Chiudi

Anguria o cocomero?

Le varianti nei nomi di frutti

Tu dici anguria o cocomero?

A seconda di come rispondi… ti dirò da dove vieni!

 

Piena estate, caldo soffocante: chi non ha mai trovato refrigerio in una bella fetta fresca di questo frutto, dalla rossa polpa zuccherina e con la buccia rigida e spessa, striata di verde?

Ti confesso una cosa: a me non fa impazzire, perché non riesco a mangiarla se prima non ho tolto ogni singolo seme dalla mia fetta… ma sul gusto e la freschezza non si discute!

 

E sul lessico?

Qui si discute eccome!

 

Siamo nel campo della variazione linguistica, ovvero della tendenza della lingua a essere mutevole, a seconda di chi la parla, della zona geografica, del livello di istruzione, delle mode e anche ovviamente del periodo storico.

 

In italiano è particolarmente interessante andare a scoprire le infinite variazioni regionali e il loro impatto sul cosiddetto italiano standard.

 

L’argomento di oggi è il Citrullus lanatus, comunemente conosciuto con nomi molto più semplici.

 

Per iniziare, sappi che, generalmente, tutti i nomi dei frutti della famiglia delle cucurbitacee (ovvero zucche, zucchine, cetriolo, anguria e melone, per ricordare le più comuni) presentano un’incredibile quantità di varianti regionali.

(Abbiamo già parlato di zucchina/zucchino in QUESTO ARTICOLO)

 

Quello che ci interessa capire oggi è:

 

Anguria e cocomero sono la stessa cosa?

 

E se la risposta è sì…

perché ci sono due nomi?

 

So che a questo punto ti starai chiedendo perché dovresti metterti a cavillare su questi dettagli.

 

La risposta è una sola: più la tua conoscenza dell’italiano è precisa,  più i testi per la comunicazione online della tua azienda saranno efficaci!

Quindi, se non l’hai ancora fatto, CLICCA QUI per iscriverti alla newsletter e non perderti neanche un articolo della Penna Rossa! 

 

E ora… sei pronto a capire cosa cambia tra  anguria e cocomero?

 

Andiamo a scoprirlo!

 

 

UN PO’ DI STORIA

Come sempre, iniziamo consultando la Treccani:

 

angùria s. f. [dal gr. tardo ἀγγούριον, pl. ἀγγούρια]. – Nome region., molto diffuso, del cocomero (Citrullus lanatus).

 

cocómero s. m. [lat. cŭcŭmis -mĕris]. – 1. a. Erba annua delle cucurbitacee (Citrullus lanatus, sinon. Cucumis citrullus); ha fusto ramoso, prostrato, con grandi cirri semplici, foglie a contorno cuoriforme, fiori monoici a corolla gialla; il frutto è una falsa bacca (poponide) globosa (con diametro fino a 40 cm e peso fino a oltre 20 kg) o ellissoidale, liscia, verde o con strisce chiare, con buccia relativamente sottile, polpa zuccherina rinfrescante, bianca nella parte più esterna e rossa o giallastra nel resto, e semi numerosi di colori diversi. Originario dell’Africa, il cocomero è coltivato in tutto il mondo: nelle diverse regioni italiane prende anche i nomi di melone d’acqua, anguria, pasteca. b. Il frutto del cocomero: una fetta di c.; semi, bucce di c.; fig., avere una pancia come un c., essere molto panciuto. c. fig. Uomo balordo. 2. Nell’Italia settentr. (in varianti dialettali), nome comune del cetriolo. […]

 

Le cose interessanti da notare sono tre.

 

  • Il termine “cocomero” deriva dal latino ed è il nome principale.

Si tratta della variante toscana, e, spulciando un po’ nella storia della lingua, troviamo già la consapevolezza dell’esistenza della variante anguria.

 

  • Il termine “anguria” è un nome regionale (usato prevalentemente nell’Italia settentrionale), e deriva dal greco.

Questo termine derivante dal greco entrò in italiano passando dal veneziano… e la cosa interessante è che il greco tardo angourion significava cetrioli!

 

  • In Italia settentrionale, “cocomero” viene usato per indicare il cetriolo!

Per rendere le cose ancora più interessanti, nell’Italia settentrionale assistiamo a questo slittamento di significato: cocomero c’è, ma indica il cetriolo.

 

Detta così, sembra una faccenda estremamente complessa…

ma per fortuna la lingua evolve e tende a semplificarsi, in qualche modo.

 

Perciò, il risultato oggi è:

 

  • anguria e cocomero indicano lo stesso identico frutto
  • anguria viene usato prevalentemente in Italia settentrionale (ed ecco perché io, che sono piemontese, tendo a chiamare questo frutto anguria!), mentre cocomero è considerabile la forma panitaliana.

 

Tuttavia…

nel sud Italia, il cocomero viene anche chiamato melone d’acqua!

 

 

NON DIMENTICHIAMO I MELONI!

Arrivati a questo punto, non possiamo non parlare dei meloni, dato che abbiamo appena visto che in Italia meridionale il melone d’acqua altro non è che il nostro cocomero!

 

Il melone in realtà (o meglio, in italiano sovranazionale) è tutto un altro frutto; la Treccani dice:

 

melóne (o mellóne) s. m. [dal lat. tardo melo -onis]. – 1. a. Erba annua delle cucurbitacee (Cucumis melo), detta anche popone, originaria dell’Asia o dell’Africa tropicale, coltivata in tutti i paesi caldi e temperati per il frutto commestibile: ha fusto strisciante, ramoso, munito di cirri semplici, foglie scabre, cordate e fiori monoici, gialli. b. Il frutto della pianta, che è un peponide, di solito sferico-ovoidale, ha polpa succosa e profumata, e contiene numerosi semi giallicci. A seconda della forma e dei caratteri della buccia e della polpa, si distinguono diverse varietà: cantalupo, sferico a spicchi pronunciati, con buccia grossa, rugosa o bernoccoluta, polpa gialla; reticolato o retato, ovoidale, con buccia verde che presenta un reticolo biancastro rilevato, polpa bianca, gialla o verdiccia; liscio, ovoidale con buccia liscia (a questo tipo appartiene il m. d’inverno o di Malta, con polpa bianca o aranciata, profumatissima); lungo o serpentino (lat. scient. Cucumis melo var. flexuosus), cilindrico, spesso contorto, lungo fino a 1 m, con polpa poco sapida, rosea o rossastra. 2. M. d’acqua: nome dato nell’Italia merid. al cocomero (cfr., con lo stesso senso, il fr. melon d’eau, il ted. Wassermelone, l’ingl. watermelon), contrapposto al m. di pane, che è il popone.

 

Il melone, quindi, è quel frutto della stessa famiglia dell’anguria/cocomero, ma più piccolo e dalla polpa arancione, gialla o bianca a seconda della varietà.

E i semi sono più facili da togliere!

 

Tuttavia…

anche qui assistiamo a varianti regionali e slittamenti!

 

  • Popone: variante toscana di melone
  • Melone d’acqua: anguria/cocomero, variante dell’Italia meridionale
  • Melone di pane: melone/popone, variante dell’Italia meridionale

 

Non solo: se scendiamo ancora più bei dettagli e nei regionalismi stretti, le varianti aumentano a dismisura.

Ad esempio, per cocomero in Emilia Romagna abbiamo cocomera, comar e cocombra; pasteca in Liguria (influenzato dal francese) citrone in Abruzzo e via dicendo; oppure mellone per melone.

 

 

QUINDI…

A meno che tu non ti rivolga a un pubblico molto preciso e prettamente regionale, al quale puoi parlare usando i regionalismi adatti per meglio entrare nel suo dialogo mentale, ricorda che in italiano standard abbiamo:

 

COCOMERO

frutto dalla polpa rossa e i semi neri

MELONE

frutto dalla polpa bianca/gialla/arancione

 

Anguria è comunque corretto, così come popone e mellone.

In questi casi, il rischio non è quello di compiere un errore, ma di fare una scelta lessicale lontana dall’uso che ne fa il tuo Cliente Su Misura…

e in certi casi di generare brutti fraintendimenti!

 

Perciò, studia prima il tuo Cliente Su Misura nei dettagli, poi consulta il dizionario, e scegli la parola più immediata e comprensibile per i tuoi clienti!

 

Ora tocca a te!

 

Sei impaziente di metterti alla prova per rendere i testi per la comunicazione online della tua azienda scritti bene come mai prima d’ora, per far sì che i tuoi clienti non solo li leggano tutti, ma te ne chiedano altri?

 

Allora non aspettare: 

è uscito il SECONDO libro del Sarto: COMUNICAZIONE SU MISURA: la STRATEGIA DIGITALE che porta la tua azienda al SUCCESSO!

Sei pronto a imparare le tecniche del Sarto per impostare la strategia in grado di portare alla tua azienda il fatturato che hai sempre sognato?

 

Clicca qui per acquistare subito la tua copia!

 

E per scoprire altri errori da NON fare…

… ci vediamo lunedì prossimo!

 

La Penna Rossa

 

BIBLIOGRAFIA

BARATTER P., Il punto e virgola. Storia e usi di un segno, Carocci, Roma 2018.

BECCARIA G.L., Dizionario di linguistica e di filologia, metrica, retorica, Einaudi, Torino 2004.

BERRUTO G., Corso elementare di linguistica generale, UTET, Torino 2012.

CARRADA L., Paroline & Paroloni; Zanichelli, Bologna 2018.

CANNAVACCIUOLO A., Manuale di copywriting e scrittura per il web, Hoepli, Milano 2019.

CERRUTI M., CINI M., Introduzione elementare alla scrittura accademica, Laterza, Roma-Bari 2010.

D’ACHILLE P., L’italiano contemporaneo, Il Mulino, Bologna 2006.

DEL BONO G., La bibliografia, Carocci, Roma 2000.

DELLA VALLE V., PATOTA G., Piuttosto che: cose da non dire, cose da non fare, Sperling&Kupfer, Milano 2013.

FANCIULLO F., Introduzione alla linguistica storica, Il Mulino, Bologna 2007.

EDIGEO (a cura di), Manuale di redazione, Editrice Bibliografica, Milano 2013.

GHENO, V., Guida pratica all’italiano scritto (senza diventare grammarnazi), Franco Cesati Editore, Firenze 2016.

GIUNTA, C., Come non scrivere, Utet, Milano 2018.

MARTINUCCI A., Guida alla bibliografia internazionale, Editrice Bibliografica, Milano 1994.

MIDDENDORP J., TWOPOINTS.NET, Type Navigator. The Independent Foundries Handbook, Gestalten, Berlin 2011.

MORTARA GARAVELLI B., Prontuario di punteggiatura, Laterza, Bari-Roma 2020.

PENSATO R., Manuale di bibliografia, Editrice Bibliografica, Milano 2007.

SCALA F., Piccolo manuale del correttore di bozze, Modern Publishing House, Milano 2011.

SCALA F., SCHIANNINI D. (a cura di), Piccolo manuale di editing, Modern Publishing House, Milano 2009.

SERIANNI L., Italiano, Garzanti, Torino 2000.

 

SITOGRAFIA

Accademia della Crusca – accademiadellacrusca.it

Campagna a sostegno dell’uso corretto di Piuttosto che – piuttostoche.com

Treccani online – treccani.it

Zanichelli online – dizionaripiu.zanichelli.it

Marzullo M., Alcune varianti di nomi di frutti, redazione Consulenze Linguistiche Accademia della Crusca, 18 luglio 2003

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.I campi richiesti sono marcati *

© 2022 I Sarti del Web | Tema WordPress: Annina Free di CrestaProject.