Chiudi

Trasforma le tue parole in soldi 39 – Come scrivere Newsletter che vendono – Parte 1: TRE (+1) motivi per mandare mail alla tua lista

 

  1. Le mail non le legge nessuno.
  2. Le newsletter non funzionano più.
  3. Mi da fastidio ricevere troppe mail quindi non voglio inviarne molte ai miei clienti.

 

Se dovessi fare una classifica delle castronerie che ho sentito più frequentemente sull’utilizzo delle newsletter, direi che questa è quella corretta.

Al primo posto svetta la più frequente – e anche la più sbagliata:

“le mail non le legge nessuno”

 

Ricordo come fosse ieri la prima volta che un imprenditore mi ha detto questa frase, durante una consulenza. Giuro, non ero preparato.

Davvero: non credevo che qualcuno avesse mai potuto pensare una frase del genere.

Eppure… da allora l’ho sentita così tante volte che oramai ci ho fatto il callo. E so cosa rispondere.

La mia risposta veloce è semplice:

“NON È VERO”

 

La risposta lunga invece è un po’ più articolata e prevede che tu faccia un esercizio – semplice, ma fondamentale – per comprenderla:

prova a pensare ad una persona che conosci (che potresti essere tu stesso, in verità) particolarmente appassionata di qualcosa. Pensiamo al calcio.

Il giuoco del pallone, passione senza fine per tantissimi italiani.

Io non ho mai amato il calcio, nonostante mio padre ci abbia provato in tutti i modi. Ricordo che da piccolo mi definivo milanista, ma davvero non ne capivo un fico secco e non mi emozionava. In verità mi piacevano solo le treccine di Ruud Gullit.

Eppure i miei compagni di classe non facevano altro che parlare di calcio.

E, crescendo, la cosa non è cambiata. Ho sempre provato una totale indifferenza verso quello sport (salvo trasformarmi in un esperto di fuori-gioco e tifoso accanito durante i mondiali, ma questa è un’altra storia), mentre intorno a me una marea di gente continua ad essere appassionata.

Cosa fa un vero appassionato?

Guarda la partita la domenica e intanto commenta nel gruppo wa con gli amici.

Gioca al fantacalcio. Magari gioca anche la schedina.

E poi va al bar, ne parla con gli amici.

E legge la Gazzetta dello Sport. Dove parlano della stessa partita di cui ha già parlato con chissà quante persone.

E la storia non finisce il lunedì: ogni giorno c’è qualcosa da dire con il suo gruppo di amici, con i colleghi, o su qualche pagina social: il rigore rubato, l’arbitro incapace, l’allenatore che dovrebbe andare in pensione, quel giocatore lì che è una promessa, quello là che invece è sul viale del tramonto…

Un vero appassionato di calcio NON NE HA MAI ABBASTANZA.

Non c’è il giorno in cui dice “ok, adesso basta calcio”

Non esiste.

Punto.

 

Ora prova ad immaginare il tuo cliente ideale. Il tuo Cliente Su Misura. Non lo vorresti così appassionato per la tua azienda, tanto quanto un tifoso, pronto a leggere le tue mail OGNI VOLTA che ne mandi una?

È così che funziona: la tua Newsletter non sarà mai un fastidio per chi è tuo FAN.

Ma so cosa stai pensando ora: i miei clienti fan sono pochissimi, e io mando newsletter a tante persone, Modellista. Il tuo discorso non torna.

 

Eh, lo so. È controintuitivo.

Ed è proprio per questo che ho deciso di parlarti di Mail e Newsletter per qualche articolo.

Voglio fare ben DUE cose importantissime:

  • Farti capire che DEVI inviare Newsletter alla tua lista mail con frequenza;
  • Spiegarti per filo e per segno come si scrive una Newsletter che vende!

 

Quindi ti chiedo la massima attenzione e concentrazione. Quanto stai per leggere può cambiare in un batter d’occhio la tua visione sull’argomento… e il tuo fatturato!

Ti avverto già: questo argomento non si esaurirà in un unico articolo Blog. Non sarebbe possibile. Non sono qui a raccontarti la favoletta: andremo insieme giù a fondo, scaveremo nei meandri delle tecniche e ti donerò (GRATIS!) tutte le armi che ti servono per trasformare la tua lista mail in una macchina STAMPA-SOLDI.

Per cui, non rischiare di rimanere senza queste informazioni FONDAMENTALI: clicca qui e iscriviti subito alla mia Newsletter. Avrai ben TRE vantaggi:

  1. Non perderai nemmeno un mio articolo;
  2. Vedrai l’utilizzo delle tecniche che sto per spiegarti direttamente sul campo;
  3. …e ogni tanto riceverai qualche offerta unica, destinata solo ed unicamente alle persone iscritte alla mia newsletter.

Mica male, no?

 

Ora è tempo di iniziare. Rimboccati le maniche e prepara carta e penna: oggi vediamo assieme

i TRE obiettivi (+1) che puoi raggiungere mandando con costanza mail alla tua lista!

 

#1 EDUCARE

La tua newsletter ha come primo (e direi anche più importante) obiettivo educare il tuo lettore/cliente.

Cosa intendo per educare?

Per spiegare in ogni suo dettaglio cosa vuol dire “educare il cliente” ci vorrebbe almeno un libro. O come direbbe La Penna Rossa “un’enciclopedia”.

Cercherò qui di riassumerti in poche righe il vero significato di educare il cliente:

il tuo prodotto o servizio lo vendono in tanti. Magari con caratteristiche simili o diverse dalle tue. Qualità maggiore o minore. Prezzo maggiore o minore. Assistenza diversa. Eccetera.

Ma la tua azienda è UNICA e al tuo cliente tu offri qualcosa di UNICO, che può cambiargli la vita come nessun tuo concorrente potrà mai fare.

Ma questo il tuo cliente non lo sa. Non lo può capire. Non ti basterà dirglielo. E tendenzialmente non crede alle parole che legge negli annunci pubblicitari.

Educare allora vuol dire dare al tuo cliente TUTTA la conoscenza che gli serve per capire tutto questo.

E non basta una newsletter. Ci vuole tempo ci vuole tanto materiale.

Ma questa è l’unica strada possibile per rendere i tuoi clienti Clienti Su Misura.

Ci vuole una costante Comunicazione Educazionale. E per questo la Newsletter non è solo lo strumento migliore, è anche quello di cui NON PUOI FARE A MENO.

Perché dovrei comprare da te?

In che senso la tua azienda è diversa dalle altre?

Saranno veri tutti i vantaggi che descrivi?

…queste e altre mille domande popolano i pensieri del tuo cliente. La tua Comunicazione Educazionale (via Newsletter) è l’unica arma che hai a disposizione per dare le giuste risposte e fare in modo che vengano lette!

 

#2 INTRATTENERE

La gente si annoia. Si annoia con una facilità estrema. E non ha alcuna voglia di annoiarsi, anzi.

Tutti vorremmo una vita super emozionante!

La noia è il PEGGIOR NEMICO della tua Comunicazione Online.

Tutto ciò che fa annoiare il cliente diventa fatturato perso, vendite perse, clienti persi. Lo so, non hai aperto un’azienda per fare cabaret e, tranquillo, non farai cabaret.

Ma non puoi assolutamente sottovalutare questo aspetto.

La tua Newsletter deve avere delle caratteristiche necessarie a farla risultare ANCHE uno strumento di intrattenimento:

  • Deve essere facile da leggere, sia come linguaggio che come struttura (questo lo vedremo meglio in un prossimo articolo);
  • Deve essere interessante! È importante che tu conosca i gusti dei tuoi lettori per non dargli mai in pasto Newsletter che non trattano argomenti di interesse.
  • Deve dare VALORE. Le persone non leggeranno le tue mail perché sei tu. Lo faranno perché ci sarà qualcosa di utile per loro!

 

#3 VENDERE!

E finalmente c’è proprio quella parola che stavi aspettando!

Ebbene sì: le Newsletter sono il posto MIGLIORE dove proporre l’acquisto ai tuoi clienti!

Ma attenzione: se dei tre punti che ti ho appena elencato (e del prossimo) prendi solo questo, la vendita…

…non venderai nulla.

Davvero, non stare a provarci. Non esistono stratagemmi e scorciatoie: la tua Newsletter diventa un ottimo strumento di vendita SOLO SE la usi anche per educare e intrattenere.

Se no fa l’effetto dell’ambulante al mercato che urla inutilmente la stessa frase a tutti i passanti!

Andremo ad analizzare meglio anche questo punto. Ora, però, concentrati sul prossimo, che è importantissimo!

 

#BONUS

La tua Newsletter ha una funzione che, seppur in importanza non possiamo dire sia la prima, serve a SORREGGERE le altre.

In altre parole, senza questa funzione, nessuna Newsletter porterebbe mai il minimo risultato alla tua azienda (e al tuo fatturato):

la tua Newsletter deve creare una relazione duratura con il tuo pubblico!

Il motivo è presto detto: tutto ciò che ti serve per vendere si sviluppa solo ed esclusivamente all’interno di una relazione azienda-cliente che si sviluppa nel tempo.

Educazione, ma anche fiducia, ammirazione, rispetto… tutto ciò che porta il tuo cliente a scegliere proprio te per i suoi acquisti si muove qui dentro. Al di fuori di questa relazione, i motivi per cui si compra sono altri (e brutti brutti): il prezzo basso, prima di tutti. Che è il peggior nemico della tua azienda!

 

Inviare Newsletter con costanza è l’unica strada possibile per applicare al meglio la Scrittura Persuasiva e trasformare le tue parole in soldi!

 

Ma questo articolo è già fin troppo lungo. Ho ancora moltissimo da dirti.

Ad esempio:

  • Quante Newsletter devi mandare ai tuoi contatti? Ogni quanto?
  • Quanto deve essere lungo il testo della Newsletter?
  • Quando la Newsletter può vendere e quando invece deve solo intrattenere?
  • Quali sono gli errori che stai facendo quando invii le tue Newsletter?

Queste e (tante) altre domande avranno risposta nelle prossime settimana nella mia rubrica.

Tu che fai, lasci perdere e torni a cercare di vendere con metodi che funzionavano 10 anni fa, o vuoi che ogni tua mail faccia aumentare il fatturato della tua azienda?

Se quello che ti interessa è vendere meglio, vendere di più e vendere ai migliori clienti…

Ci vediamo giovedì prossimo su questo Blog (e sulla tua piattaforma Social preferita)

 

Trasforma le tue parole in soldi

Il Modellista

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.I campi richiesti sono marcati *

© 2022 I Sarti del Web | Tema WordPress: Annina Free di CrestaProject.