Infusionsoft Combo

super man con logo infusionsoft

Come sbloccare tutti i superpoteri di Infusionsoft e decollare verso il successo

La scorsa settimana ho introdotto all’interno di questa rubrica Infusionsoft, il software numero 1 per automatizzare le procedure aziendali.

Nel caso te lo fossi perso, corri subito a recuperarlo qui!

Ti avevo detto di non comprare ancora il software perché volevo assicurarmi prima tu avessi tutto l’occorrente per sfruttare la sua potenza.

Cerchiamo insieme di capire se Infusionsoft fa al caso tuo oppure no.

A chi è adatto Infusionsoft

Sicuramente a tutti gli imprenditori e le imprenditrici che vogliono gestire i processi di automatizzazione della propria attività in totale autonomia.

Bloccati lì, prima di proseguire ho bisogno di chiarire questo punto.

In giro ci sono professionisti davvero in gamba. Se puoi permetterti un investimento importante, fatti aiutare a configurare Infusionsoft e le automazioni di cui hai bisogno.

Se invece sei all’inizio o stai investendo denaro in qualcos’altro, non pensare affatto di poter andare al risparmio!
Non rivolgerti ad una web agency mediocre, piuttosto impara a farti le automazioni da solo/a.

Infusionsoft è adatto anche agli imprenditori e alle imprenditrici che stanno formando una risorsa interna per gestire la comunicazione online e le procedure aziendali.

Se sei uno di questi imprenditori, fai iscrivere la tua risorsa interna alla newsletter del Fabbro!

Clicca qui per non perderti i prossimi articoli!

I miei suggerimenti gli/le saranno utili per ogni mansione online che andrà a svolgere.

Mi sento di consigliare fortemente questo software anche a chi sta dando vita ad una startup e vuole partire col piede giusto per attirare finanziatori. Mentre…

Lascia perdere Infusionsoft se…

… pensi possa trasformare la tua attività da fallimentare a redditizia!

Infusionsoft non può migliorare una cattiva idea imprenditoriale. Invece, se hai un’attività solida con un modello di business performante, il software può accelerare e snellire i tuoi processi di vendita.

Recap: per sfruttare al massimo il potenziale di Infusionsoft devi avere un modello di business performante e comprendere appieno i punti di forza del software.

Inoltre, lascia perdere Infusionsoft se pensi di automatizzare letteralmente qualsiasi cosa: non si può.

Devi individuare cosa puoi automatizzare e cosa no, non puoi gestire tutta la tua azienda su Infusionsoft. Una rete di venditori ben strutturata può ancora vendere dieci volte meglio di qualsiasi software. Sfrutta i poteri di Infusionsoft per automatizzare i compiti più infruttuosi che svolgi quotidianamente.

L’obiettivo è guadagnare del tempo da poter dedicare alla vendita e alle altre pratiche che fanno crescere davvero la tua attività.

Sblocchiamo i superpoteri di Infusionsoft

Abbiamo finalmente scoperto se Infusionsoft è adatto a te.

Focalizziamoci adesso sugli strumenti da abbinare al software per poterne sfruttare appieno le potenzialità.

“Non ho capito, Fabbro. Mi stai dicendo che per far funzionare Infusionsoft ho bisogno di altri programmi?”

Assolutamente no. La versione base di Infusionsoft è abbastanza potente da permetterti di automatizzare gran parte del tuo lavoro.

E allora cosa intendo?

Per fare vendita online oggi hai a disposizione tantissimi strumenti: molti sono utili, molti altri no, alcuni sono indispensabili.

Sito Web e Blog

Personalmente non penserei mai di acquistare Infusionsoft se non avessi un sito internet fatto per il verso.

È vero: esiste la possibilità di creare delle pagine web su Infusionsoft, ma te lo sconsiglio fortemente.

Infusionsoft è il miglior software di automation ma, quando si parla di siti web, WordPress è imbattibile.

PS: mi leggi da poco tempo? Ho parlato ampiamente di WordPress in questo articolo.

Ma perché insisto tanto col sito web? Cosa cambia se non ce l’hai e vuoi fare automation con Infusionsoft?

Facciamo prima un po’ di chiarezza su come si raccolgono i dati sul web in generale e dopo sarà tutto più facile.

In questo caso, quando parlo di dati intendo “nome”, “cognome”, “indirizzo email” e “numero di telefono” dei lead.

“Fabbro! Parla italiano.”

Ops! Il lead è una persona che ha dimostrato interesse verso un tuo prodotto/servizio e ti ha lasciato i suoi dati per ricontattarlo: un potenziale Cliente Su Misura.

I lead, di solito, si acquisiscono attraverso moduli o, se preferisci, form di contatto.

Pensi di non averne mai visto uno? Impossibile! Beccati questo screen:
un modulo di contatto
Che ti dicevo? Se tutti si fidassero del Fabbro il mondo sarebbe un posto migliore!

Torniamo seri. Sempre “di solito”, questi moduli di contatto sono collocati all’interno di siti web, concordi con me?

Bene. Con Infusionsoft puoi realizzare tanti moduli di contatto e collocarli dentro il tuo sito web o la tua landing page.

Facciamo finta per un momento che io sia un tuo potenziale lead e tu non abbia sito e blog. Succederebbe questo:

  1. Ho bisogno del “inserisci nome di un prodotto/servizio che vendi” per risolvere il mio problema. Faccio una ricerca su Google e vedo il tuo bellissimo annuncio. Decido di cliccarlo;
  2. atterro sulla tua pagina web fatta con Infusionsoft, dentro trovo un modulo di contatto. Leggo di come hai già risolto il problema del tuo cliente (lo stesso che ho adesso io) e mi convinco: “questo mi sembra bravo”. Devo compilare il modulo per ricevere sulla mia mail informazioni più dettagliate.
    NB: quella del dare informazioni di valore (un “magnet”, nel gergo) in cambio di dati è una delle strategie migliori per raccogliere lead su misura;
  3. prima di lasciarti i miei contatti, visto che non ti conosco, cerco il nome della tua attività su Google per capire chi sei e se sei uno affidabile;
  4. non trovo il tuo sito web perché non ce l’hai. Non hai un blog e inizio a farmi delle domande. “Perché non ce l’ha? Sembrava bbbello e bravo.” Non è detto che io mi faccia delle domande sensate, bada bene! Qui il problema è che mi sto facendo delle domande;
  5. torno sulla pagina dei risultati di Google della ricerca che avevo svolto nel punto 1. Apro un altro annuncio.
    PS: da questo passaggio in poi ti incazzerai, lo so! Mi spiace ma devi sapere come funzionano queste dinamiche nella vita reale! Solo allora riuscirai a comprendere perché insisto tanto su ‘ste robe, perciò armati di pazienza e afferra una tazza del tuo caffè preferito.
    Questo annuncio mi fa atterrare su un’altra pagina con dentro un modulo. Leggo come “inserisci il nome di un tuo concorrente a caso” ha già risolto in passato il mio problema e mi dico: “beh, pure questo mi sembra bravo”. Devo compilare il modulo per ricevere sulla mia mail informazioni più dettagliate;
  6. prima di lasciargli i miei contatti, visto che non lo conosco, cerco il nome della sua attività su Google per capire chi è e se è uno affidabile;
  7. trovo il suo sito e inizio a navigarlo. Anche se il suo sito non è granché, contiene al suo interno un blog e tantissime informazioni utili. Trovo addirittura le recensioni video dei suoi clienti soddisfatti. Non mi sto facendo troppe domande. Non mi importa neanche se questo tipo è più caro di te, ha vinto! Compilo il modulo e scelgo di diventare un suo lead.
  8. Ho ricevuto dal tuo concorrente un contenuto di valore sulla mia casella di posta: un file PDF con dentro la soluzione al mio problema. Alla fine del PDF c’è un’offerta riservata: “inserisci questo coupon e riceverai questo omaggio insieme al tuo primo acquisto presso di noi”.
  9. Clicco sul bottone in fondo al PDF e mi collego sul suo sito per effettuare un acquisto.
  10. Fine della storiella triste. In realtà può esserci anche un finale peggiore: il prodotto del tuo concorrente è qualitativamente inferiore al tuo.

Se sei rimasto su questa pagina, tivvibì dal profondo del cuore. Lo so, è stato deprimente leggere questa cosa, ma era necessario tu lo facessi.

Oggi hai scoperto come funziona la testa delle persone che cercano e acquistano prodotti/servizi in rete.

Hai capito perché devi avere sito internet e blog per far funzionare meglio Infusionsoft e, ne sono convinto, ti sei deciso a realizzarne uno.

Comincia da qui.

Se pensi stia esagerando, dimmelo pure.

“Oddio, Fabbro… davvero gli utenti fanno tutte ‘ste ricerche solo per lasciare dei dati in un modulo?”

Credimi, è così.

Ormai la maggior parte delle attività si è attrezzata per creare percorsi di questo tipo. La strategia del “magnet” per acquisire lead e vendere in seconda battuta è più comune di quanto pensi. Di conseguenza, gli utenti si stanno abituando a vedere Landing Page di questo tipo. Nel tempo si sono anche abituati a lasciare i propri contatti nei moduli, però non li lasciano a tutti! Se percepiscono che qualcuno è più “esperto” o “affidabile” di te, lasciano i dati a lui, perché si sono già convinti ad acquistare da lui.

Come fanno a percepirlo? Attraverso i contenuti ricercati in rete.

Cosa c’è in rete? Social, siti web e blog.

Mmm… strano! Riesco a sentire ancora le tue perplessità fin qui.

“Niente, Fabbro. Volevo solo dire che la maggior parte dei concorrenti nel mio settore non hanno un sito web o un blog.”

E allora cos’altro aspetti?! Meglio così. Hai la possibilità di superarli tutti e dovresti approfittarne subito.

Conclusioni

Siamo nel 2021, non posso credere tu non abbia ancora un sito web o un blog. Spero di sbagliarmi.

Oggi gli utenti si aspettano che tu ce l’abbia, perché il web funziona così. Devi giocare alle sue regole, per quanto assurde possano sembrarti.

Cura tutti questi aspetti e per te diventerà facilissimo usare Infusionsoft per…

… ops! Stavo dimenticando il martello. Iscriviti subito alla newsletter del Fabbro e presto per te diventerà facilissimo… usare il martello e Infusionsoft per spaccare il web!

Appuntamento con la parte 2 al prossimo martedì!
Il Fabbro

Richiedi la consulenza GRATUITA del Sarto

Fai click qui!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *