio di dare subito un’occhiata al blog del Sarto. È pieno zeppo di contenuti utilissimi e ti assicuro che imparerai qualcosa da ogni singolo articolo.

E poi?

Qual è il prossimo passo?

…semplice, devi far sapere ai motori di ricerca quali sono i social network associati al tuo sito web.

Come nel caso delle keyword, anche qui hai due possibilità: codice sorgente o plugin. Con Yoast SEO collegare i tuoi social al sito è semplicissimo e ti consiglio di farlo ad occhi chiusi (nel senso che gli occhi li chiudo io, tu tienili aperti).

Se hai già installato il plugin sul tuo sito, collegati al pannello di amministrazione di WordPress e fai click sula voce “SEO” (la trovi sulla barra laterale sinistra) -> Social. Ti si aprirà una schermata in cui non dovrai fare nient’altro che copiare i link dei tuoi profili social sui campi bianchi. Se addirittura hai una pagina su Wikipedia inserisci anche quella.

schermata di Yoast SEO in cui inserire i link dei social network
Ti basta incollare i link negli spazi vuoti

Sei riuscito a collegare correttamente i link dei tuoi social a Yoast SEO? Complimenti. Adesso i motori di ricerca sanno che il tuo sito è collegato ad essi e sfrutterai il potere della SEO di Facebook, YouTube e LinkedIn per riempire la schermata di Google con i tuoi contenuti quando qualcuno ti cerca.

schermata google con risultati della ricerca i sarti del web
Quando cerchi su Google “I Sarti del web” riempiamo letteralmente la schermata

Prossimo accorgimento!

Aggiungi sempre la Meta Descrizione alle tue pagine

Comincio con lo spiegarti subito cos’è la Meta Descrizione e perché è così importante. La cosa divertente è che l’hai già visto migliaia di volte. Credimi, non sto esagerando affatto!

Vediamo se con questa immagine riesco a farti capire cosa intendo:

schermata di Google che ti compare se cerchi Facebook
La Meta Descrizione è il testo che compare sotto ai titoli di pagina su Google

Bam!

La Meta Descrizione è, per l’appunto, la descrizione testuale delle pagine che trovi sui motori di ricerca. In questo caso, per l’homepage di Facebook, la Meta Descrizione impostata è: “Crea un account o accedi a Facebook. Connettiti con amici, familiari e altre persone che conosci. Condividi foto e video, invia messaggi e ricevi…”

Come puoi vedere, la scritta “Facebook” all’interno della Meta Descrizione è in grassetto e, credimi, non a caso. È in grassetto perché corrisponde precisamente al termine che ho scritto nella barra di ricerca. Questo significa che per Google e compagnia le Meta Descrizioni sono fondamentali ai fini delle ricerche.

Se applichi alla lettera tutti gli accorgimenti SEO che ti ho illustrato senza dare massima importanza a questo, allora sappi che è stato tutto inutile. Ogni singola pagina del tuo sito che viene scansionata dai motori di ricerca deve contenere la Meta Descrizione.

Come inserisci le Meta Descrizioni sulle pagine e gli articoli del tuo sito? Indovinato. Hai sempre le stesse due opzioni. Con Yoast SEO inserire le Meta Descrizioni è davvero un gioco da ragazzi e ora te lo dimostro.

Apri qualsiasi pagina/articolo del tuo sito dal pannello di amministrazione di WordPress facendo click sulla scritta “Modifica” per entrare nell’editor. Scrolla in fondo con la rotella del mouse finché non trovi un box chiamato “Yoast SEO”.

Qui dentro, come puoi vedere anche nell’immagine che segue, Yoast SEO ti fornisce un’anteprima di come sarà visualizzata la tua pagina su Google:

schermata di WordPress che mostra il box Yoast SEO

Come vedi, il plugin mi suggerisce di impostare una descrizione Meta e mi avvisa che, se non lo faccio, Google cercherà di indovinare dal mio articolo cosa è rilevante per mostrarlo nei risultati di ricerca. Questa è una cosa che devi assolutamente evitare che accada! Devi decidere tu cosa è rilevante, d’altronde sei tu che scrivi i contenuti sul tuo sito, no? Chi meglio di te è in grado di decidere quali sono le informazioni rilevanti della tua pagina?

Per finire, dovresti sempre cercare di inserire la parola chiave più importante della pagina all’interno della Meta Descrizione per essere certo di far capire a Google che si parla di quell’argomento.

Ora è il momento dell’ultimo accorgimento (ma non certo l’ultimo in ordine di importanza), sei pronto? Go!

Apri un blog sul tuo sito e pubblica spesso

È il momento dell’accorgimento più utile di questo lungo articolo, quello che preferisco su tutti e che, ti assicuro, piace da impazzire anche ai motori di ricerca: il blog!

Se non hai ancora aperto un blog devi rimediare subito. Non ci sono scuse che tengano per non averne uno. Non importa il settore in cui opera la tua attività, non importa se altrove in rete esistono già le informazioni che hai in mente di scrivere.

Il blog è uno strumento SEO potentissimo e se il tuo concorrente ne possiede uno e tu no so già chi riceverà più visite sul proprio sito web.

Spoiler Alert: di certo non tu.

Lo so che aprire un blog e prendersi l’impegno di pubblicare un contenuto alla settimana è un’idea che spaventa. Io stesso ho avuto paura di prendermi questo impegno settimanale per tanto tempo ma poi il Sarto ha fatto crollare tutte le mie resistenze come dei birilli e per questo non lo ringrazierò mai abbastanza.

Sei bravo a fare il tuo lavoro? Allora smettila di nasconderti! Ci sono tante persone lì fuori che hanno bisogno di te e di sapere quello che puoi fare per aiutarli a risolvere i loro problemi.

Se sei ancora titubante ti invito a leggere subito questo articolo che ho scritto un po’ di tempo fa.

E poi non dire che non TVB!

Conclusioni

Se hai letto entrambe le parti di questo articolo per filo e per segno: complimenti! Adesso ti basta mettere in pratica quanto imparato per fornire al tuo sito delle solide basi SEO.

E mi raccomando: iscriviti subito alla Rubrica del Fabbro e vedrai che presto per te diventerà facilissimo… usare il martello per spaccare il web!

Il Fabbro

Richiedi la consulenza GRATUITA del Sarto

Fai click qui!

4 pensieri su “Utili accorgimenti SEO parte 2

  1. Vera dice:

    Ciao Manuel!
    Sto recuperando l’unico articolo di cui non ho completato i tuoi suggerimenti. Ho installato questo mitico plugin già da qualche tempo ma oggi l’ho visionato più approfonditamente, completando proprio la lettura dell’articolo. E’ geniale! Grazie, e presto, sorpresa! il mio blog sarà attivo 🙂
    Altro che Game of thrones, io aspetto la rubrica del fabbro!

    • Il Fabbro dice:

      Ciao Vera,
      Leggere i tuoi commenti per me è rigenerante come bere una tazza del mio caffè preferito 🙂
      Sono contento tu abbia trovato utile questa guida e ti faccio i miei complimenti per l’inaugurazione del blog, continua così!
      “Vera’s Blog is coming” ⚔️

    • Il Fabbro dice:

      Ciao Veronica, sono contento tu abbia trovato interessante l’articolo!
      Continua a seguire la rubrica perché nelle prossime settimane tornerò a parlare di SEO 🙂

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *